7 modi in cui puoi aiutare le vedove nella tua chiesa

Sapevi che 1 milione di nuove vedove si uniranno ai nostri ranghi nel 2017 negli Stati Uniti?

Sapevi che metà non frequenterà la chiesa che frequentavano con i loro mariti un anno dopo essere diventata vedova?

Sapevi che la nostra età media è di 56 anni?

Credo che le chiese si preoccupino delle vedove ma non sanno cosa fare. Il personale della chiesa è ridotto, altri programmi hanno la priorità. La gente si preoccupa ma non raggiunge. Ancora 103 versetti delle Scritture mostrano il cuore di Dio per le vedove e le sue istruzioni per cui ci prendiamo cura. Giacomo 1:27 è chiaro.

La religione che Dio Padre nostro considera puro e impeccabile è questa: prendersi cura degli orfani e delle vedove nella loro angoscia e impedirsi di essere inquinati dal mondo. (NIV)

Lasciami offrire alcuni suggerimenti. Sì, ho imparato queste cose nel mio viaggio verso la vedovanza. Perdere il 75% della nostra rete di amicizia è tipico, difficile e può essere affrontato. Ho pensato di essere un'eccezione; Mi sbagliavo. La nostra chiesa dovrebbe essere il nostro luogo di conforto, non di solitudine. Dio ci vede come il suo tesoro con un grande scopo. Ammetto di essere un vagabondo della chiesa per i primi anni della mia unicità. Prima che diventassi vedova, queste donne erano invisibili per me. Non piu. Cambiamo questo insieme.

Sette consigli utili per aiutare le vedove:

1. Resta connesso. C'è già un enorme buco nel nostro universo. Non dare per scontato che abbiamo bisogno di 'spazio' per addolorarci.

In quelle ore solitarie siamo tentati di riempirli di attività vuote, acquisti, relazioni sbagliate o forse relazioni ok ma troppo presto. Prima di guarire e diventare una persona intera per conto nostro, cercare un'altra persona per riempire il vuoto richiede problemi. Siamo in grado di nascondere, accumulare, distribuire o ibernare, soluzioni false alla nostra solitudine. Rimanere in contatto con persone che hanno a cuore i nostri migliori interessi è ciò di cui abbiamo bisogno.

2. Ti preghiamo di dire che ti dispiace per la nostra perdita. Preferiamo che tu ci dica che non sai cosa dire piuttosto che raccontarci la tua storia di perdere il tuo amico o addirittura un parente stretto. Potremmo essere in grado di ascoltare la tua storia in un secondo momento, ma non ora. Non dirci che hai capito. Ogni perdita è unica.

Sì, è allettante per te provare a relazionarci raccontandoci della TUA perdita. Non adesso. Un'amica mi ha raccontato dei suoi ripetuti viaggi con il suo amato cane dal veterinario. Divertente ora, non divertente allora. Ascolta, ascolta e poi ascolta di più.

3. Chiama e chiedi espressamente: “Possiamo fare una passeggiata insieme? Posso fare commissioni per te? Ci vediamo per un caffè? Non dire "Chiamami se hai bisogno di qualcosa".

Il nostro braccio è troppo debole per sollevare il telefono. Sì, entra nel nostro spazio. È diventata un'area disastrata? La nostra fregatura è vuota e il nostro aspetto, beh, trasandato? Abbiamo bisogno che tu ci mantenga reali, nell'ora. Sì, siamo tentati di guardare indietro e perdere ciò che Dio ha per noi nel momento.

4. Fai riferimento agli atti o alle parole di nostro marito - seri o divertenti. Siamo così confortati dal sapere che nostro marito non è stato dimenticato. Non lasciare i nostri mariti fuori dalla conversazione.

Potresti pensare ", ma questo porterà lacrime". Sì. Ma guarire le lacrime del ricordo è una buona cosa. La nostra cultura non gestisce bene le lacrime. Ma Dio lo fa. Le raccoglie in una bottiglia, davvero preziosa.

5. Invitaci a tutto. Potremmo rifiutare ma apprezzeremo che ci venga chiesto. Non dare per scontato che non vogliamo più partecipare agli eventi di coppia.

Non scoraggiarti a chiedere. Lo apprezziamo molto. Con il tempo ci uniremo di nuovo a te, magari in un luogo diverso. I veri amici restano e tutti ci adattiamo al nuovo

realtà. Alcuni veri amici sono d'oro. Sì, mi piace stare con altre coppie adesso. All'inizio, è stato doloroso. Ma essere esclusi è ancora più pieno di dolore.

6. Accetta che siamo dove siamo. I matrimoni sono brevi, lunghi, sani, disfunzionali, intensi, remoti. La morte arriva improvvisamente o in piccoli incrementi nel corso degli anni. Ancora una volta le nostre esperienze sono così diverse, come lo siamo noi. Così è il nostro viaggio attraverso il dolore. Non dare per scontato che passiamo attraverso il processo del dolore delineato "dal libro".

Ho imparato da molti che mi contattano su widowconnection.com che alcuni matrimoni non erano gli oggetti scintillanti che la gente vedeva. E alcuni hanno un legame così feroce, tenero e stretto che il lutto sarà lungo e duro. Per me, essendo stato sposato 41 anni, 2 mesi e 21 giorni con un brav'uomo, significa che quando qualcuno ha detto: "Sono passati 6 mesi, ho pensato che lo saresti stato. . . 'Per fortuna la mia mente ha impedito alla mia bocca di dire le parole indicibili che avevo per lei. Ottieni il punto.

7. Walk the talk. Non fare offerte "solo conversazione". "Ti chiameremo e usciamo a cena." - E poi non dare seguito. Sì, siamo sensibili nel nostro lutto, ma preferiremmo sentirti dire "Ti ho pensato." Piuttosto che fare un'offerta "solo conversazione".

Per favore, sappi che come vedova, molte delle nostre aspettative sono schiacciate. Sogni che non accadranno mai. Per favore, non sperare in un evento o in una connessione anticipati e quindi non seguire.

Raccomando che ogni chiesa abbia un ministero specifico per le vedove. Questo raggio d'azione si estende oltre quei primi mesi e offre alle vedove un'opportunità di raccolta che soddisfa i loro bisogni. A widowconnection.com ho risorse come un sondaggio per conoscere le loro esigenze, un modello di raccomandazione di riferimento per riparazioni e risorse, libri e guide di studio. La nostra serie di DVD: da una vedova all'altra: la connessione che conta, e il diario di accompagnamento hanno bisogno solo di un coordinatore amichevole e di un luogo di ritrovo, sia in chiesa che a casa.

Alcune vedove hanno bisogno di sostegno solo per alcuni mesi, altre più a lungo. Diventiamo forti e siamo pronti ad andare avanti nei buoni piani di Dio per noi. Sì, alcuni restano per guidare le prossime vedove alla forza.

La tua chiesa può diventare quel luogo di guarigione in cui amiamo entrare, adorare, pregare, dare e servire. Questo è il nostro desiderio. Credo che sia anche il desiderio della tua chiesa. Quindi possiamo dire con Giobbe (29: 13) che abbiamo fatto cantare il cuore della vedova.

Basato su da una vedova all'altra: conversazioni sul nuovo te. Moody Press.

Miriam Neff è fondatore e presidente di Widow Connection, un ministero no profit. Autore di 11 libri, consigliere di professione, madre e nonna. Media: New Beginnings e $ tarting Over Financially sono funzionalità di un minuto ascoltate in molti punti vendita. Frequente ospite radiofonico su Chris Fabry Live. Sponsor di progetti di cucito e formazione di prodotti da forno per vedove in Africa e Albania. Insegnante di studio biblico, oratore di seminari e conferenze.

Immagine gentilmente concessa: © Thinkstock / AntonioGuillem

Data di pubblicazione : 1 giugno 2017

Articoli Interessanti