3 modi in cui Ebrei 10 ci chiama per rispondere a Gesù

Come rispondo a ciò che Gesù ha fatto per me? È davvero una domanda appropriata da porre, specialmente quando consideriamo la grandezza dell'amore disinteressato che Cristo ha mostrato sulla croce. In effetti, l'opera di Cristo non solo richiede una risposta, ma ne richiede una.

Ma come dovrei rispondere esattamente? Lavoro per guadagnare il suo favore? Cerco di dimostrare che valgo il sacrificio?

No. La Scrittura richiede una risposta, ma non del legalismo o della giustizia. Richiede una risposta contrassegnata da amicizia, fiducia e comunità. E non c'è posto migliore per leggere la nostra risposta a Gesù di Ebrei 10.

In Ebrei 10: 1-19, vediamo la natura limitata e temporale dei sacrifici dell'Antico Testamento in contrasto con lo splendore e la finalità della morte e risurrezione di Cristo. La legge era "ma un'ombra delle cose buone a venire" (Ebrei 10: 1), i frequenti sacrifici non potevano mai "rendere perfetti quelli che si avvicinano" (Ebrei 10: 1) e il sangue di tori e capre non potrebbe mai togli i peccati (Ebrei 10: 4).

Entra in Gesù Cristo.

Colui che "ha offerto per sempre un singolo sacrificio per i peccati" (Ebrei 10:12), e con questo singolo sacrificio, "ha perfezionato per tutti i tempi coloro che sono santificati" (Ebrei 10:14). È a causa della sua morte una volta per tutte che possiamo entrare con fiducia nella presenza di Dio (Ebrei 10:19). Crea, come leggiamo in Ebrei 10:20, "il modo nuovo e vivente". E questo "modo" è Gesù stesso - il suo sangue (Ebrei 10:19); e la sua carne (Ebrei 10:20).

È "il" modo, non "un" modo. Nessuno viene al Padre se non per il sangue di Gesù.

È il "nuovo" modo. L'accesso a Dio non è più diviso da un velo nel tempio, da innumerevoli sacrifici di sangue o da sacerdoti. Ora abbiamo accesso diretto al Padre tramite Cristo.

È il modo "vivente" . Ha vinto la morte e ora vive per intercedere per noi e darci grazia nel momento del bisogno. È il nostro sommo sacerdote eterno.

Come rispondiamo a questo Gesù?

Ebrei 19-21 fornisce la base ("poiché abbiamo fiducia di entrare ...", "poiché abbiamo un grande sommo sacerdote"). Ebrei 10: 22-24 danno tre frasi "lasciaci" - tre inviti a rispondere a Gesù, il nostro "modo nuovo e vivente".

1. Vieni vicino: avviciniamoci a Dio.

"Avviciniamoci con un vero cuore nella piena certezza della fede, con i nostri cuori cosparsi puliti da una coscienza malvagia e i nostri corpi lavati con acqua pura". - Ebrei 10:22 ESV

Cosa ti impedisce di godere di una stretta amicizia con Cristo? Potrebbe essere tutta una serie di cose: dubbio, vergogna, paura, colpa. Siamo dolorosamente consapevoli dei nostri peccati e ci sentiamo come se non potessimo nemmeno guardare il cielo, figuriamoci audacemente alla sua presenza.

Puoi guardare questo verso e desiderare. Vorrei avere la certezza completa. Vorrei avere una coscienza pulita. Vorrei essere libero dalla colpa. Forse pensi che spetti a te ottenere questo accesso, lavorare di più, fare di meglio.

Ma non dipende da te. Non puoi ottenere l'accesso a Dio. Gesù l'ha guadagnato per te.

Coloro che ripongono la loro fede nella morte e risurrezione di Cristo vengono purificati e lavati. Ebrei 10:22 non ti dice di purificare la tua coscienza o di lavarti. Solo il sangue di Cristo “purificherà la nostra coscienza dalle opere morte per servire il Dio vivente” (Ebrei 9:14 ESV).

Semplicemente pentiti e credi, e la tua coscienza sarà ripulita, la tua vita sarà lavata e il nuovo modo di vivere ti sarà aperto, gratuitamente. Così cristiano, sii confortato dal fatto che nulla può separarti da Cristo.

Avviciniamoci, liberi da dubbi, vergogna, paura e senso di colpa.

2. Tieni duro: teniamoci fermi alla confessione della nostra speranza.

"Teniamo forte la confessione della nostra speranza senza esitazioni, perché chi ha promesso è fedele". - Ebrei 10:23 ESV

Ma la nostra risposta a Gesù non è semplicemente quella di ottenere un "biglietto per il paradiso". Non è una decisione unica e senza conseguenze sulla tua vita. Attraverso Cristo, possiamo avvicinarci; ora cerchiamo di "tenere duro".

Una volta che hai assaporato la vita stessa, perché vorresti qualcos'altro? Aggrappati strettamente alla verità. Ti ritrovi a vacillare tra la verità della Parola di Dio e le vane filosofie del mondo? O dite con l'apostolo Pietro: “da chi andremo? Hai le parole della vita eterna ”(Giovanni 6:68)?

Come possiamo mantenere la nostra confessione senza vacillare? Sta a noi mantenere la nostra salvezza?

No. Proprio come l'invito a "avvicinarsi" si basa sull'opera di Cristo e non sulla nostra, l'invito a "restare saldi" è radicato nella fedeltà di Dio, non nella nostra ("perché chi ha promesso è fedele"). Man mano che manteniamo le promesse fedeli di Dio, il fascino del mondo svanirà. Attraverso il modo nuovo e vivente di Cristo, avvicinati e tieniti forte.

La speranza eterna si trova solo in Cristo.

3. Reach Out: consideriamoci l'un l'altro.

"E consideriamo come suscitare l'un l'altro l'amore e le buone opere, non trascurando di incontrarci insieme, come è abitudine di alcuni, ma incoraggiandoci a vicenda, e tanto più quando vedi avvicinarsi il Giorno". - Ebrei 10: 24-25 ESV

C'è ancora un invito. Ti stai avvicinando, tieni stretto, ora guardati intorno. Non sei l'unico per cui è morto Gesù. Ci sono altri che sono stati salvati dal sangue di Cristo, che sono anche entrati nel modo nuovo e vivente. E siamo chiamati a metterci in contatto, ad agitarci l'un l'altro e incoraggiarci a vicenda.

Dopo tutto, sai com'è lottare con il dubbio, la vergogna, la colpa e la paura. Anche i tuoi fratelli e sorelle in Cristo stanno lottando. Devi ricordare loro di avvicinarsi . Sai com'è vacillare nella tua fiducia, essere sedotto dalle attrattive del mondo. Lo sentono anche i tuoi fratelli e sorelle in Cristo. Hanno bisogno che tu li incoraggi a tenere duro.

Christian, non sei un'isola. Non puoi dire che ti stai aggrappando a Cristo se non sei collegato al suo Corpo, la Chiesa. Stai trascurando di incontrarti insieme (Ebrei 10:25)?

Se hai veramente assaporato la gioia liberatrice della vita in Cristo, se hai veramente sperimentato la fiducia fondamentale della fedeltà di Dio, perché tenerla per te? Perché chiudere gli occhi agli altri cristiani che hanno bisogno dell'incoraggiamento, del conforto e dell'esortazione che puoi dare?

Vieni vicino. Tenetevi forte. Raggiungi.

È così che siamo chiamati a rispondere a Gesù. Come stai rispondendo a lui? Stai cercando di venire a Dio alle tue condizioni? In tal caso, capisco perché stai lottando con la colpa, l'ansia e la vergogna che riempie il cuore di coloro che non hanno sperimentato il "nuovo modo di vivere".

Ma l'invito è aperto a te. Cristo ti ha spianato la strada per avvicinarti a lui, tenerlo stretto e farlo al fianco di altri credenti che possono sollevarti e spingerti in avanti.


Aaron Berry è coautore del blog Pursuing the Pursuer . Puoi leggere altri articoli di Aaron e dei suoi colleghi iscrivendoti al loro blog o seguendoli su Facebook , Twitter e Instagram . Aaron attualmente risiede ad Allen Park, in Michigan, con sua moglie e due figli, dove presta servizio nella sua chiesa locale e ha recentemente completato un diploma MDiv presso il Seminario teologico battista di Detroit .

Articoli Interessanti