Victoria Osteen porta il culto di Dio a un nuovo livello: tutto dipende da te

"Ciò che ci viene in mente quando pensiamo a Dio è la cosa più importante di noi", ha scritto AW Tozer più di mezzo secolo fa nel capitolo uno del suo libro, La conoscenza del santo . Una giusta visione di Dio è necessaria non solo per la teologia sistematica ma anche per la vita pratica cristiana.

Ma in molti luoghi, il vero concetto di santità e maestà di Dio è stato sostituito da una visione così bassa di Dio che, per citare Tozer, "è assolutamente indegno di pensare, adorare gli uomini". Allegato A: le parole di Victoria Osteen da il suo recente discorso alla Lakewood Church di Houston, in Texas ...

"Voglio solo incoraggiare ognuno di noi a rendersi conto quando obbediamo a Dio, non lo stiamo facendo per Dio — voglio dire, è un modo per guardarlo — lo stiamo facendo per noi stessi, perché Dio si compiace quando siamo felici. Questa è la cosa che gli dà la gioia più grande. Quindi, voglio che tu sappia questa mattina: fai solo del bene per te stesso. Fai del bene perché Dio vuole che tu sia felice. Quando verrai in chiesa, quando lo adori, non lo stai facendo davvero per Dio. Lo stai facendo per te stesso, perché è questo che rende felice Dio. Amen? " (La congregazione applaude).

I social media sono stati recentemente in fermento con un video della suddetta citazione che si è conclusa con Bill Cosby che dice: "Questa è la cosa più stupida che io abbia mai sentito." Non solo la teologia di Osteen è errata, ma è poco pratica. Non ha senso la disperazione che vediamo nei Salmi, nei Lamentazioni o nella sofferenza dell'apostolo Paolo. Ci si chiede come i cristiani di oggi, le cui vite sono segnate da una profonda sofferenza, tragedia o persecuzione per la loro fede, possano applicare le parole di Victoria Osteen.

Come risponderesti a un dio come Osteen descrive se tu fossi un cristiano morente di cancro, o se avessi subito un aborto o il tuo bambino di 16 mesi fosse appena annegato? Vorresti sputare di fronte a un simile Dio. Solo quando abbiamo incontrato il Dio biblico, possiamo veramente soffrire e sopportare gli aspetti infelici della vita in un mondo decaduto mentre cammina con noi in quei tempi oscuri (ad es. 2 Cor. 1: 1-11).

Il professore e autore della Bibbia, Daniel Wallace, ha risposto alla dichiarazione di Victoria Osteen con profonda preoccupazione che la sua visione sia il sintomo di un problema molto più grande:

"Alcuni dei più palesi narcisisti che mai provengano da un pulpito possono anche essere posati ai loro piedi [gli Osteens]. Non solo narcisistici, ma anche blasfemi. Bisogna chiedersi come può una megachurch nella fibbia della cintura biblica andare avanti senza che i congregati si svegliano e sentano l'odore di ciò che viene spalato nella loro direzione. Se Lakewood Church è qualche indicazione dell'alfabetizzazione biblica, della vera devozione a Cristo e della fratellanza dei santi della chiesa evangelica americana, siamo in gravi difficoltà ".

"La chiesa evangelica in America ha bisogno di autoriflessione corporativa e pentimento corporativo. Come ci trattiamo l'un l'altro, come onoriamo Dio, qual è la nostra comprensione e il nostro impegno per il Vangelo e come misuriamo il vero successo tutti hanno bisogno di una revisione seria. il problema alla radice sembra essere duplice: l'emarginazione della parola di Dio e la "buddyization" di Gesù Cristo ".

Il tuo turno: cosa ne pensi della visione di Dio di Victoria Osteen? La tua felicità è ciò che "Gli dà la gioia più grande?"

Alex Crain è l'editore di Christianity.com



PROSSIMO POSTO 6 Le cose che l'amore non è più Leggi di tendenza 6 Le cose che l'amore non è venerdì 29 agosto 2014

Articoli Interessanti