5 miti comuni sulla storia dei tre saggi

Tutti conoscono la leggenda della visita dei tre saggi a Betlemme raccontata ogni Natale. Tre principi arabi seguirono una stella per trovare Gesù bambino, avvolto in fasce e sdraiato in una mangiatoia. Gli hanno regalato regali d'oro, incenso e mirra. Questa storia è vissuta nel corso dei secoli come una parte fondamentale della nascita di Gesù. Ma è veramente reale?

Sappiamo che la Bibbia è inerrante, ma sappiamo che nel tempo le tradizioni sono state aggiunte alla vera storia biblica?

Potresti essere scioccato nel sentirlo, ma ci sono molti miti che circondano questa breve storia scritta in Matteo 2.

Chi erano i tre saggi?

"Dopo che Gesù nacque a Betlemme in Giudea, al tempo del re Erode, i Magi provenienti dall'est arrivarono a Gerusalemme ..." Matteo 2: 1

Sono stati chiamati magi, re e saggi. Ma chi erano, davvero? Probabilmente erano i consiglieri personali del re. Le loro responsabilità includevano la lettura delle stelle e una miriade di lavori di ricerca della saggezza. Alcune tradizioni della chiesa primitiva dicono che ce ne fossero dodici. Oggi scegliamo di onorare tre, perché sono stati offerti tre regali molto significativi. Nel tempo, le tradizioni della chiesa hanno assegnato loro nomi: Melchior, Caspar e Balthasar.

Cosa significa "Magi"?

I re avevano l'abitudine di riunire i migliori e i più brillanti in un corpo consultivo di saggi, osservatori delle stelle e sognatori. I Magi sono consultati nel Libro di Daniele e da Faraone al tempo di Giuseppe. La parola greca magi indica che questi uomini erano astrologi e interpreti di presagi, seguendo una stella e sognando sogni.

La verità è che la nostra fede consente a un luogo sacro di perseverare nei misteri. Ma se desideri un po 'più di chiarimenti sui miti che circondano questi uomini misteriosi, ecco alcune intuizioni dell'autore Dwight Longenecker :

Mito n. 1: c'erano tre saggi

Non abbiamo idea di quanti ce ne fossero. Ciò fu assunto perché tre doni furono dati a Gesù: oro, incenso e mirra. Tuttavia, non conosciamo la quantità di quei doni, o anche se a Gesù è stato dato solo uno di ciascuno. Non c'è modo di sapere quanti.

Mito n. 2: cavalcavano cammelli

Questo è un malinteso comune. Ogni volta che vedi film di questo periodo, gli attori cavalcano cammelli. Tuttavia, le persone in Arabia del Nord in genere cavalcavano solo cavalli arabi. Al tempo della nascita di Cristo i cammelli venivano usati come animali da soma, ma i viaggiatori facoltosi usavano il cavallo più comodo e rapido.

Mito n. 3: hanno seguito una stella miracolosa

Matthew non dice mai di aver seguito una stella. Dice che hanno visto una stella, che la storia insegna è la stella del Nord. I saggi erano astrologi e la stella era un segno astronomico che vedevano che significava la profezia del re ebreo. Ciò non significa che una stella li abbia condotti dall'Arabia a Gesù.

Mito n. 4: erano re

Non è chiaro se fossero o no dei re, ma non erano re. Puoi eliminare completamente l'immagine di "We Three Kings". Avevano legami reali e avevano fiducia nel re Erode.

VEDERE ANCHE: "Cosa ha reso saggi i saggi?"

Mito n. 5: provenivano dalla Persia, dall'India e dall'Africa

Questa idea è stata aggiunta alla tradizione più tardi. Probabilmente provenivano dall'Arabia, non da questi altri paesi o da diversi contesti.

Dwight Longenecker è leader della parrocchia, pluripremiato blogger e relatore. Laureato alla Oxford e alla Bob Jones University, ha scritto sedici libri su diversi aspetti della religione. È autore di un nuovo libro , Mystery of the Magi: The Quest to Identify the Three Wise Men, ora disponibile nelle librerie.

Per ulteriori informazioni, visitare dwightlongenecker.com

Nota del redattore: se ti stai chiedendo un po 'di più sull'origine e lo scopo dei saggi, ecco alcuni ulteriori chiarimenti:

Da dove venivano i saggi?

Venivano “dall'est”, che in base alla natura dei loro doni e alla profezia dell'Antico Testamento, significa che molto probabilmente provenivano dall'antico regno arabo di Saba. L'Arabia era nota per la sua vasta ricchezza proveniente dalle miniere d'oro dell'Africa, nonché dagli alberi boswelliani e commiphora - da cui derivano incenso e mirra. Naturalmente gli uomini della Persia avrebbero potuto portare questi doni, ma significano dare le migliori merci dal loro paese a un re vicino.

Quali regali hanno fatto i magi?

Oro, incenso e mirra hanno il loro significato primario nel loro valore; che stabilisce la loro idoneità per un re. Matteo 2:11 ci dice che questi doni erano grandi tesori, dati come adorazione, ma possono avere un significato ancora maggiore. L'oro era effettivamente associato alla regalità, ma può anche prefigurare lo scopo di Gesù: in 1 Re 6: 20-22, le pareti del Santissimo Luogo e l'altare sono sovrapposte con l'oro. L'incenso faceva parte del culto cerimoniale di una divinità. Questo dono sottolinea la loro convinzione che il re appena nato reclamasse una divinità. La mirra era usata come profumo, olio per l'unzione, tonico medicinale e come ingrediente chiave nella miscela di spezie usata per preparare i corpi per la sepoltura (Giovanni 19: 39-40). Forse questo dono indicava l'umanità di Gesù e il modo in cui avrebbe salvato il suo popolo - che sarebbe morto per loro.


Questo articolo fa parte della nostra più grande biblioteca di risorse per Natale e Avvento incentrata sugli eventi che hanno portato alla nascita di Gesù Cristo. Speriamo che questi articoli ti aiutino a capire il significato e la storia dietro importanti festività e date cristiane e ti incoraggino mentre ti dedichi del tempo a riflettere su tutto ciò che Dio ha fatto per noi attraverso suo figlio Gesù Cristo!

Che cos'è il Natale? Comprensione di storia, origine e tradizioni

Quando nacque Gesù? Storia del 25 dicembre

Dov'è nato Gesù? 5 cose da sapere su Betlemme

La nascita di Gesù: racconti biblici e versetti delle Scritture

Perché oro, incenso e mirra furono dati a Gesù bambino

Versi della Bibbia di Natale e storia delle Scritture

Preghiere natalizie

NEXT: What Is Christmas: Capire la storia e l'origine

Scelti dall'editore

  • 5 belle lezioni per i genitori che soffrono di depressione
  • 10 cricche che esistono in ogni chiesa


Articoli Interessanti