Il lato oscuro della responsabilità cristiana

Se dovessi cercare la definizione di responsabilità, Merriam Webster ti darebbe:

“La qualità o lo stato di responsabilità; in particolare: l'obbligo o la volontà di accettare la responsabilità o rendere conto delle proprie azioni . "

Ma l'idea di "rendere conto" non è solo una dichiarazione che spiega la propria condotta. Nella comunità cristiana, diventa un po 'più complicato.

La responsabilità cristiana comporta l'incontro con qualcuno di cui ti fidi, qualcuno radicato nella loro fede che ti incontrerà, ti ascolterà, ti incoraggerà e ti consiglierà nel tuo cammino con il Signore, il che implica sempre la nostra battaglia con il peccato. Oltre ad essere una pratica spirituale, la responsabilità è una connessione forgiata attraverso la relazione, la fiducia, la vulnerabilità emotiva e gli alti e bassi della nostra camminata spirituale.

È qui che le cose si sporcano.

Poiché la responsabilità dei cristiani comporta un equilibrio di così tante delicate componenti psicologiche, emotive e spirituali, è facile che le cose vadano fuori controllo, trasformando la pratica da qualcosa di incoraggiante ed edificante in qualcosa di potenzialmente dannoso.

Sembra un po 'estremo?

Jayson Bradley non la pensa così. Nel suo articolo, "Che cosa c'è di sbagliato in Christian riguardo alla responsabilità", Bradley esamina il lato oscuro della responsabilità cristiana, uno che alza la testa quando iniziamo a elevare la pratica sulla relazione.

Secondo Bradley, la nostra attenzione alla pratica della responsabilità sull'amore cristico della comunità cristiana fa accadere tre cose:

1. La crescita spirituale diventa ciò che non faccio.

2. La crescita spirituale diventa qualcosa che ottengo attraverso grinta e determinazione.

3. Siamo addestrati a vedere l'amore come il monitoraggio reciproco.

La nostra tendenza a vedere la responsabilità come un "mezzo per impedirci di fare cose" cattive "può essere particolarmente ingannevole.

"Molte parabole di Gesù si sono concentrate sul bene che abbiamo lasciato sciolto piuttosto che sul male che facciamo", scrive Bradley.

"Questo non significa che le cose negative che non contano, ma è molto più difficile ritenere qualcuno responsabile delle opportunità che ignorano. Non chiederesti mai a un partner di responsabilità: "Ehi, hai camminato vicino a qualche viaggiatore che giace in una fossa oggi? Hai dimenticato di visitare qualcuno in prigione oggi? Hai dimenticato di vestire qualcuno che era nudo?

Tuttavia ciò che trascuriamo di fare dice tanto sul nostro sviluppo spirituale quanto ciò che continuiamo a fare che non dovremmo. Quando riduciamo la santità semplicemente per "smettere di peccare", diventiamo incredibilmente superficiali e perdiamo il quadro generale di ciò che la salvezza di Cristo è veramente una questione di trasformazione:

È un pensiero che fa riflettere, e solo un esempio del motivo per cui dobbiamo controllare e ricontrollare regolarmente la nostra attenzione. Stiamo guardando il quadro generale dell'amore redentore e paziente di Cristo? Siamo disposti a percorrere la lunga strada della trasformazione del cuore l'uno con l'altro ... o stiamo ponendo l'accento esclusivamente sul cambiamento del comportamento?

Bradley scrive anche che le relazioni reali richiedono più della responsabilità:

Abbiamo bisogno di amicizie spirituali - quelle che contengono elementi di responsabilità, ma non sono definite da esso.

"L'amicizia deve crescere oltre la necessità di" rendere conto "agli altri. Perché alla fine, dare una relazione sul mio cattivo comportamento non è amicizia o comunità.

Invece, gli amici spirituali si aiutano a vicenda a riconoscere il movimento e i suggerimenti di Dio . Si incoraggiano l'un l'altro a rimanere in contatto con la vite in modo da poter produrre frutta. E mentre ci possono essere momenti in cui questi tipi di amici hanno bisogno di dirsi cose difficili, è sempre con un senso di umiltà e amore. "

"Si tratta di fiducia", scrive Bradley.

Ed è quello che porterà i nostri cuori solo un passo avanti verso la vita reale e vera, commossa non per obbligo, ma stimolata dall'amore.


Data articolo: 10 ottobre 2017

Foto per gentile concessione: © Unsplash

Cristina Rutkowski Ford è un'artista, scrittrice e comunicatrice creativa con sede a Richmond. Oltre a scrivere, creare e trovare una parvenza di equilibrio nella vita, Cristina incanala le sue passioni nel suo lavoro come editore di Crosswalk.com.



PROSSIMO POST Perché Dio è la differenza tra felicità e gioia Leggi di più Trending Perché Dio è la differenza tra felicità e gioia lunedì 9 ottobre 2017

Articoli Interessanti