Henry Blackaby: Cosa dice lo Spirito alle Chiese

Le persone oggi hanno fame della guida sicura di Dio nelle loro chiese. Ma come lo trovano? Una delle voci profetiche più forti alla chiesa oggi, Henry Blackaby, aiuta i cristiani a comprendere il modello di Dio per rafforzare le loro chiese, piuttosto che fare affidamento su idee e metodi umani che lasciano Dio alla periferia. Impareranno come essere sensibili individualmente e corporalmente allo sforzo dello Spirito, esplorando i principi affidabili secondo cui il Signore desidera guidare ogni congregazione verso la propria missione distintiva.

Crosswalk.com: Volendo parlare del tuo nuovo libro, Cosa dice lo Spirito alle Chiese, Cos'è che in genere impedisce alle congregazioni delle chiese di ascoltare ciò che lo Spirito ha da dire a loro?

Blackaby: Come l'ho osservato, e il Signore mi ha messo la mano 50 anni fa, quindi lo guardo a lungo: in primo luogo, se dovessi valutarlo, è che il popolo di Dio è passato da una relazione alla religione. Quindi pratichiamo fedelmente le attività religiose e la perfezioniamo e la manteniamo, ma la relazione con Dio è come se fosse in Israele e in Giuda ai tempi di Gesù. Non stavano ricevendo il messaggio. Ma pensiamo di essere in contatto con Dio perché stiamo facendo attività religiosa, - non ricordo l'ultima volta che Dio ci ha parlato chiaramente.

Crosswalk.com: scrivi della presenza d'esame del Signore nel tuo libro. Cosa intendi con questo?

Blackaby: La frase "ciò che lo spirito dice alle chiese" è disponibile nei Capitoli 2 e 3 dell'Apocalisse. Fondamentalmente, dice diverse cose in questo. Numero uno, viene in chiesa e parla al pastore o all'angelo. Dice "Conosco i tuoi lavori". E prima di ogni chiesa, dà anche qualcosa di caratteristico della sua natura. Ognuno di loro è diverso. Ad esempio, Efeso dice che è colui che tiene le sette stelle nella sua mano destra, che cammina in mezzo alle sette. Bene, ognuno di loro è diverso. Quindi Dio viene in chiesa e in ogni singola congregazione. E dice "Conosco i tuoi lavori". Quindi li descrive. E se c'è qualcosa che non va, chiede immediatamente il pentimento. Quando arriva alla fine di ognuno di questi, dice: "Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese". Dio cammina in mezzo alle chiese e, naturalmente, se Cristo è il capo di ogni chiesa locale, allora è presente, attivo e coinvolto. Parlerà con le chiese. Se non sentiranno, dice solo, "Mi dispiace, mi ritiro." Possiamo continuare a praticare la religione e non sapere mai che se n'è andato. In troppe chiese, ciò che stiamo facendo e ciò che stiamo pianificando di fare, possiamo fare a meno di Lui.

Crosswalk.com: Cosa fa rispondere il mondo delle chiese allo Spirito?

Blackaby: Sono convinto che l'eterno proposito di Dio di cambiare il mondo sia attraverso le Sue chiese. Non sono un incidente della storia. Sono stati progettati e proposti da Dio. Quando ha creato all'inizio, ha creato una famiglia, quindi ogni neonato sarebbe nella famiglia, potrebbe crescere normalmente e quindi funzionare pienamente. Ogni persona nata nel suo regno, Dio ha eternamente deciso di far parte della famiglia spirituale chiamata chiesa. Quindi, attraverso quella congregazione, non c'è limite a ciò che Dio può fare per toccare e cambiare il mondo.

Crosswalk.com: Hai detto che i dirigenti della chiesa sono spesso (non riuscivo a capire questa parola) per rispondere alla chiamata dello Spirito. Perché pensi che sia così?

Blackaby: Beh, ancora una volta, biblicamente, questo è vero. Quando Dio stava per giudicare Israele nell'Antico Testamento, furono i capi spirituali a non ricevere mai il messaggio. E quando stava per giudicare Gerusalemme e Giuda, furono i capi spirituali a non ricevere mai il messaggio. Ai giorni di Gesù, Dio mandò suo figlio, e furono i capi religiosi che non solo non ricevettero il messaggio, non ascoltarono, ma crocifissero il Figlio di Dio. Ogni persona che Dio ha inviato loro - i profeti - Hanno ucciso quasi tutti i profeti. E il mio cuore dice: "La natura umana non è cambiata". Non so che i capi spirituali dei nostri giorni sarebbero più sensibili. Alcuni di loro lo sono, ma troppi praticano la religione e cercano di avere successo e farsi un nome. Ma ciò che lo Spirito dice alle chiese che fa attraverso il pastore, così spesso, manca loro il messaggio.

Crosswalk.com: chiarisci che questo libro non è principalmente per i dirigenti della chiesa, ma per i laici. In che modo suggerisci ai membri della chiesa di mettere in pratica le loro convinzioni?

Blackaby: Biblicamente, Dio lavora sempre corporalmente attraverso il suo popolo. Nel Nuovo Testamento, ogni membro di una chiesa fa parte di un corpo locale di Cristo, quindi ognuno di loro è di vitale importanza. L'occhio deve condividere con il resto del corpo ciò che sta vedendo. Non ha l'intero messaggio per la chiesa. L'orecchio deve dire ciò che sente e la mano ciò che sente, e così via. Dio mette i membri nel corpo come gli piace. Mette persino il pastore nel corpo. Non è il capo. Quella posizione è occupata dal Cristo vivente. Quindi se ogni parte funziona nel corpo in cui Dio li ha messi, allora l'intero corpo cresce nella testa, e quindi non c'è limite a ciò che Dio può fare attraverso quel corpo. Ma penso che ogni parte sia di fondamentale importanza. Non puoi lasciare fuori nessuna parte. Se qualcuno dice "Non ho molto talento", direi "Non ha nulla a che fare con il tuo talento o i tuoi doni". Ha a che fare con il luogo in cui Dio ti ha collocato nel corpo e ciò che la Testa sta dicendo attraverso di te, che è straordinariamente importante da ascoltare per il resto del corpo. Quindi, sia che si tratti dell'insegnante della Scuola Domenicale o di un diacono o solo di un normale adolescente o studente universitario, possono condividere. Quindi devono essere coinvolti corporalmente in altrettante opportunità - Ad esempio, se vieni alla riunione di preghiera e c'è una richiesta di preghiera, condividi ciò che Dio ti sta dicendo, non condividere chi è malato. Di ': "Questa settimana Dio mi ha davvero influenzato. Ecco cosa ho visto. Voglio condividere con te e pregare che la nostra chiesa, come corpo, possa ricevere il messaggio che credo che Dio stia cercando di dirci". Quindi ogni persona ora vitale in contatto con il Signore, deve essere coinvolta nella vita del corpo, e non solo parte della vita del corpo. Spesso separiamo i bambini nel lavoro dei bambini, i giovani nel tempo dei giovani, gli uomini nelle cose, le donne - Non farlo. Il corpo deve funzionare insieme corporalmente.

Crosswalk.com: sei stato un pastore per molto tempo. Cosa hai imparato o cosa ti ha mostrato Dio riguardo alla sua volontà di chiesa durante il tuo tempo di pastore?

Blackaby: La cosa sorprendente è che tutto ciò che vedo nella parola di Dio su Dio e le vie di Dio e l'attività di Dio, abbiamo sperimentato mentre pastoravamo. Ho dovuto aiutare le persone a sapere quando Dio sta parlando corporalmente al corpo. E così, ho insegnato e insegnato e insegnato e insegnato dalle Scritture. Ma non ho solo insegnato la verità. Ho insegnato loro come praticare la verità. Gesù disse: "Insegna loro a praticare tutto ciò che ho comandato". Ciò che vedo nelle Scritture, lo eseguo per tutta la mia vita e mi assicuro di dare testimonianza di una relazione con Dio che vedo nelle Scritture. Quindi guido le persone in questo, e abbastanza sicuro, Dio fa esattamente quello che dice che farà. Abbiamo visto cose sorprendenti accadere attraverso un gruppo molto ristretto di persone. Dicono "È fantastico" e io dico "No, è proprio come Dio". Questo è quello che ha detto che avrebbe fatto. Non ha nulla a che fare con le dimensioni o la qualità delle persone, ma il rapporto che hanno con lui. Così come pastore, ho cercato di portare ogni persona, personalmente, e poi come gruppo corporativamente, in una relazione vitale con il Signore in modo che potessimo ascoltare e poi obbedire. Ma dovevo anche insegnare loro cosa significava obbedire. Dovevamo avere un solo cuore e una sola mente. Ma Dio ha detto che ci avrebbe portato a questo. L'abbiamo visto. Ero un pastore molto, molto felice. Mia moglie ed io, entrambi. Tutti e quattro i ragazzi si sono sentiti chiamati al pastore, essendo cresciuti nella nostra casa, che penso sia una specie di affermazione delle verità che stavamo vivendo. Nostra figlia è una missionaria di carriera in Germania.

Crosswalk.com: come ascolti personalmente il Signore e cosa fai per trascorrere del tempo con Lui?

Blackaby: prendo le Scritture e quando Gesù disse: "Ti darò un altro insegnante, lo Spirito Santo. Ti insegnerà tutte le cose. Ti guiderà in tutte le verità" e così via. Quindi, trascorro del tempo con la parola di Dio, aspettandomi chiaramente che lo Spirito di Dio, che è il mio insegnante, userà la parola di Dio come una spada. Paolo parla della spada, che lo Spirito brandisce, è la parola di Dio. In Giovanni 16, Gesù disse: "Ora lo Spirito non parla mai sulla sua stessa autorità. Qualunque cosa ascolti, è quello che parla". Quindi so che quando lo Spirito di Dio prende la parola di Dio e mi porta a un'incredibile comprensione della verità su Dio, o sul Signore, lo sta facendo dallo scopo del Padre nella mia vita. In altre parole, quando il Padre dice: "Spirito Santo, ecco cosa sto per fare nella vita di Enrico. Assicurati che non gli manchi. Quindi, quando viene alle Scritture questa mattina, è quello che voglio che tu faccia fare." L'ho visto accadere nel corso degli anni. Mi alzavo molto presto, probabilmente tra le quattro e le quattro e mezzo. Trascorro un tempo senza fretta davanti a Dio. La cosa più grande che una persona può fare è passare un tempo senza fretta davanti a Dio, per quanto presto abbia bisogno di alzarsi. Gesù si alzò molto prima dell'alba e trascorse del tempo con il Padre. Il rapporto con il Padre e lo Spirito Santo che poggiava su di lui e sulle Scritture fu molto potente nella vita di Gesù. Se è stato così con lui, deve essere per noi. Ho scoperto che nel corso degli anni, è esattamente quello che ha fatto nella mia vita.

Crosswalk.com: tuo padre era un laico e un fondatore di chiese. Che tipo di influenza e modello è stato per te? In che modo ha influenzato la tua vita?

Blackaby: Mio padre è stato probabilmente il più grande singolo influente della mia vita. Non era un pastore. Era un laico. Era un uomo d'affari. Era stato un diacono. Spesso i suoi affari lo portavano in città e villaggi dove non c'era chiesa. Guardò il Nuovo Testamento e si rese conto che tutti i diaconi predicavano. Quando furono dispersi, insegnarono e quindi fondarono le chiese. Il mio primo ricordo della chiesa fu in una sala da ballo con la predicazione di mio padre, mia madre che suonava il piano, mio ​​fratello maggiore che inaugurava e io e mio fratello minore eravamo la congregazione. Papà ha predicato fedelmente e ci ha insegnato la disciplina della chiesa e abbiamo pregato. Ha vissuto il cristianesimo del Nuovo Testamento. La nostra casa era aperta per le riunioni di preghiera, per le persone a venire, per i nativi indiani e per gli uomini d'affari. Ho visto le chiese svilupparsi. Ho visto la sua integrità con le Scritture, la preghiera e la sua testimonianza. Il più grande vincitore dell'anima che abbia mai conosciuto era mio padre. Avrebbe portato uomini d'affari a casa nostra e avrebbe detto: "Madre e ragazzi, preghereste? Parlerò al mio amico del Signore". Forse un'ora dopo sarebbe uscito, e l'uomo avrebbe pianto, e avrebbe detto: "Ha qualcosa da dirti". Avrebbe testimoniato che aveva appena riposto la sua fede in Cristo. Ciò ha avuto una profonda influenza sulla mia vita. Per questo motivo, ho cercato di vivere l'integrità spirituale nella mia vita prima della mia famiglia. Come padre di cinque anni, la mia preghiera era: "Padre, aiutami a vivere così tanto prima dei miei figli che tutti loro sceglierebbero di voler servire il Dio che vedevano servire il loro papà".

Crosswalk.com: è un meraviglioso testamento.

Blackaby: ho una grande eredità da parte di mio padre.

Crosswalk.com: Cosa ti ha spinto a scrivere questo libro ora, in questo punto della storia, in questo momento?

Blackaby: Il libro in uscita da Multnomah è davvero una ristampa e una revisione della prima cosa che ho fatto. Dio aveva fatto un lavoro così grande nella chiesetta. Il sottotitolo originale era " Dallo smantellamento a un potente ministero: una chiesa scopre il suo futuro " . Abbiamo preso un piccolo gruppo di dieci persone che avevano convocato una riunione per sciogliere la chiesa perché erano così scoraggiati. Erano senza pastore da circa cinque anni. Ho detto che sarei venuto. Sono andato da Los Angeles a Saskatoon, Saskatchewan. Sono stato lì per dodici anni, e da quei dodici anni, da quel piccolo gruppo, abbiamo avviato altre trentotto nuove congregazioni, battezzato centottanta studenti universitari, visto un centinaio di sentimento chiamati nel ministero e avviato un intero collegio teologico solo per addestrare quelli che vengono chiamati. Ho sentito che ciò che Dio ci ha insegnato su come lavora nella vita di qualsiasi congregazione, quando la chiesa ascolta ciò che Dio sta cercando di dire loro, ciò può accadere a qualsiasi chiesa, qualsiasi dimensione, ovunque. Ho sentito che oggi è molto necessario. Alcune delle nostre chiese sono in grande disordine, non sapendo chi sono, cosa sono, cosa dovrebbero fare. Praticano la religione ma senza il potere di Dio. Sanno che manca il potere di Dio, ma non sanno come tornare. Penso che questo piccolo libro abbia un enorme potenziale per toccare in modo molto semplice, chiaro, illustrato, ma biblico come una chiesa fa esperienza di Dio quando ascoltano ciò che lo Spirito sta dicendo loro.

Articoli Interessanti