Qual è il significato della promessa 'Con Dio ogni cosa è possibile'?

L'hai visto ricamato a punto croce su cuscini e appeso alle pareti. L'hai sentito recitare prima del Campionato Regionale e sussurrato prima di un colloquio di grande lavoro: "Con Dio tutto è possibile!"

Questa frase, trovata in Matteo 19:26, parla dell'onnipotenza di Dio, il suo potere assoluto a ciò che gli piace. È un tema che fa eco in tutta la Scrittura. Quando Sarah e Abraham dubitarono della promessa di Dio di dare loro un figlio, Dio disse: "È qualcosa di troppo difficile per l'Eterno?" (Gen 18:14). Quando Dio mostrò la sua sovranità assoluta a Giobbe nella sua angoscia, Giobbe rispose: "So che puoi fare tutto e che nessuno dei tuoi scopi può essere vanificato" (Giobbe 42: 2). Gesù stesso, quando pregò suo Padre nel giardino prima di essere crocifisso, gridò: “Abba, Padre, tutto è possibile per te. Rimuovi questa tazza da me ”(Marco 14:36). Questa frase, "con Dio tutto è possibile", proclama l'assoluta sovranità e il potere incontestato di Dio.

Temo, tuttavia, che abbiamo dirottato questa frase profonda nelle Scritture e l'abbiamo trasformata in uno slogan per il potere del pensiero positivo. Quindi, prima di discutere qual è il significato di questa promessa, dovremmo chiarire cosa non significa.

"con Dio tutto è possibile" non è un portafortuna

Ecco come interpretiamo tipicamente questa frase: trasformiamo "con Dio tutto è possibile" in "poiché Dio è con me, tutto è possibile ... per me ". In altre parole, poiché Dio è dalla mia parte, posso realizzare qualsiasi cosa Voglio fare. Rivendichiamo la potenza di Dio come una zampa di coniglio fortunata che ci dà la possibilità di inseguire qualsiasi sogno o compiere qualsiasi compito che vogliamo.

Ma questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. Dio non è alle nostre offerte, noi siamo alle sue. Anche se è vero che Dio è sempre con i suoi figli e dà loro forza, non garantisce che avremo successo in ogni impresa. A volte, è volontà di Dio per noi perdere questa opportunità di lavoro o perdere quel campionato statale. Ciò significa che Dio non è davvero tutto potente? Ciò significa che Dio in qualche modo ti ha deluso? Affatto. Quando dirottiamo questa frase, ci prepariamo alla frustrazione, al dubbio e al dolore. Dio è onnipotente, ma non ci dà il diritto di rivendicare quel potere per quello che vogliamo. Quando Gesù pregò suo Padre nel giardino prima di essere portato sulla croce, "tutte le cose sono possibili per te", concluse dicendo: "Ma non quello che voglio, ma quello che vuoi". La realtà dell'assoluto del Padre il potere costrinse Gesù a sottomettersi alla volontà del Padre, non a dirottare quel potere per compiere la propria volontà.

Se Gesù stesso ha risposto al potere di suo Padre in questo modo, non dovremmo rispondere allo stesso modo?

Contesto, contesto, contesto

Quindi, se la promessa "con Dio tutto è possibile" non vuole essere un portafortuna per i miei sogni e le mie ambizioni, cosa significa in realtà? Per rispondere a questa domanda, dobbiamo andare al passaggio in cui si trova la frase, poiché la migliore protezione contro l'uso improprio della Scrittura è comprendere la Scrittura nel suo contesto dato. Quindi, per comprendere meglio questa frase, dobbiamo andare a Matteo 19. Matteo 19: 16–30 è la storia del ricco giovane sovrano che venne da Gesù chiedendogli cosa doveva fare per avere la vita eterna (v. 16). Gesù risponde dicendo che non deve solo seguire tutti i comandamenti, ma anche rinunciare a tutti i suoi beni ai poveri e seguirlo (vv. 17-22). Lungi dal predicare una salvezza basata sulle opere, Gesù stava esponendo i tesori del giovane che lo stavano trattenendo da una devozione a Cristo. Dopo aver ascoltato questo comando radicale, il ricco giovane sovrano se ne va "triste, perché aveva grandi possessi" (v. 22).

Quindi Gesù si rivolge ai suoi discepoli e dice loro che "è più facile per un cammello attraversare l'occhio di un ago che per un ricco entrare nel regno di Dio" (v. 24). I discepoli ne furono stupiti, perché nel loro modo di pensare, i ricchi avevano le migliori possibilità di entrare in paradiso: avevano tutti i vantaggi. La conclusione dei discepoli fu, se una persona ricca non poteva essere salvata, "chi può essere salvata?" Pensavano che se i ricchi non avessero avuto la possibilità, nemmeno gli altri. È a questo punto che Gesù risponde: "Con l'uomo questo è impossibile, ma con Dio tutto è possibile".

Vediamo che, nel suo contesto originale, la frase "con Dio tutto è possibile" è stata applicata alla questione della salvezza. L'umanità non è completamente in grado di raggiungere la salvezza attraverso lo sforzo personale - solo Dio può salvare, perché "tutto è possibile" per Dio. È il massimo esempio della volontà dell'uomo in contrasto con la volontà di Dio. Il ricco giovane sovrano fece tutto il possibile per guadagnare la vita eterna, ma non era abbastanza buono. È solo attraverso la grazia di Dio che si può ricevere la vita eterna.

Cosa significa "con Dio tutto è possibile" nel suo contesto originale? Significa "solo Dio può salvare i peccatori e dare loro la vita eterna". Nessun essere umano può dirottare questo potere, nella salvezza o in qualsiasi altra questione. Quale dovrebbe quindi essere la nostra risposta? Umiltà, sottomissione e fiducia.

Dio fa ciò che gli piace. Agisce secondo la sua volontà, non la mia o la tua. Abbiamo frainteso questa frase quando ci comportiamo come se fosse una garanzia di successo per qualsiasi compito che stiamo affrontando. Noi, come il ricco giovane sovrano, pensiamo di avere il controllo completo sulla nostra vita se Dio è con noi. Invece, dobbiamo renderci conto che, se Dio è davvero con noi, è solo lui ad avere il controllo completo sulla nostra vita.

Poiché tutto è possibile con Dio, dobbiamo sottometterci a lui e cedere al suo piano sovrano, confidando in lui di fare ciò che è meglio per noi, anche quando includeva il fallimento.

Ma che dire di "Posso fare tutto attraverso Cristo"?

Durante questa discussione, potresti aver pensato a un altro passo della Scrittura che sembra contraddire ciò che sto dicendo. Paolo stesso non ha detto: "Posso fare tutto attraverso lui che mi rafforza" (Fil 4, 13)? Non è questo un esempio di qualcuno che rivendica il potere di Dio di realizzare qualsiasi sogno si desideri?

Ancora una volta, il contesto fornisce la chiarezza. Quando Paolo dice: "Posso fare tutte le cose", quali sono le "cose" a cui si riferisce? Filippesi 4: 11–12 fornisce la risposta: “Non che sto parlando di essere nel bisogno, perché ho imparato in qualunque situazione mi accontento. So essere ridotto e so abbondare. In ogni circostanza, ho imparato il segreto per affrontare l'abbondanza e la fame, l'abbondanza e il bisogno. Posso fare tutto attraverso colui che mi rafforza. "

Paolo non sta dicendo che Dio gli dà il potere di fare qualsiasi cosa voglia fare; sta dicendo che Cristo lo rafforza per essere contento in qualsiasi circostanza, in tempi di "abbondanza e fame, abbondanza e necessità". Paolo non stava dirottando il potere di Dio per sfuggire alla povertà o alla fame, si affidava al potere di Dio per essere soddisfatto di Cristo durante i periodi di povertà e fame.

Conclusione

Dobbiamo rallegrarci della gloriosa realtà che "con Dio tutto è possibile", ma non dobbiamo mai aspettarci che Dio usi il suo potere per fare ogni nostra offerta. È sovrano sulla tua salvezza, sul tuo futuro, sulla tua carriera, su ogni tuo respiro. Tutto è possibile per lui e usa quella capacità per realizzare la propria volontà. Sì, è frustrante quando non sappiamo quale sia la volontà di Dio. Vogliamo la certezza che riusciremo in tutto ciò che facciamo. Desideriamo che Dio si pieghi ad ogni nostro capriccio.

Ma questo sarebbe un disastro. Se Dio avesse usato il suo potere per compiere la mia volontà, la mia vita sarebbe finita in un disastro. Non so cosa sia meglio per me, ma Dio lo sa. Devo fidarmi di lui per compiere la sua volontà per la mia vita e posso essere fiducioso che farà esattamente questo, perché "con Dio tutto è possibile".


Aaron Berry è coautore del blog Pursuing the Pursuer. Puoi leggere altri articoli di Aaron e dei suoi colleghi iscrivendoti al loro blog o seguendoli su Facebook, Twitter e Instagram. Aaron attualmente risiede ad Allen Park, MI con sua moglie e sua figlia, dove presta servizio nella sua chiesa locale e ha recentemente completato un diploma MDiv al Seminario teologico battista di Detroit.

Foto per gentile concessione: Thinkstock

Articoli Interessanti