Che cosa significa Shalom e perché è importante?

C'è qualcosa di speciale e commovente nell'essere salutati dalla parola Shalom! Può riscaldare il cuore e confortare lo spirito. Ma cos'è la parola shalom che può suscitare una risposta così unica? La mia esperienza nella comprensione della parola inizia in Israele. Una delle esperienze di viaggio più commoventi che abbia mai avuto è stata quando io e mia moglie siamo stati in grado di trascorrere del tempo in Israele. È davvero una terra diversa dalle altre, dove antico e moderno si fondono perfettamente in un arazzo unico di colore e cultura, immagini e suoni. Inoltre, è un luogo in cui la fede senza tempo riempie l'aria e la Bibbia sembra prendere vita.

Abbiamo sperimentato molte cose belle, ma forse la cosa più bella che abbiamo incontrato è stata salutata dalla parola "shalom". In un modo semplice, shalom significa "pace". Ma in un modo più profondo, shalom è una bella parola con significati potenti, complessi e antichi, e può essere ascoltata in tutta la terra di Israele.

Shalom significa più di Hello

Nel moderno Israele, quando qualcuno ti saluta o ti dice addio, in genere diranno Shalom. Nel dire ciò, in realtà stanno dicendo più di un semplice saluto o di un addio, e più di un semplice "pace sia con te". In realtà stanno dicendo qualcosa di più sulla falsariga di "che tu possa essere riempito di una pace completa e perfetta ed essere pieno di benessere" o "che la salute, la prosperità e la pace della mente e dello spirito siano su di te". essendo solo un semplice desiderio di pace e felicità, la parola suggerisce uno stato di pienezza e perfezione; traboccante gioia interiore ed esteriore e serenità pacifica.

La parola Shalom è antica quanto la terra stessa. È disseminato in tutte le Scritture, incorporato nei nomi familiari di città e persone come Gerusalemme (fondamento della pace) e re Salomone (pacifico), ed è un blocco linguistico della lingua e della storia ebraica. Shalom è regolarmente usato come saluto familiare, ma contiene un significato che è stato usato da Gesù per descrivere il suo regno e parla delle stesse speranze e desideri del cuore umano.

La perdita di Shalom

All'inizio, tutta la creazione era in uno stato di shalom, e questo è l'ambiente in cui Adamo ed Eva entrarono. In questo perfetto shalom c'era una pace perfetta, dove l'infinito creatore di tutte le cose era in completa comunione con i suoi esseri creati Adamo ed Eva. Eppure il peccato ha distrutto questo shalom e ha gettato il mondo in un luogo di rottura. Il mondo caduto in cui viviamo, con la sua violenza, angoscia, dolore e morte sono risultati molto visibili dello shalom che è stato perso molto tempo fa. Tuttavia, ci sono buone notizie nel Vangelo. Per mezzo di Cristo, quello shalom è stato restaurato mentre Dio sta di nuovo rendendo tutto nuovo alla sua gloria.

Una speranza per il futuro Shalom

Nell'Antico Testamento, le profezie indicano una futura restaurazione dello shalom. Ci sono ricordi che la pace di questo mondo non è la pace shalom che Dio offre. La pace che Dio dà è citata in Numeri 6: 23-26, “Parla con Aaronne e i suoi figli, dicendo: 'Così benedirai i figli d'Israele. Dirai loro: L'Eterno ti benedica e ti tiene; Il Signore fa risplendere il suo volto su di te e sii gentile con te; Il Signore innalza il suo volto su di te e ti dà pace (shalom) '”.

In Geremia 6:14, il profeta Geremia parla contro coloro che affermerebbero falsamente lo shalom: “vestono la ferita del mio popolo come se non fosse grave. "Pace, pace", dicono, quando non c'è pace ". Dicono che c'è shalom quando non c'è shalom. Si comportano come se tutto andasse bene quando, davvero, non tutto andava bene.

Eppure, nel mezzo di questa interrotta mancanza di shalom, viene data una promessa meravigliosa, e parole profetiche di speranza emergono attraverso questa profezia messianica che generalmente ricordiamo nel periodo di Natale, “Per noi è nato un bambino, per noi è dato un figlio e il governo sarà sulle sue spalle. E si chiamerà Consigliere meraviglioso, Dio potente, Padre eterno, Principe di Shalom . Dell'aumento del suo governo e dello shalom non ci sarà fine ”. (Isaia 9: 6-7).

La profezia di Isaia di un futuro messia continua nel capitolo 53, versetti 4-5, "fu trafitto per le nostre trasgressioni, fu schiacciato per le nostre iniquità; la punizione che ci ha portato shalom era su di lui, e dalle sue ferite siamo guariti ”.

In queste parole, all'umanità viene data la speranza di un messia. Coloro che vivono in un periodo tumultuoso e senza speranza hanno avuto la speranza che un giorno ci sarà qualcuno che ristabilirà il nostro perfetto shalom con Dio.

Il restauro di Shalom

In Giovanni 14:27, Gesù si stava avvicinando alla fine del suo ministero terreno e preparò i discepoli per ciò che ci aspettava, sapendo che non sarebbe stato facile o comodo. Mentre li confortava e li preparava, disse questo: " Shalom parto con te; il mio shalom ti do. Non ti do come il mondo dà. Non lasciare che i tuoi cuori siano turbati e non aver paura ”. Shalom, vero shalom, sarà una restaurazione della pace che esisteva all'inizio e sarà la pace che sperimentiamo nella Nuova Gerusalemme, la Nuova Città della Pace.

Dopo la crocifissione, i discepoli di Gesù stavano sperimentando tutt'altro che shalom. Non erano in pace, ma avevano paura, confusione e mancavano dello scopo di quello che dovevano fare dopo. È in mezzo a questo che Gesù appare loro e, ancora una volta, parla loro e delle loro paure in Giovanni 20:19: “La sera di quel primo giorno della settimana, quando i discepoli stavano insieme, con il porte chiuse per paura dei capi ebrei, Gesù venne e si mise in mezzo a loro e disse: "La pace (shalom) sia con te!". Che incoraggiamento per il fatto che la prima cosa che Gesù parla dei discepoli sconcertati è un annuncio di pace, una rassicurazione del suo promesso shalom.

A Reminder of Shalom

Paolo ci ricorda in Romani 5: 1-2 che Cristo ha coperto i nostri peccati e ci ha riportati in un luogo di shalom con Dio: “Pertanto, poiché siamo stati giustificati attraverso la fede, abbiamo pace (shalom) con Dio attraverso il nostro Signore Gesù Cristo, attraverso il quale abbiamo ottenuto l'accesso per fede in questa grazia in cui ora stiamo. E ci vantiamo nella speranza della gloria di Dio ”.

Ancora, in Filippesi 4: 4-7 scrive: “Rallegrati sempre nel Signore. Lo dirò di nuovo: rallegrati! Lascia che la tua gentilezza sia evidente a tutti. Il Signore è vicino. Non essere in ansia per nulla, ma in ogni situazione, con la preghiera e la petizione, con il ringraziamento, presenta le tue richieste a Dio. E la pace (shalom) di Dio, che trascende ogni comprensione, custodirà i tuoi cuori e le tue menti in Cristo Gesù.

Attraverso l'opera di Cristo, lo shalom che è stato perso nel giardino è stato restaurato ed è di nuovo disponibile per noi oggi. Il semplice ascolto del saluto shalom è un promemoria del profondo desiderio umano di pace, di una vera pace che è più grande di ogni comprensione. Per coloro che sono in Cristo, è una rassicurazione che la sua pace, il suo shalom, sia reale, presente e più grande di qualsiasi cosa il mondo abbia da offrire.

Shalom!


Jason Soroski è un padre homeschool e autore di A Journey to Bethlehem: Inspiring Thoughts for Christmas e Hope for the New Year . È pastore del culto al Calvary Longmont in Colorado e trascorre i fine settimana esplorando le Montagne Rocciose con la sua famiglia. Collegati su Twitter, Instagram o su JasonSoroski.net.

Articoli Interessanti