Come superare con grazia un tempo di transizione

Sei appena stato rilasciato da un lavoro (posizione, luogo di servizio, ministero, ecc.) E ti stai preparando per il prossimo. Cosa fare nel frattempo?

Hai perso il coniuge per molti anni, sia per morte che per divorzio o qualcos'altro. Cosa fai fino a quando non ti si apre la strada?

Ti sei trasferito dall'unica casa che tu abbia mai conosciuto in una nuova città / paese e lo trovi difficile. E adesso?

Tieni d'occhio la roccia.

I cambiamenti possono essere difficili. Ma possono dare la vita e cambiare la vita.

La vita riguarda il cambiamento. Chi non ama il cambiamento avrà molti problemi in questa vita. Qualsiasi cristiano che non è in grado di gestire il cambiamento avrà difficoltà a seguire il Signore Gesù.

Ecco i miei 10 migliori suggerimenti per te su come sfruttare al meglio il tempo di transizione:

1. Fai lunghe passeggiate da solo e parla molto al Signore.

È meglio alternare parlare con il Signore, quindi tacere per un po '. Quando l'impulso aumenta dentro di te, parla con lui di più, poi fai silenzio. Fallo ogni giorno. Un'ora se possibile. Ricorda, la prima cosa da fare durante questo periodo di transizione è tenere d'occhio la Roccia. Foto per gentile concessione: Unsplash.com/Chetan Menaria

2. Leggi i Salmi. In effetti, vivi in ​​loro.

I Salmi - che è il libro delle canzoni di Israele - “ti prendono”. Non sei il primo a sentirsi abbandonato, solo, tradito o ansioso. Troverai più di un Salmo che sembra essere stato scritto pensando a te. Quando lo fai, sistemati laggiù e vivi in ​​quei passaggi. Richiedili. Scrivili e mantieni dove puoi leggerli spesso. Foto per gentile concessione: Unsplash.com

3. Impegnati a fare cose buone.

La cosa peggiore in assoluto che puoi fare è sederti in casa e aspettare che squilli il telefono. O guarda troppa televisione. O gioca sul computer all'infinito. O eccesso di cibo.

Mi sono divertito a scoprire che un consiglio importante per coloro che soffrono per la perdita di un marito o di una moglie è di rifare il letto. L'idea è a) di chiudere la voglia di passare la giornata nel letto, b) di "fare qualcosa di produttivo", per quanto piccolo, all'inizio della giornata, ec) di mantenere la casa dritta e ordinata. Una camera da letto disordinata è deprimente.

4. Esci di casa.

Cosa o chi ha bisogno del tuo tocco oggi? Cosa puoi fare per fare la differenza, per quanto piccola, nella vita di qualcuno? Suggerisco ai ministri di tenere una lezione biblica, iniziare uno studio biblico di una settimana a casa loro, chiedere al pastore cosa possono fare per alleggerire il suo carico, visitare chiusure, trovare una casa di cura che ha bisogno di te per tenere un servizio di adorazione, o visitare nelle stanze dei pazienti.

5. Avvia un diario.

Scrivilo. Prendi i tuoi pensieri nel libro. Cosa ti passa per la testa in questi giorni? Registralo. Che cosa stai pregando? Scrivilo. Cosa sta succedendo che vorresti ricordare? Non dare per scontato che lo ricorderai più tardi; scrivilo nel libro. Scoprirai che è un'ottima terapia, ma anche istruttiva per qualche tempo futuro in cui tu (o qualcuno vicino a te) stai attraversando una transizione simile.

6. Mantieni alcune amicizie strette.

Se questi amici speciali vivono nelle vicinanze, incontrane uno o due per un caffè quando puoi. Se vivono a distanza, crea l'opportunità di visitarli. Hai bisogno di amici forti nella tua vita in questo momento, le persone che ti conoscono meglio e ti amano di più. Questo, ovviamente, è il motivo per cui i social media sono così importanti.

7. Resta in chiesa.

Devi sederti in un centro di culto e cantare con il popolo di Dio, pregare e portare la tua offerta e ascoltare un sermone. Devi connetterti con il popolo di Dio intorno a te. Proteggiti dal cercare di valutare "A che cosa è servito questo risultato?" Il culto è come la preghiera e mille altri atti della vita cristiana: tutta la fede. Lo fai e lo lasci con il Signore e lo lasci usare come vuole.

8. Mangia sano.

Sono un predicatore battista e non un dietologo, quindi non sono io a definire questo termine. Mi aspetto che ognuno di noi sappia quando stiamo sbagliando (confessione: ieri sera ho mangiato due chili dog e un grosso frappè alla vaniglia dal drive-in Sonic, nella città in cui avevo prestato servizio quel giorno!) E sappiamo che mangiare bene comporta frutta e verdura e simili. "Sei quello che mangi" è una vera affermazione, poiché il cibo è il nostro carburante. (Prometto di mangiare bene il resto di questa settimana per compensare la scorsa sera!)

9. Sii specifico nella tua vita di preghiera.

Che cosa hai bisogno che il Signore faccia esattamente per te? Allora, diglielo! Dillo a parole. Ricorda il mendicante cieco di Gerico, quello chiamato Bartimeo (vedi la fine di Luca 18). Quando ha sentito che stava entrando "Jesus of Nazareth", ha iniziato a gridare: "Jesus! Figlio di David! Abbi pietà di me! ”Più e più volte lo pregava. Alla fine, quando si fermò davanti al Signore, Gesù disse: "Che cosa vuoi che io faccia per te?" Tu e io siamo tentati di dire: "Signore, l'hai sentito! E puoi vederlo! il povero è cieco. Aveva bisogno di un bagno l'anno scorso e di un taglio di capelli l'anno prima! Ha bisogno di guarigione. ”Ma la domanda non era per noi. Bartimeo ha chiesto pietà . Questo è un concetto enorme e potrebbe coprire molte cose: un dono di denaro, un programma di formazione per non vedenti, un posto migliore per chiedere l'elemosina, un rimprovero per coloro che lo avevano maltrattato, vestiti e cibo, ecc. Quindi, il nostro Signore stava dicendo: “Diventa specifico. Che cosa stai chiedendo esattamente? ”E disse:“ Signore, voglio ricevere la vista ”. Quindi! Di cosa hai bisogno oggi? Allora, dillo al Signore!

10. Ridi alcuni ogni giorno.

Durante i trattamenti radioterapici (testa e collo e spalle ogni due giorni feriali per due mesi!), Mi sentivo miserabile. E dato che non c'erano risate nella mia vita in quel momento - per ovvie ragioni - sono andato al piano B. Per diversi anni avevo tenuto ogni numero di Reader's Digest. Segnerei con uno Sharpie le storie e l'umorismo che mi hanno attratto. Quindi ora, avendo bisogno di leggerezza e risate nella mia vita, ogni mattina ho tirato giù un numero di RD e ho letto tutto ciò che avevo segnato. La mattina dopo, un altro problema. È stato un salvavita.

Un giorno, guarderai indietro a questa transizione nella tua vita come la più insolita e forse anche cambiando la vita. Quanto sarai felice se rimani vicino al Signore e lo aspetti, aspettandoti il ​​Suo miglior piano per te invece di andare avanti nella tua impazienza. Dio ti benedica.

Joe McKeever è stato discepolo di Gesù Cristo per più di 65 anni, ha predicato il Vangelo per più di 55 anni e ha scritto e realizzato vignette per pubblicazioni cristiane per più di 45 anni. Blog su www.joemckeever.com.

SUCCESSIVO: Qual è la differenza tra un risveglio spirituale e un risveglio?

Scelti dall'editore

  • 5 belle lezioni per i genitori che soffrono di depressione
  • 10 cricche che esistono in ogni chiesa


Articoli Interessanti