Trovare speranza nella storia della donna samaritana

Speranza ben piazzata

Quindi se Gesù è sempre con noi, dove lo cerchiamo? Bene, suppongo che la risposta più semplice sia "ovunque". E mentre sembra un'affermazione molto generale, quando ci fermiamo davvero a considerarla - quando smettiamo di pensare che il Salvatore del mondo vuole che lo incontriamo nel mezzo di ai nostri giorni, ovunque ci troviamo, può rivoluzionare il nostro pensiero e potenziare i nostri cuori.

Perché un incontro con Gesù cambierà per sempre la nostra vita.

C'è questa donna descritta nelle Scritture come la samaritana. Non si chiama, ma è identificata dalla sua nazionalità. Questo in realtà ci dice molto su di lei. I samaritani erano stati una volta ebrei. Sapevano tutto del futuro Messia. Conoscevano la legge ebraica. Ma si erano sposati con persone di altre fedi. Avevano portato nuovi dei nella loro terra e, di conseguenza, sapevano che sarebbero stati esclusi quando sarebbe arrivato il Messia. Sapevano anche dove si trovavano agli occhi degli ebrei.

Un pomeriggio, questa samaritana andò ad attingere acqua dal pozzo e quando arrivò trovò un uomo ebreo seduto sul muro del pozzo. Non ci pensò molto e si occupò dei suoi affari. All'improvviso quest'uomo le parla: "Mi darai da bere?". . . .

La samaritana gli disse: "Tu sei ebreo e io sono samaritana. Come puoi chiedermi un drink? ”(Gli ebrei non si associano ai samaritani).

Gesù le rispose: "Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è che ti chiede da bere, glielo avresti chiesto e lui ti avrebbe dato l'acqua viva".

Data la sua eredità, questa donna samaritana non era estranea agli insegnamenti ebraici, secondo cui ci sarebbe stato un Messia che sarebbe venuto e avrebbe salvato il suo popolo. Ma non era ebrea e quindi la salvezza non sarebbe venuta per lei. Almeno, questo è quello che ha pensato fino a quel pomeriggio in cui Gesù le ha parlato.

Gesù le ha parlato delle cose che stanno succedendo nella sua casa. Le parlò di alcune delle cose che probabilmente pesavano di più sul suo cuore, e poi all'improvviso, qualcosa dentro di lei scattò. Si rese conto che non era come ogni altro uomo ebreo.

Come faceva a sapere così tanto di lei? In che modo quest'uomo sapeva esattamente cosa aveva bisogno di sentire? E poi disse a Gesù (quasi come una domanda più che un'affermazione):

"So che il Messia" (chiamato Cristo) "sta arrivando.

Quando verrà, ci spiegherà tutto. "

Quindi Gesù dichiarò: "Io, colui che ti parla, io sono lui". 7

Adoro ciò che fa questa donna samaritana in risposta. A questo punto non dice più una parola a Gesù. Non perde tempo. Le Scritture dicono: “Quindi, lasciando il suo barattolo d'acqua, la donna tornò in città e disse alla gente: 'Vieni, vedi un uomo che mi ha detto tutto quello che ho mai fatto. Potrebbe essere questo il Messia? Uscirono dalla città e si diressero verso di lui. "

Le scritture continuano a dirci che tutta la sua comunità ha conosciuto Gesù a causa dell'incontro con Lui quel pomeriggio.

Amo così tanto questa storia e ci sono così tante belle verità che potremmo passare del tempo a discutere. Ma la mia parte preferita di ciò che è accaduto quel giorno ha a che fare con i tempi. Ho sentito che la maggior parte delle donne non è andata ad attingere acqua nel pomeriggio - di solito andavano la mattina quando faceva freddo. Ma per qualche ragione, questa donna uscì a metà giornata, quando si aspettava che non ci fosse nessun altro, ed è esattamente quando Gesù l'ha incontrata.

Adoro immaginare il volto di Gesù mentre questa donna gli si avvicinava. Perché è Gesù, e questo significa che non solo l'ha vista arrivare quel pomeriggio, ma ha anche visto quel momento arrivare dall'inizio dei tempi. Credo che quando la terra si stava ancora formando, quando il Signore stava ancora scolpendo i mari, gli oceani e le montagne nelle sue mani, aveva già visto il suo incontro con la donna samaritana. Conosceva già il risultato e mentre lei gli si avvicinava nel bel mezzo della sua giornata ordinaria, mi piacerebbe pensare che sorridesse, pensando, ti stavo aspettando! Deve essere stato pieno di gioia, sapendo che stava per scoprire l'unica che potesse soddisfare il suo cuore e darle vera speranza.

Era semplicemente seduto sul muro del pozzo, ad aspettarla. . . nel posto esatto in cui si troverebbe. . . al momento esatto sarebbe stata lì. . . solo per avere un incontro con lei.

E, amico, fa lo stesso per te. Ti vede arrivare. Sa tutto di te e ti ama allo stesso modo. A volte, la frenesia dei nostri giorni ci impedisce di cercarlo, ma ti sta aspettando, amico. Si posiziona nella tua vita in modo da poterlo incontrare faccia a faccia proprio quando ne hai più bisogno. E quando incontrerai Gesù, il tuo cuore imparerà la dolcezza della sua voce e sarà impossibile perdere di nuovo la sua presenza.

Ascolta il Padre dire speranza al tuo cuore. Ascoltalo ti ricorda che non ti lascerà né ti abbandonerà. Non ti abbandonerà. Guida le tue mani e il tuo cuore, insegnandoti, suo figlio. Quando pensavi di essere tutto solo, era con te. Quando eri convinto che fosse lontano, ti teneva stretto. Qualunque cosa accada, puoi affrontarla insieme. Qualunque cosa sia appena oltre quell'orizzonte, ti ha coperto. Perché in Lui c'è amore, pace, gioia, salute, integrità, protezione e tutto ciò di cui potresti aver bisogno. Ed è sempre con te.

[Nota del redattore: estratto da Hope Unfolding di Becky Thompson Copyright © 2016 di Becky Thompson. Estratto dal permesso di WaterBrook, una divisione di Penguin Random House, LLC. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo estratto può essere riprodotta o ristampata senza autorizzazione scritta dell'editore.

B ECKY THOMPSON è autore, relatore e creatore del sito Web di grande successo, Scissortail Silk, noto anche come BeckyThompson.com. Quello che è iniziato nel 2013 come semplice blog di moda è diventato uno spazio di incoraggiamento e ispirazione per milioni di donne in tutto il mondo. Thompson risiede in Oklahoma con suo marito e i loro tre figli. Hope Unfolding: Grace-Filled Truth for the Momma's Heart è il primo libro di Becky.

Il riferimento alle Scritture è Giovanni 4.

Data di pubblicazione : 15 marzo 2016

Articoli Interessanti