3 modi per fidarsi di nuovo di Dio dopo aver colpito Hard Times

Nota del redattore : questa è la prima di una serie in tre parti di Overcoming Life's Hurts.

Se ti sei mai trovato a dire "Non doveva succedere", so come ti senti.

Anch'io mi sono trovato a dirlo a 19 anni quando è stato rivelato l'alcolismo di mio padre e i miei genitori hanno divorziato. Sono stato cresciuto in chiesa e questa è stata l'ultima cosa che mi aspettavo accadesse nella mia famiglia. Tutto ciò in cui ho trovato sicurezza sembrava sgretolarsi sotto di me. Mi ritrovai a chiedermi perché Dio non tenesse insieme la mia famiglia. Perché non ha impedito che si verificasse la rottura? Perché sembrava sedersi?

Il mio conforto venne - e le domande rimasero immobili - quando mi imbattei in questi versetti nella Bibbia:

"Poiché i miei pensieri non sono i tuoi pensieri, né le tue vie sono le mie vie", dichiara il Signore. "Poiché i cieli sono più alti della terra, così sono le mie vie più alte delle tue vie e i miei pensieri dei tuoi pensieri" (Isaia 55: 8-9).

Era come se Dio stesse dicendo "So cosa sta succedendo qui, Cindi, e anche se non lo capisci, devi fidarti di Me." Mi sono reso conto che non era così importante per me capire perché stavo facendo del male, ma era essenziale che mi fidi di Colui che, innamorato, permetteva che accadesse il dolore.

Ho scelto di fidarmi di Dio quel giorno, piuttosto che di interrogarlo. E posso onestamente dirti che oggi, quasi 30 anni dopo, Dio ha lavorato per sempre l'intera situazione nella mia vita (lavorando in una fiducia più profonda in me e mostrandomi come essere compassionevole verso coloro che fanno male), nella vita di mio padre, che ora è sobrio da 30 anni e lavora per innumerevoli altri alcolisti, e nella vita degli altri miei familiari. Dio ha causato quelle situazioni dolorose nella mia famiglia? No. Ma è stato in grado di lavorare attraverso di loro per far uscire uno scopo dal nostro dolore.

Le nostre vite spesso non vanno come previsto, ma non pensare per un minuto che tutto ciò che è accaduto nella tua vita abbia colto Dio di sorpresa.

Dopo 30 anni di ministero presso le donne, oltre a provare dolore nella mia stessa vita (un po 'di cui ho menzionato sopra), posso assicurarti che Dio ha una ragione e sa cosa sta facendo nel permettere qualunque cosa ti spezzi il cuore, ti rallenta giù o ti dà dolore.

Nel mio libro, Quando una donna supera la vita fa male, offro dieci passi verso la guarigione e l'integrità. Il primo passo è capire che c'è una ragione e uno scopo dietro il tuo dolore . So che è più facile a dirsi che a farsi, quindi lascia che ti dia tre modi pratici per iniziare a fidarti di questo Dio amorevole e onnisciente su base giornaliera, anche quando fai male:

1. Grazie a Dio nel mezzo del tuo dolore

La Scrittura dice "Ringrazia in ogni circostanza che questa è la volontà di Dio per te in Cristo Gesù" (1 Tessalonicesi 5:18, enfasi aggiunta). Poter dire "Grazie, Dio, anche se non lo capisco" non è solo un atto di obbedienza in cui vivi la volontà di Dio per la tua vita, ma è un atto di fede. (E Ebrei 11: 6 dice "senza fede è impossibile piacere a Lui ...). Puoi praticare questo passaggio cruciale di fede e obbedienza in questo momento ringraziandolo per ogni doloroso ricordo che hai, non perché ti senti grato, ma perché ti viene comandato di essere grato ... e perché desideri piacere al suo cuore?

2. Di 'a Dio che sei pronto a crescere

I tempi feriti sono opportunità per avvicinarsi a Dio. Digli che sei pronto a vedere ciò che vuole che tu veda e conoscerlo nel modo che desidera. In questo modo ti stai mettendo nella posizione in cui può insegnarti ciò che vuole che tu impari. Geremia 29:13 dice "Mi cercherete e mi troverete quando mi cercherete con tutto il cuore". Dire "Dio, sono pronto a crescere" è un altro modo di cercare Lui e il Suo lavoro di raffinamento nella tua vita.

3. Fidati del processo

Anche se non riesci a vedere qualcosa di buono che esce dal tuo dolore, confida nel processo che Dio ti sta permettendo di affrontare, che ti preparerà per qualcosa di più grande in seguito. Lavora davvero "per il bene di chi lo ama ...." (Romani 8:28). E il verso successivo ci dice come Dio lavora insieme tutte le cose per il nostro bene: "Per quelli che Dio ha predetto ha anche predestinato ad essere conforme alla somiglianza di suo Figlio ..." (Romani 8:29, enfasi aggiunta). Quindi se stai soffrendo il dolore e non lo capisci, confida nel fatto che sta lavorando sul tuo personaggio per renderti più simile a Cristo. Questa è una ragione sufficiente, quando pensiamo a ciò che Cristo ha sopportato per noi in modo che un giorno potessimo stare con Lui.

Quindi inizia a fidarti oggi che Colui che ti ama e non lascerà che nulla tocchi la tua vita che non sia passato per la prima volta nelle sue mani amorevoli ha una ragione per ciò che sta permettendo. Vuole che tu sia più simile a Lui.

Riesci a compiere quell'enorme passo nella fiducia che ha una ragione per il dolore nella tua vita?

Cindi McMenamin è un portavoce nazionale e autore di undici libri, tra cui When Women Walk Alone (oltre 100.000 copie vendute), Women on the Edge e When a Woman Overutes's Life's Hurts . Per ulteriori informazioni sul suo ministero e per risorse gratuite per aiutare a rafforzare la tua anima, visita il suo sito Web o contattala all'indirizzo www.StrengthForTheSoul.com.

Articoli Interessanti