3 modi per gestire il conflitto come un cristiano dovrebbe

Arrabbiarci e scatenarci in una discussione è qualcosa che probabilmente abbiamo già fatto prima. A volte succede così in fretta che ci troviamo a difendere il nostro punto di vista con parole di rabbia e contesa prima ancora di avere il tempo di considerare se quelle parole onorano Dio o se saranno edificanti per coloro che le ascoltano.

Il conflitto è qualcosa che dovremo affrontare tutti, di persona o su Internet - e probabilmente in entrambi gli spazi - ma come possiamo onorare efficacemente Cristo in tali situazioni quando è così facile discutere e ricorrere a parole arrabbiate?

John Backman è il suo articolo "Una guida per porre fine a un conflitto senza essere un cretino" offre alcuni suggerimenti utili su come contrastare le parole dure con una risposta morbida, come dice Proverbi 15: 1.

"Una risposta gentile allontana l'ira, ma una parola aspra suscita rabbia", dice l'intero verso.

Se hai mai provato a dare una risposta morbida in un conflitto piuttosto che rispondere in natura alle parole dure che potrebbero essere state dirette a te, probabilmente avrai visto quanto sia efficace una risposta gentile nel disinnescare un conflitto.

Tuttavia, nel calore di una discussione, rivolgersi a una risposta gentile è raramente la nostra reazione viscerale. Quindi, la domanda diventa: come possiamo coltivare l'abitudine di fare affidamento su risposte gentili e di estendere la grazia di Dio in un conflitto?

Abbiamo tutti sentito il vecchio consiglio di contare fino a 10 quando sei arrabbiato prima di dare una risposta aspra. Questo suggerimento è in realtà abbastanza efficace. Backman nota che fermarsi per qualche secondo e respirare calma le nostre menti e i nostri corpi, permettendo di disinnescare la sensazione di rabbia e aiutandoci a concentrarci di nuovo sulla comunicazione con convinzione ma anche sulla compassione. Nelle nostre vite frenetiche, spesso non ci prendiamo il tempo di mettere in pausa, respirare e meditare, ma coltivare questa abitudine può aiutare la nostra comunicazione con gli altri, oltre a consentire allo Spirito Santo di lavorare attraverso di noi.

Un'altra cosa utile da fare quando ti trovi nel bel mezzo di una discussione accesa è la ricerca di un terreno comune. Forse pensi che la persona con cui non sei d'accordo sia l'esatto contrario di te. Quella persona può avere visioni fondamentalmente diverse, ma poiché tutti condividiamo il legame comune dell'umanità, c'è sempre qualcosa con cui possiamo relazionarci l'un l'altro. Backman fornisce l'esempio dei diritti delle armi. Non possiede armi e non ha alcun desiderio, ma invece di opporsi alle opinioni di coloro che sono a favore dei diritti delle armi, si prende il tempo di ascoltare perché si sentono così fortemente su un argomento del genere.

Quando guarda oltre il problema di superficie, Backman afferma di vedere che queste persone hanno una "passione per mantenere le loro famiglie al sicuro, divertimento che derivano da un hobby per tutta la vita, paura di perdere le libertà. Posso collegarmi con tutto ciò. Improvvisamente ho questa zona di terreno comune con loro, per quanto piccola. "

Un altro modo per aiutare a coltivare risposte gentili e per comunicare in un modo in cui le nostre parole "saranno sempre piene di grazia, condite con sale, in modo da poter sapere come rispondere a tutti" (Colossesi 4: 6) è scegliere con cura le parole che usiamo.

Backman osserva che dire cose come "È ridicolo!" Non fa nulla per avanzare la nostra discussione, ma aggiungendo frasi come "Vedo le cose in modo diverso" o "Ho alcune domande su quello che hai appena detto", fai sapere agli altri che non pensiamo che noi sapere tutto e sono disposti a dialogare con loro e raggiungere una comprensione più profonda.

Coltivare queste tre abitudini sarà probabilmente utile in caso di conflitto e, soprattutto, ci permetterà di sviluppare più frutti dello Spirito come la dolcezza, la pace e l'autocontrollo.

Il dottor David Hawkins, scrivendo per Crosswalk.com, nota anche che la pazienza è una componente importante per affrontare efficacemente i conflitti:

“[I] conflitti salutari richiedono la nostra migliore energia, i nostri migliori sforzi e il nostro miglior atteggiamento. Le Scritture offrono molte direttive su come impegnarsi in una comunicazione sana, la cui spina dorsale è spesso la pazienza - qualcosa che abbiamo di più quando siamo al meglio. "La saggezza di un uomo gli dà pazienza; è alla sua gloria trascurare un'offesa." (Proverbi 19:11).

In definitiva, possiamo solo ottenere una comunicazione sana e possiamo solo vincere la rabbia ingiusta con la grazia di Dio. Ma mentre lo Spirito lavora in noi per coltivare risposte gentili, altri probabilmente prenderanno atto di questo modo controintuitivo di gestire i conflitti e saranno disposti a dialogare di più con noi, forse anche riguardo al Signore.

Foto per gentile concessione: Thinkstockphotos.com

Data di pubblicazione: 30 marzo 2016

Veronica Neffinger è l'editore di ChristianHeadlines.com



PROSSIMO POST 3 motivi per cui il cristianesimo non ha bisogno di essere cool Leggi di più Tendenze 3 motivi per cui il cristianesimo non ha bisogno di essere cool Martedì 29 marzo 2016

Articoli Interessanti