Songs of Freedom

Sembra ... un culto contemporaneo ben prodotto, ma non lucido, simile a Rita Springer, Enter the Worship Circle e ai recenti album di Vineyard At a Glance ... abbastanza sorprendentemente, questo è uno dei migliori album di culto dell'anno grazie a spettacoli e canzoni ispirati, alcuni dei quali sono stati scritti dalla stessa Dayna Curry.

Molti conoscono la storia di Dayna Curry e Heather Mercer, i due giovani missionari cristiani incarcerati in Afghanistan poco prima dell'attacco terroristico dell'11 settembre e la loro incredibile fuga verso la libertà 105 giorni dopo. I dettagli della loro prigionia sono stati raccontati attraverso una continua copertura mediatica in televisione e nelle riviste, tra cui non meno di tre storie di copertina tra le nostre pubblicazioni su Christianity Today International. Il loro nuovo libro, Prisoners of Hope: The Story of Our Captivity and Freedom in Afghanistan, offre un resoconto dettagliato del ministero di Dayna e Heather in Afghanistan, del loro arresto e incarcerazione e della loro liberazione miracolosa.

Come gli apostoli Paolo e Sila, una delle cose che aiutarono a sostenere Dayna e Heather durante la loro prigionia fu l'adorazione. Secondo Dayna, è qui che è nata l'idea di Prisoners of Hope: Songs of Freedom : "Il culto è stato ciò che ci ha portato attraverso i nostri giorni in prigione, e ho pensato che se uscissimo da qui, non sarebbe bello fare un CD delle canzoni di culto che ci hanno aiutato di più e poi hanno utilizzato i proventi per aiutare a ricostruire l'Afghanistan! "Con il loro ritorno trionfale negli Stati Uniti, sono stati fatti dei piani e è stato creato un album con Dayna e Heather, così come cantanti e musicisti dalla chiesa della comunità di Antiochia, la loro chiesa natale a Waco, in Texas.

Senza dubbio ci sono alcuni scettici che sottolineano giustamente che questo album non sarebbe stato realizzato se non fosse stato per l'incredibile storia delle donne e la successiva attenzione dei media. Ma fedele alla loro parola, tutti i proventi di questo progetto vanno a sostenere la Hope Afghanistan Foundation. Gli scettici persistenti possono ancora chiedere se un progetto di beneficenza con due missionari come artisti primari sia utile. Devo ammettere che avevo dei dubbi quando ho inserito il CD nel mio lettore. Questo avrebbe potuto facilmente essere un cliché di un album di culto dal vivo registrato ad Antioch Community con Dayna e Heather tra un coro di cantanti che cantavano ricostruzioni stanche di canzoni di culto già esagerate come "Breathe" o "God of Wonders".

Songs of Freedom non è solo completamente diverso da quello che mi aspettavo, è anche uno dei migliori album di culto pubblicati quest'anno. I produttori rinunciano al facile percorso di registrazione dal vivo a favore di un progetto in studio ben realizzato che evita di essere troppo lucido, troppo crudo o troppo amatoriale. Le canzoni sono state prodotte ed eseguite da un gruppo di cantanti e musicisti sconosciuti della chiesa di Dayna e Heather; gli unici altri nomi che riconosco nelle note di copertina sono il duo marito e moglie Ben e Robin Paisley di 100 ritratti, che sono famosi per i loro acclamati progetti Enter the Worship Circle. Questo album è come una versione leggermente più prodotta di Enter the Worship Circle, confrontando alcuni dei recenti progetti acustici di Vineyard.

Sono stato piacevolmente sorpreso dal fatto che Dayna e Heather abbiano evitato l'inclusione delle canzoni di culto più popolari, favorendo invece nove canzoni meno conosciute di speranza e libertà che non sono state presenti in molti album. C'è una semplice interpretazione acustica di "What a Friend I'm Found" del produttore Barry Patterson che rimane fedele all'originale di Delirious, nonché una riproduzione di un minuto di "There Is a Light" di Martin Smith come epilogo del album. Ben e Robin Paisley eseguono una versione leggermente più prodotta del loro "Come Fall on Us" che dovrebbe guadagnare loro un pubblico più ampio, facendo comunque appello ai loro fan di lunga data. "Freedom Reigns", che è stato reso molto popolare da Rita Springer come adorabile ballata rock, è qui esibito come una canzone di lode acustica jazz acustica. Alcuni potrebbero anche riconoscere "Jesus, All for Jesus" dall'album di culto di Robin Mark Revival in Belfast, e Juleigh Beckham offre una interpretazione particolarmente bella di "Jesus, Lover of My Soul (It's All About You)" di Paul Oakley, accompagnato solo dal piano e suona molto come Nichole Nordeman

Ma la più grande sorpresa di tutte arriva nella rivelazione delle capacità artistiche di Dayna e Heather, in particolare Dayna da quando ha scritto cinque delle canzoni di questo album, con l'aiuto di Heather e Barry su un paio di esse. Dayna canta la voce principale di tutte quelle canzoni e suona come un incrocio tra Danielle Young (Caedmon's Call) e Rita Springer. In effetti, "Wait for the Lord", "My Faithful Friend" e "Fear Not" potrebbero facilmente essere scambiati per le composizioni di Rita Springer o per i brani in evidenza dei recenti album di Vineyard. Ancora più importante, queste canzoni sono quelle che vorresti usare nel tuo servizio di adorazione, applicabile a chiunque in qualsiasi circostanza. Nel ben scritto "I miei tempi sono nelle tue mani, " canta Dayna "Questa attesa sembra insopportabile / non so cosa ci aspetta / Mi sento insicuro / con nulla a cui aggrapparmi / Ma Signore, mi fido di te / Ti dico sei il mio dio ". L'unica canzone che rasenta il suono troppo personalizzato per la loro situazione è "We Wanna Go Home", una canzone folk semplice e vivace in stile falò che suona come una canzone Songs from the Loft. Certo, possiamo ancora interpretarlo come un canto di lode che esprime il desiderio di lasciare la terra e unirci al nostro Padre celeste.

Quello che avrebbe potuto essere un album sfruttatore o dal suono sdolcinato si rivela essere una registrazione adorante che focalizza tutta l'attenzione sull'offrire speranza e glorificare Dio. Anche le note di copertina presentano commenti ben scritti e stimolanti di Dayna e Heather che spiegano come queste canzoni li hanno confortati nelle loro ore più buie. Questo è un buon album di adorazione in ogni modo. I leader dell'adorazione troveranno nuove canzoni che sono facilmente adattabili ai loro servizi, gli appassionati di adorazione troveranno un sacco di materiale nuovo o sconosciuto per attirarli in uno stato di adorazione e tutto il ricavato andrà verso i soccorsi afghani. Potrei essere entrato in Songs of Freedom con dubbi, ma quando l'album è finito, sono stato ispirato e impressionato.

Articoli Interessanti