Dieci obiezioni più comuni al cristianesimo

Nota dell'editore: Di seguito è riportato un rapporto sulle applicazioni pratiche del libro di Alex McFarland, Le 10 obiezioni più comuni al cristianesimo (Regal Books).

Le persone nella società di oggi hanno molte domande sulla fede e ogni domanda merita una risposta onesta. Se hai avuto il tempo di riflettere esattamente su ciò in cui credi e sul perché ci credi, sarai pronto a dare alle persone le risposte di cui hanno bisogno per cercare e trovare autenticamente Cristo.

Ecco come puoi rispondere alle obiezioni più comuni al cristianesimo:

* Rendi le tue risposte teologiche, ragionevoli e pratiche. Chiediti: "Fa quello che ho da dire in quadratura con la Bibbia?", "Ciò che dico ha un senso?", "È credibile e effettivamente corretto?", "Sto dando alla gente la verità in un modo che possono capire e riguardare? " e "Ho colmato con successo il divario tra le" torri d'avorio del mondo accademico "e il" mondo reale "dove le persone vivono la loro vita quotidiana?".

* Comprendi le domande dietro le domande. Scopri perché le persone stanno ponendo le domande che stanno ponendo. Scopri quali problemi stimolano le loro anime e le motivano a cercare risposte.

* Rispondi a "Non credo che Dio esista. Come si può essere sicuri?" Riconosci che, logicamente, né l'ateismo né l'agnosticismo hanno senso. L'ateismo richiede una conoscenza completa di tutto (che nessun essere umano ha) per dichiarare con certezza che non esiste Dio. Gli agnostici sostengono che non possono sapere nulla di sicuro, ma è una contraddizione dire: "Una cosa che so di Dio: non puoi sapere nulla di Lui". Spiega le prove dell'esistenza di Dio: ogni effetto ha una causa (Sia la scienza che la Bibbia riconoscono che l'universo ha avuto un inizio e che non potrebbe essere arrivato senza una forza dietro di esso), Ogni creazione ha un Creatore (la Natura stessa indica verso il suo Creatore e rivela come è fatto), Ogni design ha un Designer (Il design intricato che ti circonda - dai modelli dell'universo all'unicità di un filamento di DNA - mostra che devono essere derivati ​​da un Designer intelligente piuttosto che solo casualità), la comunicazione richiede un comunicatore (le cellule nei corpi delle persone sono piene di istruzioni complesse che sono state programmate da qualcuno intelligente per comunicare tali informazioni), e ogni legge ha un legislatore (la legge morale universale di ciò che è giusto e ciò che è sbagliato trascende le culture e deve provenire da una fonte esterna - Colui che ha dato coscienza a tutti gli esseri umani. Non solo, ma l'incapacità universale delle persone di mantenere perfettamente il codice morale rivela che tutti gli umani hanno bisogno del perdono di un Salvatore). Comprendi che anche Dio deve essere personale, perché ha creato le persone per essere personali (con volontà, emozioni, personalità, volizioni e ambizioni), e Lui stesso deve essere almeno sofisticato come quello che ha creato. Comprendi anche che Dio si rivela al mondo in modo che possa essere cercato. Sappi che vuole che le persone lo cerchino e promette che se lo fanno lo troveranno.

* Rispondi a "Ma che dire dell'evoluzione? Dio non potrebbe averci creato ma usato l'evoluzione per farlo?" Riconosci che le specie sono effettivamente cambiate nel tempo per sopravvivere, ma che la teoria dell'evoluzione afferma erroneamente che tali adattamenti possono effettivamente portare alla creazione di nuove specie. Afferma anche in modo inesatto che la vita stessa potrebbe essersi evoluta in modo casuale da materiale non vivente. Comprendi che la probabilità matematica della vita che nasce a caso è così minuscola da rendere assurdo quel concetto. Sappi che il processo di evoluzione (nuove, ulteriori informazioni genetiche che si verificano nelle forme viventi o nuova vita per mutazione genetica) non è mai stato osservato in tutta la storia registrata. Renditi conto che i reperti fossili della Terra rivelano che ogni forma vivente è apparsa improvvisamente e completamente sviluppata, non attraverso una transizione graduale, come suggerirebbe la teoria dell'evoluzione. Comprendi che le attuali ricerche sulla biologia molecolare hanno rivelato ciò che il teorico originale dell'evoluzione, Charles Darwin, non sapeva: proteine ​​e acidi nucleici sono troppo strutturalmente complessi per essere sorti spontaneamente nello stesso posto allo stesso tempo e tutti gli aminoacidi nel DNA hanno lo stesso orientamento molecolare e non avrebbero potuto iniziare per caso, quindi la vita non avrebbe potuto avere origine esclusivamente con mezzi chimici. Riconosci che è irrazionale credere che qualcosa possa venire dal nulla, che il caos abbia dato origine e che la materia senza vita abbia prodotto coscienza. Ricorda che, mentre gli evoluzionisti affermano che la vita biologica è nata per caso, le persone non vedono le informazioni che sorgono accidentalmente in qualsiasi parte del mondo fisico. Renditi conto che accettare la teoria dell'evoluzione richiede fede, proprio come credere nel creazionismo, perché nessun essere umano vivo oggi può viaggiare indietro nel tempo per osservare ciò che è accaduto quando è iniziato l'universo. Riconosci che il creazionismo è scientifico quanto l'evoluzione, perché ognuno cerca di spiegare nel suo quadro tutti i dati reali conosciuti della scienza e della storia. Sappi che, mentre la Bibbia lascia il periodo indicato per "giorno" nell'account della creazione non specificato, il punto non è il tempo impiegato dal processo. Riconosci che la Bibbia è molto chiara su ciò che conta di più: chi è responsabile della creazione (Dio).

* Rispondi a "Come faccio a sapere se la Bibbia è veramente vera?" Comprendi che sono state trovate molte più copie antiche e parti della Bibbia rispetto a quelle di qualsiasi altro manoscritto antico. Sappi che ciascuno di quegli scritti biblici è stato accettato come autentico dagli storici. Riconosci che molti dei resoconti biblici furono registrati poco tempo dopo che avevano avuto luogo, in contrasto con l'enorme divario temporale dei secoli che esisteva con la maggior parte degli altri antichi manoscritti. Comprendi che quando diversi manoscritti biblici sono stati esaminati l'uno contro l'altro, hanno dimostrato di essere coerenti. Renditi conto che nessun altro documento antico può avvicinarsi al Nuovo Testamento in termini di numero di manoscritti trovati e vicinanza nel tempo agli autografi originali, quindi mettere in discussione la credibilità del Nuovo Testamento richiederebbe di sradicare la validità di ogni altro manoscritto antico mai trovato . Riconosci che la Bibbia si qualifica come la fonte più affidabile e verificabile mai scritta. Considera la miriade di scoperte archeologiche che verificano persone, luoghi ed eventi menzionati dalla Bibbia. Considera anche le centinaia di profezie bibliche che si sono adempiute in modi specifici e meticolosi, spesso molto tempo dopo la morte dello scrittore profetico. Pensa alla precisione storica e scientifica della Bibbia. Rifletti su come la Bibbia si sia dimostrata indistruttibile, nonostante molti tentativi nel corso della storia di censurarlo o sradicarlo. Renditi conto che la struttura unica della Bibbia indica la sua affidabilità, poiché mantiene una perfetta unità e coerenza in tutto, nonostante i suoi 66 libri diversi scritti da almeno 40 persone diverse di ogni estrazione sociale per un periodo di 2000 anni. Considera quanto profondamente la Bibbia abbia avuto un impatto sulla cultura e sugli eventi del mondo, più di qualsiasi altro documento della storia umana. Pensa al potere unico della Bibbia di cambiare la vita delle persone.

* Rispondi a "Che dire di tutti gli errori nella Bibbia?" Ammetti che la Bibbia contiene passaggi complicati che possono essere difficili da capire. Ma assicurati che un errore comprovato non è mai stato trovato in tutte le Scritture. Tutti i 66 libri della Bibbia sono la Parola di Dio ispirata, inerrante e infallibile. Ricorda che, sebbene il Nuovo Testamento non sia stato compilato ufficialmente fino al Concilio di Nicea nel 327 d.C., la Chiesa primitiva aveva già riconosciuto gli stessi 27 libri del Nuovo Testamento molto prima di allora. Comprendi che, mentre i primi cristiani hanno lottato con differenze dottrinali, hanno concordato sul nucleo della fede - le credenze essenziali legate a Gesù e alla salvezza che offre. Sappi che quelle che possono apparire come variazioni nelle narrazioni bibliche non sono contraddizioni. Renditi conto che, proprio come i giornalisti moderni, l'autore di ogni libro biblico ha menzionato solo i dettagli che sono stati impressi più vividamente nelle loro menti o nelle menti di coloro che hanno assistito ai diversi eventi. Comprendi che un account parziale non significa un account falso e che nessuno dei dettagli menzionati in nessuno degli account è in conflitto con i dettagli di altri account.

Considera che tutti gli autori biblici hanno apertamente riconosciuto che stavano scrivendo con divina ispirazione dello Spirito Santo, e se tutti loro avevano torto in quelle affermazioni, allora mentivano o erano pazzi - nessuno dei quali ha senso, perché hanno scritto il la letteratura più bella del mondo che contiene il codice morale più perfetto mai concepito. Pensa oltre alle semplici ipotesi mentre combatti con i difficili passaggi della Bibbia. Ad esempio, anziché supporre che una razza di persone non discendenti da Adamo ed Eva debba essere esistita perché Caino trovasse una moglie, rendersi conto che avrebbe potuto sposare una delle sue sorelle, soprattutto perché il comando contro l'incesto non proveniva da Mosè fino ad almeno 400 anni dopo. Comprendi che la Bibbia è affidabile perché le sue affermazioni specifiche e verificabili sono state tutte ritenute vere, i testimoni oculari degli eventi biblici e molte altre persone nel corso della storia hanno testimoniato della sua credibilità e gli insegnamenti biblici hanno profondamente influenzato il mondo in modi che vanno ben oltre qualsiasi altro libro.

* Rispondi a "Cosa rende Gesù così diverso dagli altri grandi uomini della storia?" Riconosci che Gesù spicca su tutte le persone per: la sua venuta profetizzata, la sua nascita soprannaturale, le sue azioni miracolose, il suo insegnamento distintivo e le sue azioni che hanno corroborato le sue affermazioni. Comprendi che la più grande prova dell'unicità di Gesù è la sua risurrezione, che è stata ampiamente verificata, attraverso prove come le testimonianze della tomba vuota, le numerose apparizioni di Gesù dopo la sua risurrezione, il cambiamento immediato e potente dei discepoli in seguito, e il completo silenzio delle autorità ebraiche e romane.

* Rispondi a "Non ci sono molte strade per il paradiso? Alla fine tutti i percorsi non portano allo stesso posto?" Comprendi che tutti i punti di vista religiosi non possono essere veri, perché a un certo punto sono destinati a contraddire. Sappi che è logico che strade opposte conducano a destinazioni diverse. Ricorda che Gesù dichiarò esplicitamente: "Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me" (Giovanni 14: 6) e che la Bibbia è inequivocabilmente chiara che esiste solo una strada per il paradiso - attraverso la salvezza offre solo Gesù. Riconosci l'autorità legittima che Gesù deve parlare sull'argomento. Sappi che l'opinione popolare al contrario, sebbene politicamente corretta, è spiritualmente sbagliata.

* Rispondi a "L'inferno è reale? Se sì, come può un Dio amorevole mandare le persone lì?" Non negare la verità che esiste l'inferno. Comprendi che l'inferno è necessario perché la giusta natura di Dio esige che il peccato sia punito. Renditi conto che tutte le persone meritano davvero l'inferno, ma il grande amore di Dio lo ha costretto a offrire il paradiso a chiunque si fidi di Lui. Sappi che Dio dà a tutti la libertà di decidere ciò che vogliono per se stessi, e coloro che finiscono all'inferno si mettono lì rifiutando l'offerta di salvezza di Gesù e scegliendo di confidare nei loro sforzi imperfetti (che sono destinati a fallire). Ricorda la promessa di Dio di permettere a chiunque lo cerchi veramente di trovarlo. Siate certi che nessuno va all'inferno perché non può essere raggiunto; vanno perché non vogliono Dio.

* Rispondi a "Non credo di essere un peccatore. Non sono poi così male." Sappi che essere "non così male" o "abbastanza buono" non è abbastanza per guadagnare la tua strada verso il paradiso. Comprendi che devi essere perfettamente giusto per andare in paradiso, e ciò è possibile solo confidando nell'opera di Gesù sulla croce per te. Renditi conto che Dio non classifica i peccati come fanno le persone; per Dio, il peccato è peccato, anche se una persona potrebbe essere un assassino e un'altra potrebbe essere un bambino che mentisce semplicemente sul lavarsi i denti prima di coricarsi. Ricorda che, nella sua santità, Dio non sopporta alcun tipo di peccato, ma una relazione salvifica con Gesù renderà una persona perfettamente pura e accettabile per Dio.

* Rispondi a "I cristiani sono tutti ipocriti. Perché dovrei voler diventare uno di loro?" Ammetti che tutti i cristiani, poiché sono umani imperfetti, a volte non riescono a vivere secondo lo standard stabilito da Gesù. Comprendi che i cristiani non pretendono di essere perfetti - solo perdonati - e che stanno tutti diventando persone migliori e migliori, grazie alla grazia di Dio. Concentrati su Gesù stesso e decidi di credere nel cristianesimo, nonostante il comportamento di alcuni cristiani, perché: Dio ti offre Cristo invece dei cristiani, la verità cristiana non è negata dai fallimenti umani, tutte le persone sono ipocriti nella realtà e i fallimenti umani ne fanno la necessità per Gesù tanto più chiaro.

* Rispondi a "Perché c'è del male nel mondo? E la sofferenza?" Comprendi che, mentre Dio consente il male perché ha dato il libero arbitrio alle Sue creature, Dio non causa mai il male stesso. Riconosci che l'umanità è responsabile del male che ha corrotto il nostro mondo naturale. Ricorda le promesse di Dio nelle Scritture di gestire il male a modo suo e nei tempi, perché ha il massimo controllo. Abbi fiducia nell'amore, nel potere e nella saggezza di Dio e osserva tutti i modi in cui usa costantemente la sofferenza per raggiungere buoni scopi nella vita delle persone. Sappi che l'esistenza della sofferenza non è la realtà di Dio. Affidati alla forza di Dio per aiutare te e gli altri ad affrontare bene la sofferenza e di conseguenza emergere persone migliori.

* Aiuta le persone a trovare la risposta definitiva: Gesù stesso. Dopo aver aiutato a spiegare le risposte alle varie domande delle persone sul cristianesimo, incoraggiali a iniziare una relazione eterna con Gesù che li soddisferà più di ogni altra cosa. Offri di pregare con loro.

Adattato da Le 10 obiezioni più comuni al cristianesimo, di Alex McFarland. Pubblicato da Regal Books, Ventura, Ca., 2007, 1-800-4-GOSPEL, www.regalbooks.com.

Alex McFarland (MA, Christian Thought / Apologetics, Liberty University) è un oratore, scrittore e sostenitore dell'apologetica cristiana, nonché il presidente del Southern Seminary e l'ex direttore di Teen Apologetics a Focus on the Family. Autore e oratore popolare in centinaia di luoghi negli Stati Uniti e all'estero, Alex è anche ospite settimanale del programma radiofonico Truth Talk Live e fondatore di Truth for a New Generation apologetics conference. È stato anche intervistato dalla trasmissione radiofonica Decision di Billy Graham , James Dobson , The New York Times, BBC e molti altri media.

Articoli Interessanti