Qual è il significato del verso "Stai fermo e sappi che io sono Dio"?

“Stai fermo e sappi che io sono Dio”, Salmo 46:10, è un versetto popolare per confortare noi stessi e gli altri - molte persone tendono a pensare che questo versetto significhi riposare o rilassarsi in chi è Dio. Questo versetto incoraggia i credenti a riflettere su chi è Dio, ma in questo salmo c'è più di un versetto - e il versetto 10 è in realtà più un campanello d'allarme che un timore reverenziale che una dolce chiamata a riposare. Prendersi del tempo fuori dai nostri giorni per meditare sulla Scrittura e tacere ascoltando le orecchie verso Dio è menzionato in altre sezioni della Scrittura (Salmo 119: 15, Giosuè 1: 8, Luca 5:16 e altri). Ma questo comando - "Sii fermo ..." - è scritto nel contesto di un periodo di guai e guerre; pertanto, dovremmo considerare il verso tenendo presente quel contesto.

Invece di interpretare "essere fermi" come un suggerimento gentile, il significato in questo salmo si presta maggiormente a: "cessare di lottare" o "fermare" e più specificamente in questo contesto "smettere di combattere", che è diretto verso i nemici della gente di Dio. Il popolo di Dio dovrebbe interpretare il comando per se stesso di leggere di più come: "sgattaiola fuori", "svegliati", "smetti di temere" - riconosci chi è il tuo Dio - sii meravigliato! Tuttavia, è bene notare che non c'è nulla di sbagliato nelle parole della traduzione "essere fermi"; quelle parole non sono errate, è semplicemente utile notare il contesto della frase. Il verso 10 ha qualcosa da dire sia ai nemici di Dio che al popolo di Dio, ma è il popolo di Dio in cui è scritto il salmo. Il verso 1 inizia, "Dio è il nostro rifugio e la nostra forza" (enfasi aggiunta). I Salmi sono per il popolo di Dio.

In questo articolo daremo uno sguardo al contesto di Salmo 46:10 e alle varie opinioni su di esso; iniziamo leggendo il Salmo 46 nella sua interezza.

Il messaggio del Salmo 46:

Al maestro di cappella. Dei figli di Korah. Secondo Alamoth. Una canzone.

Dio è il nostro rifugio e la nostra forza, un aiuto molto presente nei guai. Pertanto non temeremo che la terra ceda, sebbene le montagne si spostino nel cuore del mare, sebbene le sue acque ruggiscano e si espandano, sebbene le montagne tremino al suo gonfiore. Selah

C'è un fiume i cui torrenti rallegrano la città di Dio, la santa dimora dell'Altissimo . Dio è in mezzo a lei; non si deve muovere; Dio la aiuterà quando sorgerà la mattina. Le nazioni infuriano, i regni vacillano; emette la sua voce, la terra si scioglie. Il Signore degli eserciti è con noi; il dio di Giacobbe è la nostra fortezza. Selah

Vieni, ecco le opere dell'Eterno, come ha portato desolazioni sulla terra. Fa cessare le guerre fino alla fine della terra; rompe l'arco e frantuma la lancia; brucia i carri con il fuoco. "Stai calmo e sappi che io sono Dio. Sarò esaltato tra le nazioni, sarò esaltato sulla terra!" Il Signore degli eserciti è con noi; il dio di Giacobbe è la nostra fortezza. Sela h ”* Ascolta la versione audio.

Guarda e ascolta questa Scrittura:

Lo sfondo biblico del salmo 46

La prima cosa che apprendiamo è che questo salmo è una canzone per il maestro di musica o il direttore della musica, dei figli di Korah secondo Alamoth. Cosa significa questo: chi sono queste persone e quali sono questi termini? Famoso pastore e autore, Charles H. Spurgeon scrisse un commento, un "magnum opus" di sette volumi, nell'arco di vent'anni nel periodico del Tabernacolo metropolitano di Londra chiamato The Sword and the Trowel . Una volta completato il settimo volume nel 1885, il commento è stato conosciuto come The Treasury of David, a cui è possibile accedere per intero su BibleStudyTools.com. Per quanto riguarda l'intestazione del Salmo 46, Spurgeon spiegò:

Al capo musicista. Colui che sapeva cantare così bene altri Salmi era stato debitamente affidato a questo nobile inno. I trifoli possono essere lasciati ai cantanti più comuni, ma il musicista più abile in Israele deve essere accusato dell'esecuzione dovuta di questa canzone, con le voci più armoniose e la musica più scelta. Per i figli di Korah. Uno solo non può adempiere alle lodi, ci devono essere coristi scelti sotto di lui, il cui gioioso privilegio sarà celebrare il servizio del canto nella casa del Signore. Per quanto riguarda il motivo per cui i figli di Korah furono scelti, vedi le nostre osservazioni a capo del Salmo 42. Potrebbe essere utile aggiungere che erano una divisione dei leviti che si misero a loro volta a servire nel tempio. Tutte le opere del santo servizio non dovrebbero essere monopolizzate da un solo ordine di talenti, ogni compagnia di credenti dovrebbe a tempo debito godere del privilegio. Nessuno dovrebbe essere senza una partecipazione al servizio di Dio.

Una canzone su Alamoth. Il che può denotare che la musica doveva essere acuta per gli acuti o le voci soprano delle vergini ebraiche. ... O la parola Alamoth può riferirsi a stridenti strumenti sonori, come in 1 Cronache 15:20, dove leggiamo che Zaccaria, Eliab e Benaia dovevano lodare il Signore "con salmi su Alamoth". Non sempre, in modo sciatto, cadiamo in una chiave, ma con intelligenza dobbiamo modulare le nostre lodi e renderle adeguatamente espressive dell'occasione e della gioia che crea nelle nostre anime. Questi vecchi termini musicali non possono essere interpretati con certezza, ma sono ancora utili perché mostrano che cura e abilità dovrebbero essere usate nella nostra musica sacra.

Un riassunto del Salmo 46:

Il Salmo 46 è una canzone per Sion, la città santa di Dio in cui il suo popolo abita con lui - la città è santa perché Dio abita in essa. Questo salmo è incentrato sulla sicurezza con Dio che Dio è la nostra vera casa. È per lo più scritto in terza persona, ma al verso 10 c'è un cambiamento e Dio parla direttamente. Durante gli 11 versetti, leggiamo anche diverse descrizioni su Dio - le sue caratteristiche e caratteristiche: è il nostro rifugio, è forte, presente e un grande aiuto per coloro che sono deboli. Dio è più alto di tutti gli altri e in grado di governare soprattutto. Alla sua voce la terra si scioglie.

Leggiamo che questo è il Dio di Giacobbe, è con i credenti ed è esaltato tra le nazioni e sulla terra. È una fortezza e protegge i deboli che gli appartengono. Il salmista sta probabilmente vivendo una sorta di tumulto o guerra mentre menziona le frasi: guai, rabbia delle nazioni, vacillazione dei regni, guerra, lancia, arco e carri, anche se il salmo indica anche un momento futuro in cui le guerre cesseranno. Alla fine del salmo è chiaro che combattere contro Dio è sempre vano, e il popolo di Dio che è protetto dalla loro Potente Fortezza non ha nulla da temere.

Manuale di Zondervan alla Bibbia 5a ed., A cura di David e Pat Alexander, osserva:

Questo salmo [Salmo 46] - quello su cui Lutero basò un famoso inno [Una fortezza potente è il nostro Dio ] - potrebbe essere stato scritto in seguito all'attacco del re Sennacherib d'Assiria a Gerusalemme (2 Cronache 32), qualche disastro naturale, o in anticipazione degli eventi che annunciano l'arrivo del Messia. I versetti 4-5 hanno un parallelo in Apocalisse 22: 1-5, dove l'ideale è perfettamente realizzato. Il salmista si gloria della presenza di Dio con il suo popolo (1, 4-5, 7, 11) e la sua protezione reale e inattaccabile ”.

Un grande asporto dal Salmo 46 è che il popolo di Dio è sempre sicuro, indipendentemente dall'ambiente in cui può vivere sulla terra (tumulto, guerra, distruzione, ecc.) Dio ha assicurato le anime dei credenti attraverso suo Figlio Gesù Cristo.


7 traduzioni bibliche del Salmo 46:10

Versione standard inglese

Stai calmo e sappi che io sono Dio. Sarò esaltato tra le nazioni, sarò esaltato sulla terra!

Nuova Bibbia standard americana

" Smetti di lottare e sappi che io sono Dio; sarò esaltato tra le nazioni, sarò esaltato sulla terra ".

Versione King James

Stai fermo e sappi che io sono Dio: sarò esaltato tra i pagani, sarò esaltato sulla terra.

Nuova versione di King James

Stai fermo, e sappi che io sono Dio: sarò esaltato tra le nazioni, sarò esaltato sulla terra!

Versione standard cristiana

" Smetti [i tuoi combattimenti] -e sappi che io sono Dio, esaltato tra le nazioni, esaltato sulla terra. "

Nuova versione internazionale

Dice: "Stai fermo, e sappi che io sono Dio; sarò esaltato tra le nazioni, sarò esaltato sulla terra ".

Nuova traduzione vivente

" Stai fermo e sappi che io sono Dio! Sarò onorato da ogni nazione. Sarò onorato in tutto il mondo ."

I comandi chiave che leggiamo in queste varie traduzioni sono "essere fermi", "cessare di lottare" e "fermare". Il comando successivo "sapere" è lo stesso in tutte le traduzioni di cui sopra, che si presta in questo contesto per significare "riconoscere "E" siate meravigliati ". Dio si assicurerà che il suo nome sia glorificato tra le nazioni e in tutta la terra.


Scavando più a fondo in questo verso: cosa dicono i commenti?

Alcuni commenti differiscono sul fatto se interpretare il versetto 10 come Dio che parla direttamente ai nemici del popolo di Dio, Dio parla al suo popolo o Dio parla sia ai suoi nemici che al popolo di Dio in modi diversi. Diamo un'occhiata ad alcuni.

I commenti della Bibbia sullo studio ESV:

Poiché l'indirizzo in v. 10, essere calmo e sapere, è plurale, i lettori dovrebbero immaginare che Dio pronunci queste parole alle nazioni, tra le quali alla fine sarà esaltato . Questo è il significato dell'Eterno degli eserciti con il suo popolo (v. 11; cfr. Matt. 28:20): farà davvero in modo che la missione di Gen. 12: 1–3 sia compiuta.

C'è sicuramente un passaggio dalla terza persona alla prima persona, e l'ESV sottolinea la grammatica della frase "stai fermo e conosci". Interpretano la frase come se fosse parlata alle nazioni.

Il commento biblico dell'Espositore di Zondervan spiega il versetto 10,

Il salmista continua a incoraggiare i devoti a 'sapere' che il Signore è Dio. Sebbene fosse allettante allearsi con le potenze straniere, fare affidamento sulla forza militare o abbandonarsi all'idolatria e ai modi pagani, i devoti devono imparare a perseverare fino alla fine. L'esortazione "sii ancora" li invita a smettere di fare una cosa a favore di qualcos'altro. Quale fosse la loro tentazione può essere implicito dal v. 2: "Perciò non temeremo". Nel corso della storia di Israele e Giuda, la grave angoscia nazionale ha portato la tentazione di abbandonare la vera religione per la sicurezza effimera delle alleanze politiche, della forza militare e del paganesimo mondano. Invece di scegliere un'opzione negativa, il popolo di Dio si distingue per la ricerca della pietà: "Sappi che io sono Dio". La conoscenza di Dio include la conoscenza fattuale di lui, delle sue azioni passate e delle sue promesse. Ma in questo contesto, il salmista chiede loro di impegnarsi nel Signore e di cercare il suo "rifugio", "forza" e "fortezza" (vv. 1, 7, 11). La vita di fede è vissuta continuamente nell'impegno per la sovranità, il dominio e l'esaltazione di Dio su tutte le nazioni (cfr Ab 2, 13-14) . ”(Grassetto enfasi aggiunta).

Conoscere Dio in questo contesto significa riconoscere e impegnarsi nel fatto che Dio è l'unico rifugio per cui vale la pena correre, l'unico rifugio che resisterà in ogni circostanza.

Commentatori del passato:

John Calvin, teologo francese durante la Riforma protestante, scrisse:

V.10 Stai calmo e sappi che io sono Dio. Il salmista sembra ora rivolgere il suo discorso ai nemici del popolo di Dio, che si concedono la loro brama di malizia e si vendicano di loro: poiché nel fare del male ai santi non considerano che stanno facendo guerra a Dio. Immaginando di avere a che fare solo con gli uomini, li presumibilmente li assaliscono, e quindi il profeta qui reprime la loro insolenza; e che il suo indirizzo possa avere più peso, introduce Dio stesso a parlare con loro. In primo luogo, li dice di essere fermi, affinché possano sapere che è Dio; poiché vediamo che quando gli uomini vengono portati via senza considerazione, vanno oltre ogni limite e misura. Di conseguenza, il profeta richiede giustamente che i nemici della Chiesa siano fermi e mantengano la loro pace, in modo che quando la loro rabbia è placata possano percepire che stanno combattendo contro Dio.

... In breve, il salmista esorta il mondo a sottomettere e frenare i loro turbolenti affetti, e a cedere al Dio d'Israele la gloria che si merita; e li avverte che se continuano a comportarsi come pazzi, il suo potere non è racchiuso negli stretti limiti della Giudea e che non sarà difficile per lui distendere il braccio lontano dai Gentili e dalle nazioni pagane, che può glorificarsi in ogni terra. In conclusione, ripete ciò che aveva già detto, che Dio ha più che abbastanza, sia di armi che di forza, per preservare e difendere la sua Chiesa che ha adottato . ”(Grassetto accento aggiunto).

Calvino sta indicando lo spostamento della voce del salmista verso i nemici del popolo di Dio, ma è anche una direttiva per tutto il mondo. Dio porterà gloria al suo nome con qualsiasi mezzo e qualunque persona scelga.

Nel commento di The Treasury of David, Charles Spurgeon annotò il versetto 10 come:

Stai calmo e sappi che io sono Dio. Stendi le mani, nemici! Siediti e aspetta con pazienza, credenti! Riconosci che Geova è Dio, voi che sentite il terrore della sua ira! Adoralo, e solo lui, voi che prendete parte alla protezione della sua grazia. Poiché nessuno può degnamente proclamare la sua natura, lascia che il " silenzio espressivo susciti la sua lode ". I vantaggi dei presagi empi e timorosi dei santi dovrebbero certamente essere messi a tacere dalla vista di ciò che il Signore ha fatto nelle epoche passate. Sarò esaltato tra i pagani. Dimenticano Dio, adorano gli idoli, ma Geova sarà ancora onorato da loro ”. (Grassetto enfasi aggiunto)

I nemici del popolo di Dio e il popolo di Dio vedranno Dio esaltato in tutta la terra. Il popolo di Dio non dovrebbe temere perché il suo Dio è con loro e trionferà sul mondo.

Ligonier Ministries ha un grande articolo su Martin Lutero e il suo lavoro con i Salmi; in tempi difficili durante la sua vita, Lutero cantò spesso il Salmo 46 e scrisse persino un inno (Una fortezza potente è il nostro Dio) al riguardo:

“Con irremovibile fiducia in Dio, Lutero rifletté e disegnò

forza da questo salmo scelta:

Cantiamo questo salmo alla lode di Dio, perché è con noi e preserva e difende in modo potente e miracoloso la sua chiesa e la sua parola contro tutti gli spiriti fanatici, contro le porte dell'inferno, contro l'implacabile odio del diavolo e contro tutto il assalti del mondo, della carne e del peccato . ”(grassetto enfasi aggiunto)

Secondo me, questo è il modo più straordinario di prendere il Salmo 46: che Dio è il difensore del proprio nome, del suo popolo e della sua Parola. Solo lui è il nostro protettore, il sovrano sovrano e il rifugio eterno. Le sue azioni non sono ostacolate dalla nostra paura e preoccupazione o dalle nostre menti distratte. Dio è solo Dio e proteggerà coloro che credono nel suo nome e confidano in lui.

Commentatori di oggi:

J. Ligon Duncan, pastore senior della prima chiesa presbiteriana e professore al Seminario teologico riformato nel Mississippi, riassume saggiamente:

E questa è una foto delle conseguenze del giudizio di Dio contro i suoi nemici, la sua guerra contro i suoi nemici. 'Fa guerre per cessare fino alla fine della terra', non attraverso i negoziati, non attraverso il Dipartimento di Stato, ma cancellando tutti coloro che ostacolano le sue vie. Dio parla all'opposizione. Guarda il versetto 10: "Smetti di lottare e sappi che io sono Dio". Questo non è come la parola di Dio per Mosè ai figli di Israele sul Mar Rosso, "Stai fermo e guardi cosa Dio ti farà". Questo è Dio che parla ai suoi nemici, 'Silenzio! Io regnerò '. Questo è l'annuncio di Dio della sua regola e del suo giudizio contro di loro. "Smettila!" Lui dice. "Regnerò sulla terra."

E la città di Dio non lo fa accadere. Il popolo di Dio non lo fa accadere. Siamo semplicemente chiamati a fidarci e ad essere fedeli. Dio fa questo. Questo informa tutto il nostro approccio alla vita cristiana. Vedi, il mondo pensa che la parola di Dio sia così debole. In che modo la parola di Dio può rovesciare il mondo? Lo guardi e basta. 'Fai silenzio! Io regnerò '. Dio, con la sua parola, realizza la sua vittoria. Tutto ciò che siamo chiamati a fare è avere fiducia in quella parola ed essere fedeli nel camminare sulla sua strada. E stiamo fermi, e noi, come il suo popolo, lo vediamo realizzare la salvezza che ha promesso. Che Dio ci consenta in mezzo ai nostri problemi di confidare in Lui, proprio come fece il Salmista .

Quanto è straordinario questo promemoria! Che la voce di Dio ha potere su tutto. Dio ha usato la sua voce per creare l'universo, la terra e tutto ciò che contiene, inclusi noi. Usa la sua voce per realizzare la sua gloria e proteggere vittoriosamente il suo popolo. Metterà fine a tutte le guerre alla fine dell'età usando la sua voce. Questo è qualcosa di cui essere fermi e di cui essere ammirati.

Stephen J. Cole, pastore senior della Flagstaff Christian Fellowship e collaboratore di Bible.org, ci ricorda che l'applicazione del verso è per noi (i credenti):

Inchinati alle sue vie (46:10). Lui è Dio Il comando di smettere di lottare è che Dio parli alle nazioni che combattono contro il suo popolo e il suo proposito. "Non vincerai, quindi esci finché puoi!" Ma possiamo anche applicarlo a noi stessi. Quando il problema colpisce, non lottare contro Dio. Sappi che è il Dio sovrano, anche per la tua crisi. Come Dio, sarà esaltato e glorificato nella terra. Vuole che tu lo esalti sottoponendoti con gioia a Lui attraverso i tuoi problemi . Il fine principale dell'uomo non è vivere una vita felice e senza problemi. Il fine principale dell'uomo è glorificare Dio e goderlo per sempre. Lo glorifichiamo quando ci rinviamo a Lui come nostro sovrano nei momenti di difficoltà. "

Bart Gingerich, caporedattore del Canale evangelico di Patheos.com e parroco della chiesa episcopale riformata di St. Jude, conclude questo verso il versetto 10 [Stai fermo e sappi che io sono Dio]:

In un certo senso, è una dichiarazione per entrambi . Sono notizie su Chi è Dio, cosa fa e il suo personaggio. Questo è un avvertimento per i malvagi / i suoi nemici, ma, guardando al più ampio contesto del Salmo, è un conforto e una buona notizia per il suo popolo assediato. La cosa importante da ricordare è che il giudizio di Dio è una buona notizia ".

Quanto spesso pensiamo al giudizio come a una buona notizia? Il giudizio significa che ci sarà la fine di tutte le guerre e combattimenti; un giorno Dio finirà questo mondo maledetto con il suono della sua voce e inizieranno il nuovo cielo e terra.

Il pastore Steve Moulson, del presbiteriano di Church Hill, racconta:

" Il New American Standard traduce" Sii fermo "come" smetti di lottare ". Penso che il focus del messaggio in questo caso sia il popolo di Dio, poiché il Salmo inizia "Dio è il nostro rifugio e la nostra forza ..." L'obiettivo è quello di indicare agli israeliti la consapevolezza che, sebbene le nazioni possano essere potenti, che Dio lo è ancora di più. Persino la rabbia delle nazioni fa vacillare i regni, ma quando Dio parla che tutta la terra si scioglie! Gli israeliti non sono in definitiva responsabili della propria protezione, lo è Dio ".


Qual è il significato allora del Salmo 46:10?

John Casteel, Pastore senior di The Bridge in South Carolina ed ex mio parroco, sottolinea che "essere fermi" è la stessa cosa che Gesù dice al vento e alle onde in Marco 4:39. Il vento e il mare si sono completamente estinti in silenzio, in soggezione e adorazione del Creatore. Casteel continua,

“C'è un silenzio e una quiete che dovrebbe sorpassarci alla presenza di qualcuno che è così straordinariamente santo e glorioso. La chiamata a tutti è quella di essere ancora davanti al nostro Dio santo, meraviglioso e glorioso ”.

Riassumendo Casteel, mentre più conoscenza e adorazione fluiscono fuori dalla città di Sion - questo è il messaggio di Dio condiviso con il mondo - più persone verranno a conoscerlo e capiranno la sua massima sicurezza e godranno della sua presenza. L'obiettivo di Dio nell'essere con il suo popolo è che possano raggiungere il suo scopo, diffondere la conoscenza di lui in modo che sempre più persone possano conoscerlo.

* Puoi ascoltare il suo sermone completo sul Salmo 46 qui.

Il popolo di Dio deve fermare ciò che sta facendo e riconoscere che solo Dio è il sovrano sovrano dell'universo e impegnarsi a seguirlo. Un giorno fermerà tutte le guerre e sarà esaltato tra le nazioni (i gentili e i credenti ebrei come un'unica famiglia, la Chiesa) e tutta la terra. Non ci saranno dubbi su chi sia Dio e cosa stia facendo.

Alla voce di Dio la terra si scioglie, i nemici cessano di combattere e il popolo di Dio ricorda chi è il loro Dio. Dio comanda l'immobilità e il silenzio, ma perché questo è importante per il popolo di Dio? Il popolo di Dio era incline alla paura; dovevano ricordare chi era il loro Dio. Non abbiamo bisogno di temere la fine della nostra vita - anche nel mezzo della battaglia - perché andremo in quella città; andremo a Sion un giorno. Dimoreremo con Dio e non ci saranno più guerre, nessun dolore e nessuna fine (Vedi Apocalisse 21). Non abbiamo bisogno di temere ciò che il mondo può fare; dobbiamo ricordare chi è il nostro Dio e dobbiamo condividere questa conoscenza con gli altri.

Quindi, non c'è niente di sbagliato nella traduzione "Sii fermo" in Salmo 46:10 contro "Smetti di combattere" o "Smetti di lottare" e certamente non c'è nulla di sbagliato nel credere ai credenti di prendersi del tempo per stare fermi e tranquilli davanti al Signore in preghiera. Questo è qualcosa che i cristiani dovrebbero fare ogni giorno e abbiamo come esempio Gesù in Luca 5. Ma l'interpretazione calma e meditativa di "essere fermi" è la migliore interpretazione del Salmo 46:10 basata sul contesto del salmo come totale? Forse no, come potrebbe togliersi dall'intensità del salmo - il modo in cui Dio può comandare alla terra e tutto ciò che è in essa di essere ancora davanti a lui ed è. Ma ecco cosa dobbiamo ricordare sull'applicazione di questo verso e le diverse opinioni.

John Casteel, Pastore senior di The Bridge, chiarisce:

“La mia opinione è che, in un certo senso, non importa davvero. Tutti sono chiamati a rimanere in soggezione di Dio e, anche se Dio sta parlando alle nazioni, i Salmi sono scritti al suo popolo, per il loro incoraggiamento. Quindi, anche se Dio sta parlando alle nazioni, è a beneficio di Israele.

Indipendentemente dal fatto che interpretiamo "essere fermi", "cessare di lottare" o "fermare" la frase del Salmo 46:10 per essere parole di Dio verso i nemici del popolo di Dio, del suo popolo o di entrambi i gruppi, c'è un grande conforto in questo salmo che si estende oltre un verso. Dovremmo trovare immenso conforto nel fatto che il nostro Dio è un rifugio impenetrabile, che porterà gloria al suo nome tra le nazioni e tutta la terra, e che proteggerà il suo popolo e li porterà alla pace eterna. Ma Dio ci chiama a smettere di temere, di stare fermi e impegnarci con lui. Per sentirci sicuri, dobbiamo sapere che abbiamo una casa impenetrabile con Dio. Casteel ci ricorda,

Per trovare sicurezza in Dio, dobbiamo smettere di trovare sicurezza in tutto il resto. ... Niente in questo mondo ti offrirà la sicurezza che hai in Dio. "

Possono i versi indipendenti che vediamo sulla grafica o che leggiamo nei post, come il Salmo 46:10, ci ispirano sempre a leggere di più della Parola di Dio. Quando vedremo gli stessi versi in futuro, ricorderemo il contesto più profondo del passaggio e saremo grati per chi è Dio nella nostra vita e per le cose incredibili che sta facendo. E possiamo farne parte! Il nostro straordinario Dio, che è così al di sopra di noi, ci permette e ci incoraggia a realizzare il suo scopo con lui. Se non togliiamo nient'altro da questo salmo, ricordiamo la chiamata a diffondere la Parola di Dio in modo che gli altri possano trovare la stessa sicurezza che abbiamo.

“... La mia idea di Dio non è un'idea divina. Deve essere distrutto di volta in volta. Lo frantuma da solo. È il grande iconoclasta. Non potremmo quasi dire che questa frantumazione è uno dei segni della sua presenza ? ”? CS Lewis, un dolore osservato

Dio si assicurerà che la sua gloria sia conosciuta. La sua Parola ci ricorda chi è e ci chiama ad adorare con timore reverenziale. Stai fermo e ricorda chi è Dio, stai fermo e smetti di temere, stai fermo e guarda cosa sta facendo Dio, stai fermo e riconosci la sua grandezza, stai fermo e sappi che Dio è con te ... ora diffondi la conoscenza di chi è!

Una preghiera dopo aver letto il Salmo 46

Mio Dio,

Com'è maestoso il tuo nome in tutta la terra! Sei la nostra potente fortezza, il nostro rifugio nei periodi di conflitto e il nostro protettore, indipendentemente dalle circostanze in cui ci troviamo. Grazie per non lasciarci nelle mani dei nostri nemici; grazie che un giorno tutti i combattimenti si fermeranno e tutte le guerre cesseranno al suono della tua voce. Che in quel glorioso giorno, il tuo popolo sarà con te, sapendo che sei il loro Dio nei secoli dei secoli. Lo Spirito Santo, per favore, dacci speranza fino a quel giorno, sfidaci a vivere come il tuo popolo e donaci grazia e perdono per i nostri errori e le nostre colpe.

Nel tuo degno nome Gesù, con cui tutto ciò è possibile, amen.


Frasi Verso

Questo articolo fa parte della nostra più ampia libreria di risorse di frasi e citazioni di versi biblici popolari. Vogliamo fornire articoli di facile lettura che rispondano alle tue domande sul significato, l'origine e la storia di versetti specifici nel contesto delle Scritture. Speriamo che questi ti aiuteranno a comprendere meglio il significato e lo scopo della Parola di Dio in relazione alla tua vita di oggi.

"Pregare incessantemente"

"Fearfully and Wonderfully Made"

"La fede senza le opere è morta"

"Confida nel Signore con tutto il tuo cuore"

"Tutte le cose lavorano insieme per il bene"

"Sii forte e coraggioso"

"Addestra un bambino nel modo in cui dovrebbe andare"

"Ama il tuo prossimo come te stesso"

"Prendi ogni pensiero in cattività"

"Non avere paura"

"Dio è amore"

"Occhio per occhio"

"Lupo vestito da pecora"

"Posso fare tutto attraverso Cristo"

"Il Signore è il mio pastore"

Articoli Interessanti