Il confronto è biblico?

Che cos'è il confronto?

Il confronto è definito come l'atto di affrontare qualcuno o qualcosa, lo scontro di forze o idee o una situazione ostile tra parti opposte. Nella cultura americana di oggi, sembriamo prosperare nello scontro in superficie sotto forma di pettegolezzi e politica, eppure il 46% degli americani afferma di sentirsi solo, lasciato fuori e / o disconnesso dagli altri.

Molte persone ritengono che il confronto sia troppo esplicito, forse "mescolando il piatto". Non ho fatto alcuna ricerca primaria su questo argomento, ma sono fiducioso che, se dovessi studiare un campione casuale di persone di qualsiasi fascia d'età e chiedere loro quanto siano a loro agio a suscitare conversazioni difficili, vedremmo una statistica sorprendente come quella percentuale di solitudine sopra. Immagina di dover affrontare un argomento difficile con tua moglie. Come ti fa sentire? Che dire di affrontare qualcosa dentro di te?

Se ti senti a disagio, non saresti solo. Questo vale per qualsiasi situazione difficile. Ciò che dobbiamo ricordare, tuttavia, è che il confronto non è semplicemente "mescolare il piatto". Solo perché altri potrebbero aver abusato della loro libertà di parola per sminuire o ferire gli altri, non dovrebbe limitarti a parlare per liberare il tuo cuore. Il confronto può avere a che fare con una battaglia personale che potremmo avere paura di affrontare o andare avanti in una relazione che ci sta a cuore. Alla radice, il confronto è un segno di amore e coraggio. Esploriamo ulteriormente la parola di Dio su questo argomento.

Siamo guidati dalle nostre intenzioni

Essere consapevoli di quelle intenzioni può aiutarci a modellarle per essere più fruttuose per noi stessi e coloro che ci circondano. Galati 5: 22-23 ci insegna quali saranno le nostre intenzioni se siamo guidati dallo spirito, che è guidato dalla fecondità. Essere fecondi è avere il desiderio di fare la differenza positiva, di soddisfare un bisogno. Dice: “ Ma il frutto dello spirito è amore, gioia, pace, perdono, gentilezza, bontà, fedeltà, dolcezza e autocontrollo. Contro tali cose non esiste una legge ".

Se affrontiamo il confronto con l'intenzione di parlare di perdono, di guarire una ferita, di parlare di amore, di rivelare un cambiamento di cuore attraverso la bontà o di indicare alle persone la gioia, questo è esattamente il confronto che è necessario in tutti i cuori! Forse la sensazione che hai di opporti dall'affrontare qualcosa che ti porterà avanti o qualcun altro è il nostro nemico che si manifesta con orgoglio e paura.

Per quanto riguarda il parlare delle tendenze politiche di tendenza, sembra che abbiamo la tendenza a voler urlare nell'oceano contro la corrente. Posso assicurarti che se ti avvicini a un'onda che si scontra frontalmente, quell'onda si schianterà indipendentemente da ciò che farai o dirai. In Matteo 7: 6, Gesù ci insegna “ Non sprecare ciò che è santo per le persone che sono empie. Non gettare le tue perle ai maiali! Calpesteranno le perle, poi si gireranno e ti attaccheranno . ”Ciò non significa che le persone siano inutili se si oppongono a noi. Non veniamo via dall'amore. Tuttavia, funzionano in modo efficiente. Come insegna la parabola del seminatore, i semi sul percorso ampiamente utilizzato saranno mangiati dagli uccelli e il seme nelle spine soffocerà la pianta. Condividi le tue opinioni e prendi posizione. È il tuo diritto Ma proteggi anche il tuo cuore e chiedi a Dio dov'è il buon terreno. Trascorri il tuo tempo lì.

Il confronto è biblico?

2 Timoteo 1: 7 dice: " Perché Dio non ci ha dato uno spirito di paura e timidezza, ma di potere, amore e autodisciplina ". Quando sentiamo il bisogno di confrontarci con qualcosa o qualcuno, è perché sentiamo una passione mescolato in noi stessi. È buono! Quello è del Signore. Anche Dio è appassionato. Cosa succede, però, quando si tratta di esso e sappiamo cosa dobbiamo fare? Quando sappiamo che l'unico modo per superare questa cosa è passarci attraverso? Paura. Ci tagliamo fuori. Diventiamo venditori e ne parliamo. Lo facciamo a nostre spese. A scapito della pace, dell'amore, del progresso in qualche modo. È molto più gratificante combattere quella paura e spingere o altrimenti Dio non ci avrebbe dato uno spirito di potere per procedere. Non dovremmo nasconderci dallo scontro se ciò significa andare avanti.

In Giacomo 5:16 leggiamo: “ Confessate i vostri peccati gli uni agli altri e pregate gli uni per gli altri affinché possiate essere guariti. "Questa confessione del peccato si applica anche alle confessioni del cuore. Quando ci sentiamo agitati, abbiamo un'occasione privilegiata per questa parola spaventosa: connessione. Quando abbiamo una connessione, siamo più vicini a Dio nei nostri cuori. Di conseguenza, ci avviciniamo alle persone che lasciamo entrare e approfondiamo insieme in relazione.

Idealmente, stai condividendo con qualcuno che ti rispetta. Se continuiamo a leggere, dice: “ La preghiera sincera di una persona giusta ha un grande potere e produce risultati meravigliosi. "Man mano che ci togliiamo le cose dal petto, mettiamo noi stessi, e possibilmente gli altri a seconda della situazione, nella giusta posizione l'uno con l'altro. Se affrontiamo le questioni dentro di noi, ci mettiamo in piedi con Dio. Quando siamo nella giusta posizione, preghiamo, perdoniamo e andiamo avanti. È qui che ritroviamo quella parola, la connessione sempre importante di cui tutti abbiamo un disperato bisogno.

I due ruoli della risoluzione dei conflitti

Il confronto è uno dei migliori strumenti di cui disponiamo per la risoluzione dei conflitti. Come dice Ron DeArmond in questo articolo, "senza di esso, accogliamo con favore la divisione nelle nostre vite". Quando inizieremo a esercitare questo confronto di più, inizieremo a vedere uno schema. Quel modello è che ci sono due ruoli nella risoluzione dei conflitti quando si ha a che fare con altre persone. Manteniamo una delle due posizioni: condivisione o supporto.

Come colui che condivide, che cerca supporto, la nostra responsabilità è assicurarsi che quello da cui ci aspettiamo il supporto capisca le intenzioni del nostro cuore. Un supporto efficace arriva quando la nostra intenzione condivisa viene trasmessa correttamente con la persona giusta. Se la nostra intenzione è feconda e andare avanti, è molto più facile perseguire una dura conversazione perché l'obiettivo è chiaro, raggiungibile e desiderabile.

Come colui che sostiene, è nostra responsabilità assicurarci di dare a chi condivide la giusta opportunità. Ricordo spesso che all'inizio del mio matrimonio mia moglie iniziava a condividere cose con me che sentivo di aver sentito prima o con cui non ero d'accordo. Ho iniziato a vederla lamentosa o volevo solo lamentarmi. Sono sicuro che puoi immaginare il livello di supporto che le stavo dando. Man mano che maturavo e realizzavo le opportunità che mi mancavano, mi chiedevo perché non condividesse così tanto e ho iniziato a mancare, sentendomi in colpa per quello che ora capivo. Puoi essere un sostenitore migliore in questo momento. Dai a chi condivide la tua piena attenzione. Consenti al tuo cuore di essere aperto, libero da giudizio e opinioni. Preparati a esercitare quell'autocontrollo che Dio ha messo nel tuo spirito e ad ascoltare veramente. Tieni presente che la persona che condivide probabilmente ha combattuto una battaglia prima ancora di sollevare qualcosa e che il punto è che la loro consegna sia esemplare o meno. Se qualcuno ti presenta un problema, significa che si fidano di te e hanno bisogno di qualcosa da te. Amici miei, prego che non perdiate quelle meravigliose possibilità quando arrivano.

Risoluzione dei conflitti o conversazione?

Quando ti senti a tuo agio nel risolvere i problemi, potresti perdere l'equilibrio tra la risoluzione dei conflitti e quella che è solo una conversazione casuale. Ciò è particolarmente vero se non hai mai affrontato paure prima. È eccitante! È facile rimanere in quella zona. Lo dico come un "fissatore". Ho questa naturale tendenza ad ascoltare, analizzare e fare un piano d'azione.

Comprendere le sottili differenze di queste cose è probabilmente meglio riconosciuto in una conversazione coniugale casuale. La risoluzione dei conflitti è facile da identificare perché è generalmente necessaria quando qualcosa ti interrompe in qualche modo. Forse sono ferito e poiché sono ferito non sto dando al mio coniuge l'attenzione che normalmente avrei avuto. A loro volta, si fanno male. Entrambi siamo colpiti e abbiamo bisogno di una risoluzione dei conflitti avviata dal confronto.

In una conversazione informale, troviamo una persona che sta solo condividendo la propria giornata e forse addirittura si lamenta di alcuni, ma ciò non significa che dobbiamo sbrigarci a confrontarci con qualcosa e offenderli perché non "ascolteremo semplicemente". La differenza chiave tra i due è che la risoluzione dei conflitti in genere implica qualcosa che deve uscire allo scoperto, mentre la conversazione ha una lavagna pulita e sta solo parlando delle cose che vengono fuori.

Confrontarsi

Gli esperti di psicologia suggeriscono che il modo più efficace per far fronte ai fattori scatenanti l'ansia è l'esposizione. Se hai paura degli ascensori, dovrai salire su un ascensore. Fallo ancora e ancora. Se hai paura di guidare un'auto, dovrai guidare un'auto. Se hai paura di un'emozione o di un evento che si è verificato nella tua vita, dovrai affrontare questa emozione o evento all'aperto. Se non lo facciamo, ci minacciamo di aprirci alla mentalità della vittima mentre prendiamo sempre più decisioni per evitare qualunque cosa di cui abbiamo paura.

Sto parlando di ansia o sto parlando di confronto? Bene, entrambi. Il confronto con gli altri è molto più facile da identificare, quindi ci sentiamo più a nostro agio in questo. Ma con noi stessi, ci possono essere posti in noi così dolorosi, così confusi, che non osiamo andarci. Se applichiamo la stessa paura di confrontarci con gli altri interiormente, è qui che ci troviamo ansiosi, depressi e senza controllo. Ti esorto ad affrontarlo. Fallo e basta. Sfrutta il sostegno attraverso la preghiera e attraverso quelli di cui ti fidi di più. Condividi ciò che stai attraversando. Esponilo alla luce. Ogni volta diventerà meno spaventoso e ti troverai più soddisfatto e sicuro di te.

Come società, siamo soli, siamo in difficoltà e abbiamo paura. Vogliamo rivendicare il ruolo di "peacekeeper", ma ci lasciamo fuori dall'elenco delle priorità. Usando i frutti dello spirito come guida per le nostre intenzioni, troviamo l'equilibrio di un sano confronto che protegge i nostri cuori, così come i cuori degli altri. Troviamo l'equilibrio di chi dovremmo evitare di affrontare attraverso l'insegnamento di Gesù. Il confronto è un potente strumento per risolvere i conflitti con noi stessi e coloro che ci circondano. Può condurti in un luogo di maggiore comprensione, connessione, fiducia e rispetto, ma devi impegnarti in esso. Connettiti all'opportunità di ciò che potrebbe andare bene più di quanto ti connetta alla paura di ciò che potrebbe andare storto. Condividi bene e supporta bene. Sei amato.


Kyle Blevins è l'unico collaboratore del blog, REDIRECTED, che si concentra sulla riscoperta dello scopo attraverso l'amore. La sua vita spezzata prese una svolta dopo essere stata circondata da persone positive che credevano di poter fare di più. La sua passione si collega e incoraggia coloro che cercano un nuovo inizio nella vita e in Cristo. Puoi seguire il suo blog su iamredirected.com.

Articoli Interessanti