Sarah Kelly

Il coro di apertura della prima canzone dell'uscita di Sarah Kelly del 2008, terzo album Born to Worship, dice davvero tutto: "È un giorno nuovo di zecca / E sono libero di vivere e sono libero di amare / In a tutto nuovo. " Dopo più di un decennio di lotta con l'odio verso se stessi e il cedere ancora e ancora alle relazioni abusive, Sarah Kelly è ora una donna libera, una donna che sa chi è, a chi appartiene e in che cosa dovrebbe essere la sua vita e musica di. Il suo nuovo giorno è solo all'inizio.

"In poche parole", spiega Sarah, "sono una persona che ha affrontato una dipendenza, e la mia dipendenza era l'odio per se stessi. Non ho chiesto di affrontarla. Mi ha appena trovato e mi sono arreso Sono caduto in uno schema di peccato, pensando male a me stesso in modo malsano. Non vedevo me stesso come Dio mi vede ".

Invece, Sarah ha visto solo aspetti negativi nelle sue autovalutazioni da adolescente e da giovane adulto, e il suo odio per se stessa l'ha portata a tre diverse relazioni - tutte con i dirigenti della chiesa - in cui è stata maltrattata fisicamente ed emotivamente. Riconosce che, in un certo senso, è rimasta con questi uomini, chiedendo la loro approvazione perché "Pensavo che piacessi a loro, come capi della chiesa, allora a Dio piaccio."

La sua ultima e più seria relazione, tuttavia, la portò letteralmente sull'orlo della vita e della morte, ma la costrinse anche a interrompere il ciclo degli abusi, a porre fine al suo isolamento autoimposto e ad avanzare nella sua vera chiamata come adoratrice principale. "Alla fine vieni in un posto dove o ti suicidi o ne uscirai. Come altre dipendenze, devi toccare il fondo. Devi decidere, 'Farò cosa Ho bisogno di fare per ripulire la mia vita, per farmi un posto migliore perché ne valgo la pena. ""

Grazie in gran parte all'intervento di sua sorella e al sostegno amorevole dei suoi genitori, Sarah è stata in grado di ricominciare la sua vita, anche se per molti versi il suo "nuovo giorno" è un ritorno alle radici che stavano appena iniziando a spuntare durante l'infanzia.

" Born to Worship è l'album che dovevo fare. Due anni fa ho pensato: 'Se fossi morto, avrei rimpianti?' Mi sono reso conto che l'unico rimpianto che avrei avuto non sarebbe stato quello di pubblicare queste canzoni. Devo farlo. Il mio primo album è in realtà questo, il primo che sono in realtà io e non "Sarah Abuse Victim". Questo è l'io che Dio mi ha creato per essere un adoratore. Sono il Signore a che fare con ciò che Lui sceglie. Non sono nato per il rock, non sono nato per urlare, non sono nato per parlare. Sono nato per culto."

In effetti, l'intero album dimostra il punto in cui le 10 canzoni offrono oggi le percezioni di Sarah su Dio, nonché una serie di brani che ha scritto durante la sua vita, tra cui "Sit With You Awhile" e "Not Quite Home" che ha iniziato a scrivere quando aveva solo sette anni.

"Ho iniziato a scrivere musica quando avevo 5 anni, ma non è andata bene fino a quando avevo circa 7 anni", dice ridendo. "Non è che fossi" grande ". Ero ancora un bambino di 7 anni, ma era evidentemente un dono e una passione in giovane età. Sono stato uno scrittore di adorazione per tutta la vita. La musica di culto viene naturalmente da me. Questo dovrebbe dirti qualcosa. I miei primi due album hanno impiegato due anni ciascuno per scrivere. Questo mi ha richiesto un mese. Questo è quello che faccio, e questo è quello che sono. Adoro i cori e amo ispirare le persone a cantare nuove canzoni a Dio scritte in onestà e verità ".

Prodotto da Mitch Dane (Jars of Clay, Bebo Norman) e caratterizzato da un suono rock adulto come Sheryl Crow, Born to Worship rappresenta un netto cambiamento in termini di input di Sarah nel processo. Spiega: "Mi sono avvicinato a questo album in modo completamente diverso perché ho smesso di dire di sì. So che sembra ridicolo, ma mi sono fidato abbastanza da farlo. Su entrambi gli altri album, ho ascoltato tutti gli altri e fatto quello che volevano perché loro so molto di più di me. Questa volta ho fatto affidamento sull'unzione che Dio ha messo nella mia vita. Sono rimasto lì e ho combattuto per quello che sapevo funzionasse. Un produttore potrebbe pensare che un modo sia più eccitante, ma conosco il motivo per cui ho scritto il canzone come ho fatto io. Dovevo stare lì in studio e lottare per la mia visione. Ciò che funziona nella mia chiesa, ciò che funziona dal vivo, questo è ciò che ho inserito nell'album ".

"Musicalmente, è molto più felice di quello che la gente è abituata a sentire da me. Penso che sia semplice ma profondo. È la parte più vera di me che non potrei rilasciare quando il mio interno e il mio esterno non erano gli stessi. La maggior parte artisti quando pubblicarono il loro primo album, pubblicarono le loro migliori canzoni. Non potevo. Adesso lo sono. "

Non solo sta pubblicando le sue migliori canzoni, rappresentando un'istantanea della sua vita, Sarah spera di ispirare gli altri a fare lo stesso. Il suo obiettivo a lungo termine è quello di creare un punto di connessione che porti canzoni nel corpo di Cristo che non siano solo scritte da artisti, ma scritte in chiesa. Cerca di creare un posto, possibilmente online, per le canzoni che stanno facendo la differenza nelle congregazioni locali. Per ora, sta lavorando con alcune chiese e insegnando una lezione mensile di songwriting all'Università della California del sud.

"Non so se sono un leader del culto - lo spero - ma so di essere un adoratore e spero di poter ispirare gli altri ad adorare. Non devi essere un prodigio per scrivere musica. Penso che il culto dipenda davvero da chi stai cercando di glorificare? Stai contribuendo al regno di Dio qui sulla terra? Ti importa delle stesse cose a cui Dio tiene? "

"Davvero, è solo un'altra strada di comunicazione a Dio, ed è la strada che mi ha portato attraverso i momenti più difficili della mia vita, motivo per cui ho una tale passione da condividere su come farlo. Senza quella forma di comunicazione, non vorrei Ho il rapporto con Dio che ho. Senza quel modo di esprimermi, non so se ce l'avrei fatta. "

Adorare la musica - e il suo bisogno di scrivere le sue preghiere a Dio in quel modo - non solo ha aiutato Sarah a sopravvivere al trauma dell'abuso, ma ha anche contribuito alla sua guarigione. La guarigione che è avvenuta, che era appena iniziata come il suo ultimo CD, Where the Past Meets Today, pubblicato nel 2006, continua, ma quella di Sarah che si incontra oggi sta già mostrando notevoli progressi.

"Adesso ho 31 anni e sto bene. Mi odiavo e ho avuto rapporti con ragazzi che mi trattavano male, ma tutto dipendeva da come mi sentivo per me stesso. Dopo due anni e mezzo di essere completamente fuori di quello, mi rendo conto che il mio nemico non è carne e ossa. Non è mai stato un uomo o un modello di comportamento nella vita di un uomo. È sempre stato il mio odio per me stesso che mi ha tenuto lì, ma ora sento che Dio ha davvero mi ha reso vittorioso per questo. Mi piaccio adesso ", dichiara con enfasi e con un sorriso.

"Da quando è uscito l'ultimo disco, tutto - intendo TUTTO - è cambiato nella mia vita. I miei rapporti con i miei genitori, con Dio e con me stesso sono stati completamente restaurati. So che Dio ha cose buone per me. So quale grazia significa ora ... Ora ottengo ciò da cui sono stato salvato. Ora vedo cosa non dovrò sperimentare all'inferno e cosa non dovrò vivere qui. Ora so quanto Dio mi ama. "

E quella conoscenza sta dando a Sarah la sicurezza di sfidare le aspettative e perseguire la sua vera passione. Mentre sia il suo album di debutto Take Me Away che il suo ultimo CD Where The Past Meets Today hanno ottenuto nomination ai Grammy per la rossa appassionata e hanno segnato migliaia di fan in Europa, per non parlare del crescente interesse del mainstream, Sarah sapeva istintivamente che doveva realizzare un album che ha rivelato il suo cuore piuttosto che uno che ha semplicemente scavato più in profondità in un passato oscuro e doloroso.

"I fan in Europa pensavano che fossi come Sarah McLachlan e Janis Joplin scossi in una bottiglia. Lo adoravano. Settemila persone a notte me lo dicevano. Non c'era dubbio che portare la mia musica in quella direzione - una ragazza arrabbiata con lei passato — avrebbe funzionato a livello mainstream. Ma ho dovuto fare una dichiarazione e ho dovuto deludere molte persone che avevano investito molto tempo e denaro in me. È tempo che io prenda posizione e vada via il passato. Voglio vivere lì? Voglio vivere in un costante abuso, sgretolare quei sentimenti per scrivere quelle canzoni? O voglio entrare nella vita vittoriosa che Dio ha per me? Ho scelto di andare avanti. "

"Sono passato da vittima a vincitore e sono seduto qui nel bel mezzo di un" Nuovo giorno ". Quella canzone è il mio inno. Vado a letto con esso nella mia testa e mi sveglio con essa nella mia testa. Non vedo l'ora di quello che ogni nuovo giorno ha per me. Sto vivendo la prova che c'è un Dio ... Sono un miracolo ambulante perché questo genere di cose le persone non escono solo. Quindi voglio che ogni singolo giorno della mia vita lo glorifichi ".

Articoli Interessanti