Il giorno in cui Dio mi ha guarito

Mi sono seduto nell'ambulatorio medico nella primavera del 1991, magro, pallido e debole, ascoltando il dottore pronunciare le parole che temevo: "Abbiamo finito le opzioni. La chirurgia è la nostra ultima alternativa".

Cinque anni prima, alla tenera età di 13 anni, mi era stata diagnosticata la malattia di Crohn. Crohn attacca il tratto digestivo, interferendo con la capacità del corpo di assorbire la nutrizione e causando gravi crampi, diarrea e affaticamento. Non esiste una cura per la malattia, sebbene i farmaci spesso controllino i sintomi. Nel mio caso, le pillole hanno avuto scarso effetto e la malattia si è sciolta più di un quinto del mio peso corporeo.

La chirurgia, ha spiegato il medico, richiederebbe un'ileostomia (un'apertura creata chirurgicamente nell'addome). E di conseguenza, dovrei indossare una custodia esterna per raccogliere i materiali di scarto.

Ero devastato e le mie speranze di matrimonio e intimità erano a rischio. Chi vorrebbe una moglie con una deformità del genere?

Quando sono tornato a casa dall'ambulatorio, ho pianto nel mio cuscino, "Dio, come hai potuto farmi accadere questo? Hai il potere di guarirmi. Perché non lo fai?"

Ho sviluppato un caso di visione a tunnel, cercando tra le Scritture la certezza di una cura magica. Mi sono aggrappato alla storia della donna che è stata guarita quando ha toccato il bordo della veste di Gesù (Luca 8: 43-48). Ancora e ancora, l'ho spinto in faccia a Dio: "L'hai guarita. Ora guariscimi". Ma nelle mie preghiere non ho lasciato spazio a Dio per essere Dio. Non una volta ho detto: "Non la mia volontà, ma la tua sia fatta".

Certo, la mia cura magica non è mai arrivata, e ho subito un intervento chirurgico solo poche settimane prima di laurearmi al liceo. L'operazione ebbe un completo successo e in pochi giorni ero di nuovo in piedi. Fisicamente, mi sentivo meglio di quanto non fossi da anni. Emotivamente e spiritualmente, tuttavia, ero in una valle profonda. Odiavo l'ileostomia e mi sentivo tradito. Dov'era Dio? Perché non aveva risposto alle mie preghiere?

Ho continuato in depressione per diversi giorni. Poi una mattina, mi sono imbattuto in un passaggio in Salmi che mi ha colpito come un colpo fisico:

"Le corde della morte mi hanno impigliato, l'angoscia della tomba mi è venuta addosso, sono stato sopraffatto da guai e dispiaceri. Poi ho chiamato il nome del Signore:" O Signore, salvami! "Il Signore è gentile e giusto, il nostro Dio è pieno di compassione ... Riposati ancora una volta, o anima mia, perché il Signore è stato buono con te. Per te, o Signore, hai liberato la mia anima dalla morte, i miei occhi dalle lacrime, i miei piedi da inciampare, che Posso camminare davanti al Signore nella terra dei vivi "(Sal 116: 3-9, NIV).

Ero sbalordito. Sebbene scritto migliaia di anni prima, il passaggio avrebbe potuto essere messo lì solo per me. Mentre leggevo e rileggevo le parole di David, le squame si staccarono improvvisamente dai miei occhi. Ero diventato così concentrato su ciò che volevo che avevo perso di vista la compassione, la giustizia e la sovranità di Dio.

Ero stato troppo cieco per vedere che aveva effettivamente risposto alle mie preghiere. Non ero ancora vivo e in salute? Mi aveva guarito, anche se non era esattamente nel modo che avrei preferito, e lo sentivo sussurrare: "Fidati di me. Conosco meglio."

Dopo una potente lotta, ho restituito il mio futuro a Dio, ed è rimasto fedele. Negli anni successivi, mi ha dato l'opportunità di condividere la mia testimonianza con altri che affrontano lo stesso intervento chirurgico che ho subito. Mi ha anche benedetto con un marito meraviglioso e un bellissimo figlio e figlia.

Inizi della discussione Credi che Dio offra ancora guarigioni miracolose oggi? Perché o perché no? Hai mai "perso" la risposta di Dio a una preghiera perché stavi cercando qualcosa di diverso?

Ma soprattutto, sebbene sia ancora difficile, Dio mi ha insegnato a pregare secondo la sua volontà, e quindi a cercare le sue risposte più profonde.

Michelle Isenhoff è una scrittrice di Wayland, Michigan. Copyright © 2005 dell'autore o della rivista Christianity Today International / Today's Christian.

Fare clic qui per informazioni sulla ristampa.

Articoli Interessanti