Una prospettiva eterna cambia tutto

"Possiamo" credere "nell'eternità, ma fino a che punto abbiamo concordato con il mondo che l'eternità non è rilevante fino a dopo questa vita? L'eternità non è semplicemente un lasso di tempo infinito; è profondamente e soprattutto una cosa qualitativa che è ora disponibile. Quando inizieremo a vedere tutti i nostri momenti ambientati nel contesto dell'eternità, porteremo a quei momenti una serietà che altrimenti non avremmo avuto ". - Art Katz

Cari intercessori,

Cosa farò quest'anno o anche il prossimo mese? Come sopravviverà la mia famiglia? Come farò sbarcare il lunario?

Quando entriamo in questo nuovo anno, queste sono domande che stanno ponendo grandi quantità di persone. C'è un modo di vivere al di sopra di tutte queste prove temporanee e prosperare veramente tra lo stress e la tensione della vita nel tempo della fine? Se il mondo intero geme e le fitte alla nascita prima che il ritorno del Signore si stiano avvicinando, cosa possiamo fare per sopravvivere? C'è un modo di vivere vittoriosamente?

Forse ciò di cui abbiamo bisogno è una prospettiva eterna che cambi tutto: come vediamo la vita, come vediamo le nostre prove e come viviamo la vita nell'ordinario.

La verità è che siamo preparati per l'eternità. Dio sta costruendo in noi un carattere che durerà per sempre. È più preoccupato per il nostro carattere e le nostre motivazioni. Le prove uniche che ognuno di noi affronta sulla terra sono progettate da un Dio eterno che vede e conosce tutto. Non sono un errore o per caso. Naturalmente noi stessi commettiamo degli errori, ma Dio può trasformarli tutti in buoni (Romani 8:28). Conosce i nostri vantaggi e i nostri svantaggi: il nostro background familiare, i nostri matrimoni, la nostra istruzione e tutto ciò che ci circonda, anche nei minimi dettagli. Vede le circostanze buone e cattive che affrontiamo. Dobbiamo renderci conto che Dio vede tutto nel contesto eterno, ma viviamo in un mondo che vuole tutto adesso.

Il sistema mondiale è costruito sulla gratificazione immediata e sulla vita per i piaceri attuali. Ma se perdiamo il significato dell'eternità e non riusciamo a vedere la vita da una prospettiva eterna, perdiamo tutto ciò che è importante dal punto di vista di Dio. Comprendere l'eternità in questa vita non è solo anticipare un godimento futuro, ma è appropriarsi di una realtà presente.

L'apostolo Paolo visse nella potente realtà dell'eterno. Era una realtà gioiosa, e faceva la differenza in tutto ciò che faceva. Vide oltre le cose che ha sofferto sulla terra. Era duro da ogni parte, ma non schiacciato; perplesso, ma non disperato; perseguitare, ma non abbandonato; abbattuto, ma non distrutto (2 Corinzi 4: 8-10). Le sue prove (naufragio, lapidazione, persecuzione, prigione e molto altro) erano solo afflizioni leggere e momentanee. Perché? Paolo aveva una prospettiva eterna e vide un eterno peso di gloria che sarebbe stata la sua ricompensa. Una prospettiva eterna cambia tutto. Egli ha detto:

"Perciò non ci perdiamo d'animo. Anche se il nostro uomo esteriore sta morendo, tuttavia l'uomo interiore si rinnova di giorno in giorno. Perché la nostra leggera afflizione, che è solo per un momento, sta lavorando per noi un peso molto più grande ed eterno di gloria, mentre non guardiamo alle cose che si vedono, ma alle cose che non si vedono. Le cose che si vedono sono temporanee, ma le cose che non si vedono sono eterne "- (2 Corinti 4:16 -18).

Se guardiamo la nostra vita in questo momento, come possiamo vedere le nostre prove? Sono pesanti, deprimenti, opprimenti, inutili e da evitare a tutti i costi? O possiamo elevarci più in alto e vedere l'eterno regno? Tutto dipende dal vedere l'invisibile e l'eterno. Viviamo come se fossimo cittadini del cielo o cittadini della terra? Stiamo portando la dimensione eterna nei nostri compiti quotidiani e nell'ordinario?

È possibile vivere come se tutto fosse carico di eternità. Noi come credenti abbiamo la chiamata di portare l'eternità nel tempo, di portare la realtà del cielo sulla terra. Dio vuole che mettiamo i nostri tesori in cielo e viviamo nella gioia di essere ricompensati per tutto ciò che facciamo per amore di Gesù. Anche dare un bicchiere d'acqua freddo non perderà la sua ricompensa quando lo facciamo per Gesù.

Se viviamo come vive il mondo cercando di trovare compimento ora, allora come siamo diversi da quelli che non conoscono Cristo? Viviamo come semplici uomini che non hanno assaggiato il paradiso e sono accecati dalle seducenti trappole del nemico. Stiamo cercando di trasformare la vacuità di questa vita nella nostra casa. Il mondo intero giace in un inganno massiccio. Molti di noi continuano a riordinare i mobili nella nostra vita terrena (acquisti infiniti, divorzi multipli, innumerevoli dipendenze) senza mai trovare la vera realizzazione e gioia. Semplicemente non può essere trovato senza Gesù.

La Bibbia dice che siamo estranei sulla terra e stiamo cercando una città il cui creatore e costruttore sia Dio - (Ebrei 11:10).

All'inizio di questo nuovo anno, è tempo di vivere fino alla nostra vera chiamata celeste. La vera gioia si trova solo nel vivere per il paradiso, dove lo scintillio di questo mondo ha perso il suo fascino e il suo potere. Una prospettiva eterna cambia tutto. C'è un'incredibile purezza e semplicità nel conoscere Cristo che è molto più grande di qualsiasi cosa questo mondo offra. Ma possiamo facilmente smarrirci (2 Corinzi 11: 3).

Come credenti dobbiamo comprendere questo messaggio sull'eterno. L'urgenza intorno a noi urla per la nostra attenzione. Non possiamo più dire che ciò che sta accadendo nel mondo sia solo un brutto sogno. Questa è l'ora in cui il Signore ci chiede di elevarci alla nostra vera chiamata. Vuole che ci scrolliamo di dosso le bugie e che siamo tutto ciò che intendeva che fossimo a quest'ora. Vuole che mettiamo le nostre menti e i nostri cuori sulle cose sopra. Solo allora potrà veramente usarci nella misura massima per la sua gloria. Con una prospettiva eterna:

  • Possiamo essere veramente felici anche quando tutto intorno a noi sta cadendo a pezzi.
  • Possiamo sollevarci con una nuova prospettiva che farà notare il mondo perduto.
  • La nostra vita può bruciare con l'eternità e lo scopo.

Questo è un invito per tutti noi a entrare in una nuova dimensione dell'essere. Dobbiamo valutare tutte le nostre attività terrene da una prospettiva eterna. È tempo di vivere per il paradiso e restringere la nostra vita a ciò che sarà eternamente di valore. La gioia non si trova nell'impegno sincero, ma quando andiamo fino in fondo per Dio. Sto valutando tutto ciò che faccio. Alla luce del seggio del giudizio di Cristo alla fine dei tempi, Mike Bickle ha spesso detto al nostro personale IHOPKC:

“Signore, scuotimi ora! Mostrami quali aree della mia vita hanno bisogno di cambiamenti prima di quell'ultimo giorno. ”

Quattro anni fa la mia vita è cambiata radicalmente in un istante. Correndo per rispondere al mio campanello per ottenere un nuovo computer per la scrittura, sono scivolato sul mio gradino più alto e sono caduto fino in fondo alle scale, atterrando sul fondo in un mucchio. Mio marito mi ha accompagnato rapidamente all'emergenza e sono finito in ospedale con un polso e un tallone rotti. Sono stato su una sedia a rotelle per mesi con un cast sul piede e sulla gamba e uno sul braccio. Da un punto di vista umano, non aveva alcun senso. Ci sono stati mesi di recupero in cui non ho potuto fare nulla!

Durante quel periodo ho avuto molto tempo per pensare. Ho pensato alla vita. Ho pensato a ciò che era importante. Ho pensato all'eternità. Attraverso questa sfortunata circostanza Dio ha trasformato la tragedia personale e la perdita in benedizione e gioia, perché mi ha dato una prospettiva eterna che ha cambiato tutto.

È tempo per noi di cambiare la nostra prospettiva e cercare ciò che è sopra. È tempo che viviamo alla luce dell'eternità.

Ogni volta che benediciamo un altro, ogni volta che non ci lamentiamo, ogni volta che porgiamo un'altra guancia e impediamo alla nostra lingua di parlare male, stiamo mettendo i nostri tesori in cielo e saremo ricompensati. Dio ci sta conformando alla sua immagine e non saremo delusi. Vediamo la nostra eterna ricompensa in ogni atto di gentilezza e in ogni sacrificio che facciamo, grandi o piccoli. Tutto sulla terra è preparazione per l'età che verrà. Abbiamo un destino eterno. Impariamo a vivere una vita gioiosa alla luce di questa realtà.

"Se poi sei stato cresciuto con Cristo, cerca quelle cose che sono in alto, dov'è Cristo, seduto alla destra di Dio. Metti la tua mente sulle cose sopra, non sulle cose sulla terra. Perché tu sei morto, e la tua vita è nascosto con Cristo in Dio. Quando apparirà Cristo che è la nostra vita, allora apparirai anche con Lui nella gloria " (Colossesi 3: 1-4).

Insieme nella vendemmia,

Debbie Przybylski

Intercessori Arise International

Personale KC dell'International House of Prayer (IHOP)

www.intercessorsarise.org

Articoli Interessanti