Perché dovresti smettere di vivere secondo la tua lingua d'amore

Nel 1995, Gary Chapman pubblicò il suo libro "The 5 Love Languages" e conquistò il mondo cristiano.

È stato comodamente inserito nella lista dei bestseller del New York Times dal 2009, da allora ha trovato un pubblico con credenti e non credenti. Potresti anche aver letto uno degli spin-off: "Le 5 lingue d'amore dei bambini", "Le 5 lingue d'amore per i single", "Le 5 lingue d'amore per le scuse" o "Le 5 lingue d'amore per l'apprezzamento sul posto di lavoro ".

"The 5 Love Languages" (orientato verso le coppie) ha, di gran lunga, avuto il maggior successo. Fin dalla sua uscita è stato utilizzato dai consulenti matrimoniali, elogiato dai pastori e ha aiutato innumerevoli coppie sposate a trovare profondità e intimità nelle loro relazioni.

Sembra troppo bello per essere vero?

Forse in parte.

Il libro opera sulla teoria secondo cui ci sono cinque principali lingue d'amore: parole di affermazione, atti di servizio, ricezione di doni, tempo di qualità e tocco fisico. Ognuno di noi ha uno o due dominanti, ed è importante capirli, come si classificano e come devono giocare nelle nostre relazioni. Ma a differenza della maggior parte dei profili della personalità, ti consente di "leggere" non solo te stesso, ma la persona che hai di fronte, permettendo ad entrambi di amare (e di essere amati) nel modo in cui realmente hai bisogno.

Come per tutto ciò che viene dalla mente umana, ci sono alcuni sottili difetti in agguato sotto quello che sembra un approccio infallibile. E secondo il pastore e autore Tim Challies, capire questi difetti non screditerà The 5 Love Languages ​​... ti permetterà di usarli meglio. Ecco cosa condivide Challies nel suo vlog, "The Problem with Love Languages":

1. Le lingue d'amore possono mascherare l'egoismo.

"È possibile che io stia effettivamente usando un linguaggio d'amore che apprezzi, al fine di manipolarti, così mi dai amore", condivide Challies. "In altre parole, parlerò la tua lingua in modo che tu parli la mia, o parlerò la tua lingua nella misura o nella misura in cui parli la mia."

Secondo Challies, questo può abilitare un modello "avanti e indietro" in cui (forse anche inconsciamente) attingiamo al linguaggio d'amore di un altro per "nutrire ... principalmente il nostro desiderio di essere amati". Invece di studiare le lingue per imparare per darci l'un l'altro, ci concentriamo sul ricevere amore gli uni dagli altri.

2. Le nostre "lingue" d'amore sono in realtà desideri d'amore.

E come sottolinea Challies, i nostri desideri non possono sempre essere attendibili.

“Queste lingue mostrano semplicemente come desidero essere amato. Mentre guardiamo la Bibbia, sappiamo che non posso fidarmi dei miei desideri. Sono una persona peccatrice. I miei desideri sono profondamente imperfetti, perché io stesso sono profondamente imperfetto. I miei desideri possono semplicemente indicare i miei idoli; quelle cose sono convinto che se non avrò questo, non posso essere felice, non posso essere gioioso. "

Challies fornisce alcuni spunti sui modi in cui possiamo riscattare questi difetti, usando le lingue d'amore in un modo che onora Dio e costruttivo:

  • Usali per aiutarti a capire la varietà di modi in cui ci sono per amare ed essere amati.
  • Presta attenzione a come i nostri cari vogliono davvero essere amati. E renditi conto (e apprezzo) che questo è di solito il modo in cui si manifesterà il loro amore per te.

"Le 5 lingue dell'amore" non ha mai avuto lo scopo di sostituire il Vangelo. Ma questo significa che dovremmo respingerlo come risorsa? Affatto. In realtà, ti incoraggio a raccoglierlo, a leggerlo e ad accettarlo. Non lasciare che lo scetticismo ti impedisca di abbracciare l'impatto che cambia la vita di un libro come questo. Basta essere consapevoli del fatto che non è infallibile e abbiamo bisogno di Gesù in ogni fase del processo.

Penso che tutti possiamo apprezzare i pensieri di chiusura di Challies:

“Ora, come faccio a sapere che le lingue d'amore sono imperfette ma possono essere riscattate? Poiché Gesù Cristo non parlava la lingua che volevo, parlava la lingua di cui avevo bisogno. Questo è il cuore del Vangelo. Parlava nella lingua di cui avevo più bisogno, il che mi dimostra che non posso fidarmi di ciò che voglio. Invece, ho sempre, sempre bisogno di guardare a Lui e alla sua parola. "

Amen.

Data articolo: 16 novembre 2017

Cristina Ford è editrice di Crosswalk.com

Immagine per gentile concessione: © Unsplash



PROSSIMO POST Come avere speranza nel piano di Dio per il nostro dolore Leggi di più Tendenze Come avere speranza nel piano di Dio per il nostro dolore Mercoledì 15 novembre 2017

Articoli Interessanti