Se confessiamo i nostri peccati - Versetto Significato di 1 Giovanni 1: 9

Se confessiamo i nostri peccati, è fedele e giusto per perdonarci i nostri peccati e per purificarci da ogni ingiustizia - 1 Giovanni 1: 9.

Se confessiamo i nostri peccati

Questo è uno dei primi versetti che molti nuovi cristiani memorizzano, e giustamente. Mantiene la promessa confortante di perdono e purificazione per tutti noi che abbiamo lottato con la colpa in questo mondo macchiato di peccato. Eppure ci sono alcuni oggi che, poiché non riescono a comprendere l'entità del perdono divino, negano il chiaro insegnamento di 1 Giovanni 1: 9 e insegnano ad altri a fare lo stesso. Dicono che pregare per il perdono rivela incredulità. Dopotutto, un cristiano in buona salute non prova sensi di colpa perché comprende il perdono totale di Cristo. Perché cercare il perdono quando lo hai già?

Tuttavia, il loro marchio di cristianesimo senza sensi di colpa non solo appesantisce le persone colpevoli con più senso di colpa, ma toglie anche l'unico mezzo per alleviare il senso di colpa della confessione del peccato. Anziché aiutare i cristiani ad avvicinarsi a Dio, stanno rafforzando la barriera del peccato che interrompe il loro rapporto con Dio. Ma questa non è la fine della storia.

In cerca di perdono

La Bibbia insegna chiaramente che i cristiani dovrebbero cercare il perdono.

Considera questo:

     In ciascuno dei salmi penitenziali (Pss. 6; 32; 38; 51; 102; 130; 143), il salmista sta dimostrando il cuore di un credente giustificato quando cerca il perdono. In ogni caso il salmista è già un credente, completamente perdonato.

     Nei Vangeli, Cristo ha insegnato ai credenti a chiedere al Padre di perdonare i loro peccati (Matteo 6:12; Marco 11:25; Luca 11: 4). Alcuni di quelli a cui ha parlato sono già nati di nuovo.

     In 1 Giovanni 1, i tempi verbali mostrano che la confessione e il perdono dovrebbero essere un'esperienza continua. Il verso 7 dice letteralmente: "Il sangue di Gesù suo Figlio mantiene purificante da ogni peccato", e anche il versetto 9 dice "Se stiamo continuamente confessando i nostri peccati". Quelli a cui Giovanni scrisse erano già credenti pienamente perdonati (cfr. 5:13).

Ma la domanda rimane: perché dovresti cercare il perdono di Dio se ti ha già giustificato? Se la giustificazione si prende cura del peccato passato, presente e futuro, quindi non c'è condanna per coloro che sono in Cristo (Rom. 8: 1), perché pregare per il perdono? Non stai pregando per qualcosa che è già tuo?

Perdono divino

La risposta è che il perdono divino ha due aspetti. Uno è il perdono giudiziario che Dio concede come giudice. È il perdono che Dio ha acquistato per te dall'espiazione di Cristo per il tuo peccato. Questo tipo di perdono ti libera da qualsiasi minaccia di condanna eterna. È il perdono della giustificazione. Tale perdono è immediatamente completo: non dovrai mai cercarlo di nuovo.

L'altro è un perdono dei genitori che Dio concede come tuo Padre. È addolorato quando i Suoi figli peccano. Il perdono della giustificazione si occupa della colpa giudiziaria, ma non annulla il suo dispiacere paterno per il tuo peccato. Castiga coloro che ama, per il loro bene (Ebrei 12: 5-11).

Lascia che ti mostri la differenza:

     Il perdono giudiziario si occupa del peccato, il perdono parentale riguarda le conseguenze del peccato.

     Il perdono giudiziario ci libera dalla condanna del giusto, onnisciente Giudice, al quale abbiamo perdonato il genitore in colpa, sistemando le cose con un Padre addolorato e dispiaciuto ma amorevole.

     Il perdono giudiziario fornisce una posizione irremovibile davanti al trono del giudizio divino: il perdono dei genitori si occupa dello stato della nostra santificazione in qualsiasi momento e viene dispensato da un trono di grazia divina.

    Quindi il perdono che i cristiani dovrebbero cercare nel loro cammino quotidiano non è la grazia di un giudice arrabbiato, ma la misericordia di un padre addolorato.

Alcuni obiettano all'idea che Dio potrebbe mai essere scontento dei propri figli. Chiedono: i nostri peccati perdonati una volta per tutte possono mai provocare dispiacere divino? La risposta è un clamoroso " ". In effetti, è a causa del giusto dispiacere di Dio per il tuo peccato che si rifiuta di lasciarti nel modo in cui sei peccatore.

In un senso molto pratico, l'indignazione di Dio per i tuoi peccati quotidiani dimostra il Suo amore per te. Questo è il pensiero di Ebrei 12: 5-11 in cui qualche forma della parola disciplina viene usata sette volte. Il divino dispiacere per il tuo peccato porta disciplina, rimprovero e flagellazione. Questa è una buona cosa, non solo perché ti aiuta a liberarti della vita dal peccato, ma mostra anche il Suo amore per te e conferma la tua relazione con Lui: "quelli che il Signore ama Le sue discipline, e flagella ogni figlio che riceve" ( v. 6).

La disciplina di Dio - a volte comporta la punizione per la disobbedienza - è dolorosa; nessuno discuterà con quello. Ma devi ricordare: ti sta facendo partecipare alla Sua santità (v. 10); Ti sta addestrando (v. 11); Sta producendo in te il "pacifico frutto della giustizia" (v. 11). Quindi quando hai peccato, umiliati, confessa il tuo peccato e sottomettiti alla sua amorevole disciplina.

1 Giovanni 1: 9 Versetto Significato: confessa i nostri peccati e sii perdonato

Il rimorso per il peccato, la confessione quotidiana e un atteggiamento continuo di pentimento sono segni di una sana vita cristiana. Qual è il vantaggio? Guarda ancora 1 Giovanni 1: 9: "Se confessiamo i nostri peccati, è fedele e giusto per perdonarci i nostri peccati e per purificarci da ogni ingiustizia" (corsivo aggiunto). Il perdono e la purificazione: quelle promesse sono rinfrescanti per il peccatore come una bevanda fredda d'acqua per un uomo assetato.

David ha testimoniato del potere della confessione in Salmo 32: "Quando tacevo del mio peccato, il mio corpo si sprecava per i miei gemiti per tutto il giorno. Per giorno e notte La tua mano era pesante su di me; la mia vitalità era prosciugata come con febbre calore dell'estate ... Ti ho riconosciuto il mio peccato, e la mia iniquità non l'ho nascosto; ho detto: "Confesserò il mio peccato al Signore"; e hai perdonato la colpa del mio peccato "(vv. 4- 5). La colpa del peccato di David lo colpì fisicamente: trovò sollievo solo attraverso la piena confessione.

Abbiamo già discusso della differenza tra il perdono giudiziario e quello dei genitori - quest'ultimo è in vista in 1 Giovanni 1: 9. È un tipo di perdono soggettivo e relazionale. È il restauro di un luogo di benedizione agli occhi di un padre scontento. Allo stesso modo, la pulizia di 1 Giovanni 1: 9 non si riferisce alla rigenerazione. Piuttosto, è un lavaggio spirituale liberarti dalla contaminazione causata dal peccato nella tua camminata quotidiana. Il verso parla di perdono e purificazione in corso dal peccato, non di purificazione e perdono della salvezza.

Il perdono della giustificazione e il lavaggio della rigenerazione non eliminano la necessità che tu abbia a che fare con la realtà soggettiva del peccato nella tua vita. Se intrattieni un'idea del genere, o verrai consumato dalla tua colpa o ti accanirai contro le fitte della tua coscienza, o una reazione ti separerà da un Padre amorevole.

Invece, continua a confessare i tuoi peccati; cercare il perdono e la purificazione di Dio ogni giorno. Come dice il verso, è fedele a se stesso di perdonare i tuoi peccati ed è giusto, avendo già compiuto la piena espiazione per i tuoi peccati attraverso il sacrificio del suo amato Figlio. Quando confessi i tuoi peccati, sei restaurato da un Padre amorevole che si diletta a inondare il cuore spezzato e pentito con la Sua misericordia e compassione.

Adattato da La libertà e il potere del perdono, © 1998 di John MacArthur. Tutti i diritti riservati.

Articoli Interessanti