Pensiero positivo: sia biblico che scientifico

Nota del redattore: quanto segue è tratto dal nuovo libro di H. Norman Wright, Un modo migliore di pensare: usare pensieri positivi per cambiarti la vita (Revell, 2011).

Introduzione al pensiero

Ho incontrato solo poche persone nella mia vita che non vogliono cambiare. La maggior parte lo fa davvero. Possono immaginare i progressi che vogliono fare. Le loro intenzioni sono buone. Ma c'è una ragione assillante che impedisce a molti di noi di andare avanti nella vita. Sono i nostri pensieri: quelle frasi apparentemente insignificanti che attraversano la mente, influenzando notevolmente tutto ciò che diciamo e facciamo. Dai nostri pensieri, ascoltiamo messaggi che possono spingerci verso grandi traguardi e cambiamenti positivi ... o trascinarci in una spirale negativa.

Hai difficoltà con i tuoi pensieri? Pensieri di preoccupazione, insicurezza, frustrazione e persino rabbia? Lo voglio. Noi tutti facciamo. Per molti di noi, i pensieri che attraversano continuamente la nostra mente sono più avversari che alleati. Lasciata incontrollata, la nostra "vita pensata" può diventare il nostro peggior nemico, avvelenandoci dall'interno. Ed è la nostra scelta. Sorprendentemente, molti di noi non vedono la relazione tra i nostri pensieri, i nostri sentimenti e le parole che scorrono dalla nostra bocca. Per così tanti degli individui e delle coppie che ho consigliato, le loro difficoltà possono essere ricondotte a un problema alla radice: le idee che si ripetono, il loro "dialogo interiore". Sì, è vero che tutti "parliamo" con noi stessi. Lo voglio. Lo fai anche tu.

Continuiamo tutti a conversare con noi stessi. E va davvero bene. Non è un segno che stiamo andando oltre il limite. A volte, stiamo semplicemente provando conversazioni. Altre volte, lasciamo che la nostra immaginazione galoppi sfrenata, costruendo tensione e ansia preoccupandoci di possibilità che potrebbero non verificarsi e che potrebbero anche non essere ragionevoli da considerare, ma dicendoci che il pericolo incombe. Può essere una profezia che si autoavvera. Ciò che ci diciamo, possiamo far diventare realtà, anche se è qualcosa che vorremmo disperatamente evitare.

A dire il vero, molti di noi sono inclini al pensiero negativo o tossico. E per alcuni di noi, la mente è un posto decisamente pericoloso, un campo di battaglia irto di mine antiuomo e nemici nascosti pronti per un'imboscata. Il nostro dialogo interiore ci sta attaccando dall'interno. Non deve essere così.

Puoi cambiare i tuoi pensieri. Posso insegnarvi. E quando imparerai a controllare il tuo parlare di te, sarai sulla buona strada per cambiare la tua vita e migliorare le tue relazioni. È possibile. Veramente. I semplici e pratici passaggi che troverai in questo libro faranno la differenza. Inoltre, costruirai le basi per un nuovo pensiero basato sulla Parola di Dio. Preparati: sei sulla buona strada per il massimo restyling mentale.

Mentre lavori in questo libro, prego che sviluppi un nuovo modello di pensiero, equilibrato e realistico. La mia speranza è che scoprirai come fare pace con la tua mente, permettendoti di trarre il massimo da tutto ciò che Dio ha per te.

La mia mente è piena di pensieri!

Indipendentemente dal tempo, Melanie irradia il sole. Al supermercato, fa chiacchiere amichevoli con la cassiera. Quando lavora nel cortile, alza sempre gli occhi al suono di un'auto che si avvicina e saluta, facendo brillare un sorriso luminoso mentre i vicini passano. Certo, ha delle brutte giornate di tanto in tanto. Ma rimbalza rapidamente dopo eventi spiacevoli o periodi di stress. Nulla sembra trattenerla a lungo.

Non è un atto. Melanie vede davvero una benedizione in quasi tutto. Quando rimane bloccata in un ringhio di traffico che potrebbe lasciare ribollire gli altri, si dice che è semplicemente un'opportunità per avere un tempo di preghiera ininterrotto. Se brucia la cena, si dice che sarebbe dovuta passare una serata divertente in un ristorante preferito. I piani di picnic piovuti le fanno annunciare che è l'occasione perfetta per riunire la famiglia attorno alla TV per un pomeriggio accogliente guardando un film e sgranocchiando popcorn.

Quando un problema esplode nella sua vita, la sua mente gira nella modalità di ricerca della soluzione. Non è incline a preoccuparsi. Le cose sono probabilmente migliori di quello che sembrano, spesso si dice. E di solito ha ragione lei. Le cose sembrano sempre funzionare per Melanie. Allora perché la mia vita non può andare così? Rhonda si chiede spesso. I due si conoscono dalla scuola elementare e da allora hanno frequentato la stessa chiesa, servendo insieme in innumerevoli ministeri da quando erano adolescenti.

"Ha sempre energia e non si ammala nemmeno!" riflette Rhonda. E combatto sempre allergie, affaticamento o raffreddore. La verità è che Rhonda ha sempre trovato un po 'fastidioso lo spirito da fare di Melanie. In realtà, davvero fastidioso. Nessuno può essere così felice, Rhonda fa il broncio nei giorni in cui i due servono il caffè insieme in chiesa.

Rhonda ha una vita a suo agio: suo marito fa uno stipendio molto più grande di quello di Melanie, e lei non ha problemi reali. Tuttavia, si sente molto triste. E, ammette di tanto in tanto suo marito, probabilmente passa più tempo di quanto dovrebbe preoccuparsi di problemi immaginati che non si materializzano mai. Ma non posso farci niente, si dice.

Ha provato l'intero approccio "Non ti preoccupare finché non hai davvero qualcosa di cui preoccuparti". Ma sembra così irresponsabile. E se prendessimo quell'influenza davvero brutta che sta andando in giro, proprio prima della nostra vacanza? lei si agita. E se il cane si fa il naso sotto la tavola libera sul recinto, esce e viene investito da un'auto mentre sono al negozio? E se ci fosse una recessione negli affari di Rob e lui perdesse il lavoro? Potremmo perdere la casa! I nostri risparmi! Qualunque cosa!

What-ifs vorticano nella sua testa per tutto il giorno. E non si sente mai più davvero bene, anche se il suo medico non riesce a trovare nulla di sbagliato in lei.

Vorticoso nei pensieri

I pensieri - ottimisti, pessimisti e tutto il resto - fluttuano nelle nostre menti per tutto il giorno. E influenzano tutto ciò che riguarda noi, dalle nostre emozioni alla nostra salute. I pensieri allegri e positivi di Melanie influenzano quasi ogni parte della sua vita, dal suo atteggiamento e umore alla sua salute - e c'è scienza per dimostrarlo. I pensieri negativi di Rhonda la influenzano più di quanto si renda conto: rubare la sua gioia, danneggiare le sue relazioni, persino danneggiare la sua salute. C'è la scienza per dimostrarlo.

Come queste due donne, elaboriamo costantemente pensieri. Non potremmo contare il numero di pensieri che abbiamo ogni giorno. Ce ne sono troppi. Ne indovineresti mille? Cinquemila? Dieci mila? A seconda di quanto è attiva la tua mente, puoi produrre più di 45.000 pensieri al giorno. Meno male! Potrebbe essere paragonato a uno stormo di uccelli che volano dentro e fuori dalla tua mente. Il ritmo con cui possiamo esprimere quei pensieri è molto più lento. Alcune ricerche suggeriscono che parliamo a circa 200 parole al minuto. Ma possiamo ascoltare ed elaborare 1.300 parole al minuto!

Questa raffica di pensieri può sopraffarci. A volte sembra che non possiamo elaborarli tutti abbastanza velocemente. A volte sappiamo cosa stiamo pensando, ma non possiamo formare le parole per esprimere quelle idee. Suona familiare? Quindi cosa sono esattamente i pensieri? Bene, sono i modi in cui siamo consapevoli delle cose. Sono fatti dei nostri ricordi, delle nostre percezioni, delle nostre credenze. Sono squarci, anche frammenti, di idee. Costituiscono una delle sfaccettature più elementari della vita.

A volte passano fugacemente, a malapena notati. A volte vengono messi a fuoco. Spesso li esprimiamo, dicendo cose come "Ti ho pensato ieri" o "Stavo solo pensando al nostro incontro domani". I nostri pensieri determinano l'orientamento di tutto ciò che facciamo. Evocano i sentimenti che incorniciano il nostro mondo e motivano le nostre azioni. E hanno il potere di cambiare il modo in cui ci sentiamo.

I pensieri soleggiati di Melanie brillano nel suo umore. È ottimista per la maggior parte del tempo, anche quando sorgono problemi. La vita le sta proprio bene. Ma per Rhonda, anche quando la vita offre una navigazione fluida, razionalizza la possibilità che si formino nuvole di tempesta appena oltre l'orizzonte. La preoccupazione la rosicchia mentre resta alla ricerca di potenziali problemi.

Pensaci: non puoi evocare pensieri sentendoti in un certo modo. Ma puoi evocare e, in una certa misura, controllare i sentimenti dirigendo i tuoi pensieri. Quindi avere il controllo sui nostri pensieri ci dà il potere di dirigere i nostri sentimenti. Ma i nostri sentimenti non sono diretti esclusivamente dalla volontà. Non possiamo semplicemente scegliere i nostri sentimenti. Tuttavia, possiamo guidarli con i nostri pensieri.

Questo è importante perché i nostri pensieri sono l'origine dei nostri comportamenti. Ogni comportamento inizia in questo modo: un pensiero stimola una risposta elettrochimica, che produce emozione; l'emozione si traduce in un atteggiamento; l'atteggiamento produce comportamento. Questo processo influisce sul modo in cui pensiamo e sentiamo fisicamente. Quindi pensieri negativi o tossici producono emozioni tossiche. Questi producono atteggiamenti tossici, che si traducono in comportamenti tossici.

La nostra capacità di pensare e rappresentare le cose per noi stessi ci consente anche di portare vaste gamme di realtà - e non realtà - nelle nostre vite. Fondamentalmente, ciò significa che con i nostri pensieri, possiamo introdurre cose buone o cattive nella nostra vita, reale o immaginata, a seconda del contenuto dei nostri pensieri.

Benvenuti in Thought Chemistry 101

I tuoi pensieri sono innocui o dannosi? Beh, dipende. È importante capire che i nostri pensieri non sono isolati o disconnessi. Ogni volta che hai un pensiero, innesca una reazione elettrochimica nel tuo corpo, che tu ne sia consapevole o no. Esatto, ogni serie di pensieri di un processo biologico - circa 400 miliardi contemporaneamente. A causa di quel pensiero, le sostanze chimiche si propagano attraverso il corpo, producendo onde elettromagnetiche. Quelle serie di emozioni, che influenzano il nostro comportamento.

Ascoltiamo le nostre emozioni e agiamo su di esse. Ad esempio, quando siamo spaventati o preoccupati, possiamo agire ritirandoci, attaccando o soffiando una situazione sproporzionata. Ogni volta che hai un pensiero e quella trasmissione elettrica attraversa il tuo cervello in una frazione di secondo, diventi consapevole di ciò che stai pensando.

Ti sei mai chiesto, quando ti senti bene, perché ti senti così bene? Perché ti senti positivo o felice? C'è una semplice ragione per questo. È dovuto a quelle reazioni chimiche innescate nel tuo cervello a seguito dei tuoi pensieri. Anche cattivi sentimenti e atteggiamenti derivano da questo processo. Questo perché alcune delle sostanze chimiche che sono scatenate dai nostri pensieri sono sostanze chimiche "di benessere"; altri sono "svantaggi".

Come i tuoi pensieri modellano il tuo personaggio

Potresti chiederti, a parte influenzare il nostro umore, importa davvero cosa pensiamo? Stiamo solo parlando di pensieri innocui, giusto? Sbagliato. La verità è che il contenuto dei tuoi pensieri conta molto. Vedete, i nostri pensieri possono limitare chi siamo e cosa diventiamo, oppure possono agire come catalizzatori che ci spingono in avanti nella nostra vita.

I nostri pensieri influenzano il nostro carattere, modellano i nostri atteggiamenti, determinano i nostri comportamenti, influenzano la nostra spiritualità e persino influenzano il sistema immunitario, afferma l'autore, l'educatore e lo psicologo Archibald Hart. “Il tuo pensiero determina se sarai felice o triste per la maggior parte del tempo. Determina anche se ti sposerai e se la tua vita sessuale sarà soddisfacente ", dice. Supponiamo che questo giorno non stia andando così bene per te. Ci sono state frustrazioni e battute d'arresto: altre persone non hanno rispettato gli impegni, i propri cari non hanno prestato attenzione alle tue preoccupazioni, i bambini si sono comportati male. Ti senti come se Rhonda di solito non facesse mai niente per la sua strada.

Ora hai pensieri arrabbiati, scortesi o irritabili, e c'è una conseguenza. Il tuo cervello rilascia sostanze chimiche che causano reazioni fisiche. Potresti sentire i muscoli tesi, il cuore battere, le mani sudare. Il corpo è un ricettacolo per ogni pensiero negativo che abbiamo e reagisce a ciascuno di essi. Immagina la differenza se vedi la tua giornata come Melanie, con una visione positiva di qualunque cosa ti capiti. Salteresti tutte le spiacevoli emozioni e reazioni fisiche che accompagnano il pensiero negativo.

I tuoi pensieri e la tua salute

I pensieri possono creare stress nella nostra vita. Ed è stato ben documentato che lo stress influisce negativamente sulla salute in molti modi. L'umorismo, d'altra parte, aiuta il cervello a funzionare in modo sano. Nel reagire all'umorismo, entrambi i lati del cervello vengono attivati ​​contemporaneamente. Quando racconti una barzelletta, il lato sinistro - la parte responsabile del pensiero - inizia a sparare. Quando "prendi" uno scherzo e inizi a ridere, la tua parte destra diventa attiva.

La ricerca indica che le persone tendono ad essere più creative quando vedono qualcosa di così divertente. Altri studi suggeriscono che le risate aiutano ad aumentare la flessibilità e la creatività del pensiero. Anche l'umorismo è stato usato per aiutare a rafforzare il sistema immunitario.

I pensieri creano emozioni che possono avere un effetto fisico duraturo sul tuo corpo. Ad esempio, quando ci soffermiamo su vecchie ferite e ferite, costruiamo un'abitudine mentale. Ogni volta che pensiamo a quel dolore del passato, lo stress - e i suoi effetti tossici - affiorano con velocità crescente. Ogni volta che pensiamo a quel pensiero negativo, costruiamo un percorso più forte verso quell'emozione negativa e abbiamo maggiori probabilità di esprimerci in modo negativo.

Il nostro dolore emotivo può persino scatenare dolore o danno fisico. I ricercatori hanno collegato pensieri tossici a problemi cardiaci e vascolari, problemi gastrointestinali, mal di testa, condizioni della pelle, disturbi del tratto intestinale, dolore cronico, disturbi polmonari e respiratori e compromissione immunitaria.

Consideralo, dal Dr. Caroline Leaf che ha spento il mio cervello? :

La ricerca mostra che circa l'87% delle malattie può essere attribuito alla nostra vita di pensiero e circa il 13% alla dieta, alla genetica e all'ambiente. Gli studi collegano definitivamente più malattie croniche (note anche come malattie dello stile di vita) a un'epidemia di emozioni tossiche nella nostra cultura. Queste emozioni tossiche possono causare emicrania, ipertensione, ictus, cancro, problemi della pelle, diabete, infezioni e allergie, solo per citarne alcuni.

Quando un pensiero negativo inizia a svilupparsi, attiva una sezione del cervello che rilascia emozioni legate al pensiero. Se si tratta di un pensiero negativo, o tossico, viene rilasciato uno di quegli insidiosi prodotti chimici "negativi", stimolando il rilascio di un altro, che stimola il rilascio di un altro ancora.

I prodotti chimici rilasciati da emozioni negative possono influenzare le cellule nervose del cervello, causando difficoltà nel recupero dei ricordi. Ciò, a sua volta, reprime la capacità di ricordare e pensare in modo costruttivo. La ricerca mostra che i prodotti chimici rilasciati nel cervello a seguito di pensieri positivi non causano questo tipo di danno. I pensieri tossici influiscono sull'equilibrio emotivo e fisico. Gli ormoni rilasciati possono interrompere il funzionamento positivo del cervello, rendendoci difficile concentrarci o concentrarci. La buona notizia è che anche i nostri pensieri possono creare una calma che aiuta a controllare le nostre emozioni, reprimendole prima che sfuggano al controllo. Ogni pensiero positivo o felice stimola il cervello all'azione, rilasciando sostanze chimiche che fanno sentire bene il tuo corpo.

Perché è importante parlare di sé

È qui che il potere di parlare di sé è così evidente. Il dialogo interiore è semplicemente il pensiero che dici a te stesso. Ad esempio, Melanie potrebbe uscire di casa, notare che piove e pensare: "Fantastico, il cortile aveva bisogno di un po 'd'acqua". D'altra parte, la sua amica Rhonda, che si nutre di una dieta costante di chiacchiere negative, vorrebbe probabilmente pensa: “Oh, ratti! Adesso mi bagnerò i capelli e le scarpe. E sarà difficile guidare nel lavoro. E probabilmente prenderò un raffreddore. E ... ”Ottieni l'immagine.

I pensieri seguono percorsi specifici nel cervello. Quando si verifica un pensiero, la parte del cervello chiamata talamo va a lavorare dando un senso all'informazione e facendola scorrere attraverso la parte del cervello che immagazzina i ricordi, l'amigdala. Nel suo libro, la dott.ssa Leaf osserva:

Ricorda che l'amigdala è molto simile a una biblioteca ed è responsabile della prima risposta emotiva a qualsiasi pensiero. Ti attiva e ti eccita a fare qualcosa. Se la tua "biblioteca" è piena di "libri" che raccontano una storia di non essere in grado di far fronte alle informazioni in arrivo, la risposta sarà quella di reagire alle informazioni basandosi puramente a livello emotivo. Ecco perché non è mai saggio reagire alla prima emozione che provi. È una risposta fisiologica progettata per allertarti e focalizzarti, non per dirigere le tue azioni.

Quando i tuoi pensieri sono tossici o negativi, hai lasciato il controllo alle tue emozioni, reazioni chimiche che non sono sempre affidabili. Parte dello scopo dell'amigdala è avvisarci. Ma a meno che non sia stabilizzato da pensieri non tossici ed equilibrati, le emozioni che genera possono dominare. E ciò può causare una risposta negativa, anche irrazionale.

Ecco perché i ricordi, anche quelli che non ricordiamo consapevolmente, possono avere effetti potenti. Anche se non sono facilmente accessibili dal cervello, esistono ancora i cosiddetti ricordi nascosti. Le loro informazioni non sono perse; è immagazzinato da qualche parte nella mente. È come se quei ricordi fossero bruciati sul disco rigido della mente, e quando premiamo i tasti giusti per attivarli, riappaiono chiaramente a noi.

Tutti abbiamo ricordi nascosti da qualche parte al di là della nostra memoria cosciente, bloccati perché l'evento è stato estremamente doloroso o traumatico. È come se Dio avesse integrato nel funzionamento della nostra mente la capacità di reprimere materiale emotivamente doloroso. Alcuni di questi ricordi rimangono lì fino a quando le nostre menti subconsce credono che sia "sicuro" accedervi. Dobbiamo ricordare che, come tante altre cose, accedere ai ricordi è un processo biologico. Quali ricordi hai attivato oggi? Erano negativi o positivi? Hanno ostacolato la tua vita o migliorata?

Noi siamo ciò che pensiamo

Puoi imparare a controllare i tuoi pensieri che cambiano la chimica del tuo cervello, influenzano le tue emozioni e persino influenzano il tuo personaggio. Ciò significa che puoi avere un controllo significativo anche sul tuo benessere fisico.

Il pastore e autore Charles Swindoll descrive il potere che dobbiamo dirigere i nostri pensieri:

I pensieri, positivi o negativi, diventano più forti insieme quando fecondati con ripetizione costante. Ciò potrebbe spiegare perché così tanti che sono cupi e grigi restano in quell'umore e perché altri che sono allegri ed entusiasti continuano ad esserlo, anche in circostanze difficili. Per favore, non fraintendere. La felicità (come vincere) è una questione di giusto pensiero, non di intelligenza, età o posizione. Le nostre prestazioni sono direttamente correlate ai pensieri che depositiamo nel nostro banco di memoria. Possiamo solo attingere a ciò che depositiamo.

Che tipo di prestazioni offrirebbe la tua auto se ogni mattina prima di partire per lavoro raccogliessi una manciata di terra e la mettessi nel carter? Il motore messo a punto sarebbe presto tossire e sputare. Alla fine, si rifiuterebbe di iniziare. Lo stesso vale per la tua vita. I pensieri su te stesso e gli atteggiamenti verso gli altri che sono stretti, distruttivi e abrasivi producono usura sul tuo motore mentale. Ti mandano fuori strada mentre altri passano.

Fermati un attimo e rifletti sulla tua vita di pensiero. Che tipo di depositi fai di solito?

La scienza conferma semplicemente ciò che la Scrittura ha sempre detto: siamo modellati, in gran parte, dai nostri pensieri. Perché altrimenti il ​​grande apostolo Paolo direbbe: "Riponi i tuoi pensieri su ciò che è vero, buono e giusto" (Fil 4: 8 TLB)?

Le Scritture hanno molto altro da dire sull'atto di pensare e sulla nostra vita di pensiero. Le parole pensano, pensano e mente sono usate centinaia di volte nella Bibbia. Lo scrittore di Proverbi 23: 7 afferma brevemente: "Come pensa in se stesso, così è" (NASB).

Spesso le Scritture si riferiscono al cuore come alla fonte dei nostri pensieri:

Il cuore del giusto pesa le sue risposte, ma la bocca del malvagio scatena il male. (Prov.15: 28 NIV)

Ma le cose che escono dalla bocca vengono dal cuore, e queste rendono un uomo "impuro". Perché dal cuore nascono cattivi pensieri, omicidi, adulterio, immoralità sessuale, furto, falsa testimonianza, calunnia. (Matt. 15: 18–19 NIV)

Dio, ovviamente, conosce il contenuto dei nostri pensieri:

Tutte le vie di un uomo sono pure ai suoi occhi, ma il Signore pesa gli spiriti (i pensieri e gli intenti del cuore). (Prov.16: 2 AMP)

Il nostro Creatore ci ha progettato in modo che i nostri pensieri abbiano un impatto su ogni aspetto della vita. I pensieri positivi producono effetti positivi. I pensieri negativi portano tutto, dall'atteggiamento alla salute, nella direzione opposta. Non c'è da stupirsi che l'autore di Proverbi abbia scritto,

Un cuore allegro è una buona medicina, ma uno spirito schiacciato asciuga le ossa. (Prov. 17:22 NIV)

Sapeva ciò che la scienza moderna ha confermato: i pensieri negativi sono una forma di inquinamento per il nostro corpo. Inoltre, i nostri pensieri, buoni e cattivi, influiscono su ciò che diciamo e facciamo. Gesù disse:

L'uomo buono estrae le cose buone dal bene immagazzinato nel suo cuore, e l'uomo malvagio estrae le cose cattive dal male immagazzinato nel suo cuore. Perché dal trabocco del suo cuore parla la sua bocca. (Luca 6:45 NIV)

I tuoi pensieri ti stanno modellando? O stai modellando i tuoi pensieri? E cosa stanno producendo i tuoi pensieri? Se non hai il controllo della tua mente, chi è ? Chi ha il controllo su ciò che pensi? Tu o Dio? Pensaci. Chiaramente, i nostri pensieri alimentano le nostre emozioni e le nostre emozioni influenzano la nostra salute. Quindi sai che devi stare attento alle conversazioni negative: è tossico. Ma non siamo vittime indifese dei nostri pensieri. Possiamo scegliere come ci influenzano. Dobbiamo semplicemente imparare a dirigere il loro corso.

Prendere il controllo

"Vorrei che la mia mente non fosse così dispersa."

"La mia mente si sente così divisa."

"I miei pensieri sono così frammentati."

Ho chiesto alle persone che hanno fatto queste affermazioni: "È la prima volta che lo dici?" Mi guardano come se avessi perso i sensi. Di solito, confessano che quelle affermazioni sono state compagni costanti. Non c'è da stupirsi che si sentano così!

Quando ripetiamo abbastanza ogni affermazione, anche involontariamente, possiamo farla diventare, nel tempo, realtà. Ancora una volta, pensiamo a Rhonda. Quando si ripete ripetutamente che probabilmente avrà una brutta giornata - indovina un po '? Prova così tante emozioni negative - e persino reazioni fisiologiche significative, come mal di stomaco, mal di testa o nervosismo - che si verificano altri problemi, e semplicemente a causa del suo dialogo interiore negativo, ha davvero una brutta giornata.

Ora, va bene ripetere le dichiarazioni. In effetti, ripeteremo molti di loro per il resto della nostra vita. Ma dobbiamo stare attenti alle affermazioni negative, specialmente riguardo alle nostre stesse menti. Non dobbiamo sentirci dispersi, divisi e frammentati. Ci è stato dato più di questo come credenti.

La Bibbia promette al credente una mente sana ed equilibrata. In 2 Timoteo, Paolo scrive: “Perché Dio non ci ha dato uno spirito di timidezza (di codardia, di bramosia e di rabbia e paura fulminante), ma [ci ha dato uno spirito] di potere e di amore e di calma e benessere mente equilibrata, disciplina e autocontrollo ”(AMP 1: 7, enfasi aggiunta).

L'insegnamento scritturale sui nostri pensieri non è solo informativo; è incoraggiante e potenzialmente cambia la vita. Memorizzare e soffermarsi su questa Scrittura può aiutare a mettere ordine nella tua vita di pensiero e, di conseguenza, migliorare le tue relazioni, la tua salute e la tua felicità. Immagina l'impatto se contrastassimo ogni pensiero sull'essere dispersi, divisi e frammentati con questo energico discorso di sé: "Fermati, non è vero!"

Immagina il potere di ripetere ad alta voce l'incoraggiante passaggio di 2 Timoteo 1: 7. Anche questa può diventare una profezia che si autoavvera. E il risultato? Una persona calma, disciplinata e autocontrollata, con una mente ben equilibrata, può creare di più di questa profezia positiva, che si autoavvera.

Quindi sì, puoi davvero:

  • Pensati sano.
  • Pensa di avere successo.
  • Pensa per preoccupazione e ansia.
  • Pensa per amarezza e risentimento.
  • Pensa a te stesso nel perdono.
  • Pensa a te stesso in controllo delle tue emozioni.
  • Pensa a te stesso dallo stress.
  • Pensa te stesso felice.

Le possibilità sono infinite!

Alcune persone dicono di sentirsi responsabili per la propria mente. Il problema è che abbiamo dato il controllo a tutto ciò che sta imperversando. Quando diamo il controllo della nostra mente, pensiamo di dover andare d'accordo con qualunque turbamento, preoccupazione, ansia o pensiero depressivo possano verificarsi. Essere responsabili ad esso significa andare d'accordo con qualunque cosa accada.

Puoi imparare ad essere responsabile della tua mente. Ed è essenzialmente ciò che la Scrittura ci insegna a fare. Possiamo imparare a dirigere la nostra mente per riflettere la volontà di Dio. E poiché provare emozioni basate sul pensare in questo modo è un evento biochimico, seguire i principi scritturali crea una diversa soluzione biochimica, il tipo che Dio desidera per noi. Chiaramente, è un modo migliore di vivere.

I tuoi pensieri - e le loro reazioni biochimiche - modellano la tua salute emotiva e fisica. Lo ripeto per una ragione, quindi ne sarai consapevole mentre vai avanti nella tua vita quotidiana. È un nuovo pensiero che può avere un impatto sulla tua vita in un modo nuovo. Nuovi pensieri o vecchi ricordi: entrambi possono dirigere la tua vita. È possibile modificarli e controllarli. In questo libro imparerai come.

Rifletti e ricorda

1. La tua vita è diretta dai tuoi pensieri. I tuoi pensieri creano il tuo comportamento.

2. I tuoi pensieri influenzano la chimica nel tuo cervello.

3. I tuoi pensieri e le tue emozioni sono strettamente collegati. I pensieri tossici creano emozioni negative.

4. Puoi imparare ad essere responsabile della tua mente. Noi siamo ciò che pensiamo.

5. Dio conosce i nostri pensieri. Dio ci dà una mente ben equilibrata.

6. Cosa è successo nella tua vita oggi a causa di quello che hai pensato?

Estratto da un modo migliore di pensare: usare pensieri positivi per cambiarti la vita di H. Norman Wright, (Revell, 2011). Usato con permesso .

H. Norman Wright è un terapista specializzato in matrimoni, famiglia e figli e ha insegnato al Grad. Dipartimento dell'Università di Biola. Era un ex direttore del Dipartimento laureato di consulenza matrimoniale e familiare presso l'Università di Biola, nonché professore associato di psicologia. È stato anche professore associato di educazione cristiana e direttore del dipartimento laureato di educazione cristiana presso la Talbot School of Theology. Attualmente è professore di ricerca di educazione cristiana presso la stessa istituzione. È stato in studio privato per oltre trenta anni. Dr. Wright è laureato al Westmont College, Fuller Theological Seminary (MRE), Pepperdine University (MA). Ha ricevuto due dottorati onorari, DD e D.LIT, rispettivamente dal Seminario Battista Conservatore Occidentale e dall'Università di Biola. È autore di oltre settanta libri tra cui Experiencing Grief, The New Guide to Crisis and Trauma Counselling, Recovering from the Losses of Life, Quiet Times for Couples, e Before You Say I Do. Il Dr. Wright ha aperto la strada ai programmi di consulenza prematrimoniale in tutto il paese. Tiene seminari su Parenting, Recuping from the Losses of Life, Trauma and Crisis Counselling e Arricchimento del matrimonio. Attualmente si occupa della consulenza sul dolore e sul trauma e dei resoconti sugli incidenti critici. Parte del suo lavoro è lo sviluppo di programmi di studio in perdita, crisi e traumi, nonché seminari di recupero del dolore in tutta la comunità. È uno specialista certificato del trauma e un traumatologo certificato. È un trainer ICISF per il corso, Trauma After Grief. Appartiene alle seguenti organizzazioni professionali: Academy of Bereavement, Critical Incident Stress Foundation, Inc., Association of Traumatic Stress Specialists, Membro clinico dell'American Association of Christian Counselors, Membro clinico della California Association of Marriage and Family Therapist, Victim Chaplain Association of America

Data di pubblicazione : 13 ottobre 2011

Articoli Interessanti