Un motivo per sperare

Siate sempre pronti a dare una risposta a tutti coloro che vi chiedono di dare il motivo della speranza che avete. Ma fallo con dolcezza e rispetto .

1 Pietro 3:15 NIV

Li ho sentiti parlare da diverse file sull'aereo. Ho guardato indietro per vedere una donna più anziana e un giovane internazionale di diciannove o vent'anni, impegnati in una conversazione seria. Parlarono senza sosta per quasi l'intero volo di due ore.

La nonna parlò con eccitazione e gioia, rispondendo al giovane mentre la interrogava in inglese infranto. Ho sentito frammenti: "speranza", "fiducia in Cristo", "piano per te", "gioia", "paradiso" e ho sorriso con comprensione. La donna condivideva intensamente la sua fede in Gesù. Poco prima che l'aereo atterrasse, la sentii chiedere al giovane: "Ti piacerebbe pregare con me?"

Dopo essere scesi dall'aereo, ho trovato la donna e le ho detto quanto fossi felice che avesse avuto la possibilità di condividere di Gesù con il giovane. "È un nuovo credente in Cristo!" lei sorrise.

In un'altra occasione stavo partecipando a una conferenza a diverse centinaia di miglia di distanza. Un tassista nel taxi in cui stavo guidando iniziò una conversazione. Era un seguace di Cristo e aveva guidato un taxi per trentadue anni. "Ho sempre voluto prendere più musica e suonare il sassofono, ma gli amici mi hanno detto che non potevo suonare il jazz ed essere cristiano".

Lo incoraggiai a seguire di nuovo il suo sogno, che non era mai troppo tardi per realizzare ciò che avrebbe potuto essere o ciò che Dio avrebbe potuto fare durante la sua vita.

"Ne sono la prova vivente", dissi, prima di uscire dal taxi.

Alcune donne pensano che quando sono nonne hanno più limiti e quindi meno opportunità di vivere e condividere la loro fede in Cristo. Non così. Nella mia chiesa, le donne anziane hanno aiutato a soddisfare le esigenze fisiche e spirituali dei senzatetto in luoghi come Dallas e New Orleans. Molti hanno dato la "vita" via sia nel loro complesso di appartamenti che in altri paesi del mondo. Per coloro che sono in pensione o che hanno orari flessibili, gli anni senior sono momenti meravigliosi per fare volontariato in luoghi e con organizzazioni che fanno davvero la differenza.

Durante un viaggio di missione in Perù qualche anno fa, Dio mi ha dato diverse opportunità per condividere la mia fede con quelli di varie età: bambini, giovani adulti e nonne come me - per le strade, nelle loro case e nelle scuole bibliche delle vacanze .

Ogni volta che condividevo la mia testimonianza, un giovane uomo ispanico interpretava per me. Avevo guardato con stupore mentre questo stesso giovane portava uno dopo l'altro a Gesù su un autobus, nel tempo che mi ci sarebbe voluto per lavarmi i denti. In un'occasione particolare, abbiamo parlato con una nonna e una figlia per strada. La nonna, in lacrime, annuì d'accordo quando le chiesi se le sarebbe piaciuto conoscere Gesù personalmente. Mentre stavamo finendo la nostra conversazione, la giovane figlia adulta interruppe. L'interprete mi ha spiegato cosa stava dicendo. Aveva voluto fidarsi di Gesù sin dall'inizio della nostra conversazione, ma abbiamo frainteso il suo desiderio. Prima di partire, entrambi hanno detto "sì" a seguire Gesù.

Quando ho visto di nuovo l'interprete al momento della nostra segnalazione negli Stati Uniti, si è scusato con me. "Tutte quelle volte che stavo interpretando la tua storia, usavo una parola che significa" unghie "in Messico, ma" stoffa "in Perù." (La mia testimonianza raccontava come mio padre pastore avesse usato una speciale soluzione liquida e un panno per spiegare l'amore di Dio. Quell'illustrazione visiva mi influenzò molto a seguire Gesù in tenera età.) Dissi all'interprete di non preoccuparmi. Le persone capivano comunque l'amore e il messaggio di Dio.

Potremmo perdere spesso le opportunità di Dio. Io ho. Ma una cosa sono certa. Non esiste davvero un modo "giusto" o "sbagliato" per condividere la ragione della speranza e della gioia nei nostri cuori, tranne che per "farlo con dolcezza e rispetto". Non siamo robot che distribuiscono informazioni in scatola. Dio ci chiama come donne a prenderci veramente cura, a incoraggiare la vita e tutti possiamo condividere le sue buone notizie piene di speranza. Se conosciamo Gesù e confidiamo in lui per aprirci le porte; se ci rendiamo disponibili a lui e riconosciamo che è lui, non noi, a fare il lavoro; allora Dio ci userà ovunque andiamo. Potrebbe portarci alla porta accanto o allo stato successivo. Potrebbe inviarci in un altro paese, in un'altra nonna o nel nostro nipote. La Parola di Dio — e il suo messaggio di speranza — non sono limitati da niente o da nessuno.

Vivi in ​​modo tale da dare agli altri un motivo per interrogarti sulla "speranza che hai". Altri hanno bisogno delle tue parole, del tuo esempio, del tuo incoraggiamento e della tua speranza. Sii semplicemente pronto e lo Spirito di Dio ti darà le parole. Aprirà la strada.

Quali opportunità ti ha dato Dio di "condividere la ragione della speranza che hai"? Se hai perso questa speranza, con chi puoi parlare questa settimana per aiutarti a riscoprirla?

Una speranza duratura può essere trovata solo in Gesù.

Gesù, guidami verso coloro che hanno bisogno di speranza e quelli che ti cercano. Grazie per riempire la mia vita con la tua speranza e gioia. La tua buona notizia è troppo meravigliosa per me per tacere.

© 2010, Rebecca Barlow Jordan, Day-votions ™ per le nonne, Incoraggiamento cuore a cuore (Grand Rapids, MI: Zondervan).

Rebecca Barlow Jordan è un'autrice, oratrice e scrittrice di biglietti di auguri di successo che ha scritto undici libri e oltre 1700 pezzi di ispirazione, tra cui la sua nuova serie di libri con Zondervan: Day-votions per le donne, Day-votions per le madri e Day-votions per le nonne. Puoi acquistare questi libri e altri sul suo sito Web, www.rebeccabarlowjordan.com o iscriverti al suo blog / newsletter più recente su www.rebeccabarlowjordan.com/blog . I devozionali Daily in Your Presence di Rebecca sono anche presenti tra le offerte devozionali quotidiane di Crosswalk.com.

Per ulteriori informazioni su Rebecca, visitare il sito www.rebeccabarlowjordan.com

Articoli Interessanti