Come sono diventato cristiano

Il 27 ottobre è una data importante per me.

Sono cresciuto a Woolmarket Baptist Church, una congregazione rurale di colletti blu in una piccola comunità appena a nord di Biloxi, Mississippi. Mio nonno aveva servito come pastore di quella congregazione e morì quando avevo sei anni.

Ero attivo in tutte le cose relative alla chiesa battista di Woolmarket: scuola domenicale, unione di formazione, scuola biblica per vacanze, ambasciatori reali, coro giovanile, consiglio dei giovani. A circa dodici anni, stavo tornando a casa da un incontro di risveglio in chiesa, un risveglio in cui il nostro pastore predicava (presumo perché l'evangelista in visita non poteva). Stavo fissando le stelle in alto, contemplando la mia colpa davanti a Dio.

Per tutta la vita avevo sentito parlare di chi era ed è Gesù. Conoscevo le affermazioni che aveva fatto riguardo alla sua signoria, che era il figlio del Dio vivente. Sapevo che tutti avevano peccato, incluso me. Sapevo che il Vangelo ci diceva che Gesù era stato crocifisso, portando la colpa del peccato e che Dio lo aveva risuscitato dai morti, sconfiggendo la presa del peccato e del diavolo. Non ho mai messo in discussione nulla di tutto ciò, ma sembrava solo un'altra parte della mia identità comunitaria, come essere un fan dei New Orleans Saints o dire "sì signora" e "sì signore".

Ma quella notte qualcosa era diverso. Mi è sembrato reale. Il Vangelo sembrava non solo parlare di me, ma parlare con me. Alzai lo sguardo verso le stelle e mi gettai nella speranza di una buona notizia che, in qualche modo, avesse viaggiato dall'impero romano del I secolo alla costa del Golfo del Mississippi dell'era Reagan. Ho gridato il mio grido di "Ricordati di me quando verrai nel tuo regno" e "Abbi misericordia di me, il peccatore" e "Credo che tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente".

Ricordo ancora esattamente dove mi trovavo, e spesso ci vado quando torno nella mia città. Sapevo di essere ascoltato.

Quello che è successo? Non ho ricevuto alcuna nuova informazione. Non ci sono state nuove scoperte che provano archeologicamente la verità della Bibbia o dimostrano un design intelligente della fisica quantistica. Ho appena sentito una voce. In quelle vecchie Scritture, ho sentito qualcuno parlare con me: proprio come te, senza un motivo, tranne che il mio sangue è stato versato per te ”.

La mia situazione era diversa da molti cristiani che ho visto venire a Cristo negli anni successivi. Ho visto prostitute e tossicodipendenti di eroina, atei e prigionieri e ogni contesto che puoi immaginare viene a Cristo. Ma siamo davvero tutti uguali.

Siamo tutti, lasciati a noi stessi, nascosti tra i cespugli, facendoci sussultare davanti alla voce di Dio. Le nostre coscienze ci accusano e troviamo ogni sorta di cose per coprire la nostra nudità. Per alcuni si tratta di ateismo, di edonismo, di violenza, di anarchia sessuale. E per alcuni di noi è il Cristianesimo della Cintura Biblica che è poco prima della nuova nascita.

Ma non importa se ci nascondiamo dietro un anti-vangelo o un quasi vangelo - è ancora un inferno. Molte persone sedevano negli stessi incontri di risveglio e nelle stesse lezioni della scuola domenicale e se ne andavano. Perché non l'ho fatto? Non c'è niente che mi rende diverso, e non c'è niente che non abbia ricevuto. Ho appena sentito quella voce. E anche quando mi perdo vagando qui, lo faccio ancora.

Il 27 ottobre mi fa sempre sentire vulnerabile e debole. Ricordo com'è essere quel bambino che si chiede se Dio avrebbe davvero me, con tutta la mia ipocrisia. Mi ricorda come ci si sente ad essere un ladro morente, ansimando per la misericordia, anche se i miei crimini erano tutti coperti dai premi della frequenza perfetta della Southern Baptist Bible School.

Ma il 27 ottobre mi fa anche ricordare come ci si sente per un ladro a metà esecuzione di vedere l'Uomo in quella croce di mezzo girare, e guardare, ascoltare e salvare. Tutto ciò che ho è gratitudine. E prego che il cuore spezzato ascolti le grida del perito.

Proprio come lo sono io. Senza un motivo. Tranne. Tranne. Tranne.

Foto per gentile concessione: Thinkstockphotos.com

Data di pubblicazione: 28 ottobre 2016



PROSSIMO POST Come parlare ai bambini della loro storia di adozione Leggi di più Russell Moore Come parlare ai bambini della loro storia di adozione 24 ottobre 2016

Articoli Interessanti