Cosa dice la Bibbia su un'alleanza di nozze con Dio?

Il concetto di matrimonio è intessuto in tutte le pagine della Bibbia. Dio è sempre rappresentato come lo sposo o il marito e il suo popolo è la sposa.

Isaia 54: 5 : In effetti, tuo marito è il tuo Creatore - Il suo nome è il Signore degli eserciti - e il Santo d'Israele è il tuo Redentore; È chiamato il Dio di tutta la Terra.

Isaia 62: 5 : Perché da giovane sposa una giovane donna, così i tuoi figli ti sposeranno; e come sposo gioisce della sua sposa, così il tuo Dio si rallegrerà di te.

Geremia 3:14 (NIV): "Ritorna, popolo senza fede", dichiara il Signore, "poiché io sono tuo marito. Sceglierò te - uno da una città e due da un clan - e ti porterò a Sion. ”

Geremia 31: 31–32 (NIV): “I giorni stanno arrivando”, dichiara il Signore, “quando farò una nuova alleanza con il popolo di Israele e con il popolo di Giuda. Non sarà come l'alleanza che ho fatto con i loro antenati quando li ho presi per mano per condurli fuori dall'Egitto, perché hanno rotto la mia alleanza, sebbene io fossi un marito per loro ”, dichiara il Signore.

L'intero libro di Osea spiega come Israele si prostituì ad altri dei e come Dio, come partner amorevole, insegue costantemente la sua sposa.

I preparativi per il matrimonio precedono una cerimonia e l'impegno di Israele non ha fatto eccezione.

“Quindi Mosè scese dal monte verso il popolo e li consacrò e lavarono i loro vestiti. Disse al popolo: "Preparati entro il terzo giorno. Non avere relazioni sessuali con le donne ”(Esodo 19: 14–15).

Gli israeliti stavano per stipulare un'alleanza con Dio che richiedeva loro di purificarsi per la cerimonia prima di accettare i voti dell'alleanza. Dio iniziò la relazione a Pasqua, ma completò la relazione sul Sinai.

La nazione fu in grado di ricevere e successivamente obbedire ai comandi di Dio solo dopo averli salvati, non prima. Dio agisce; le persone reagiscono.

Ci sono voti nella relazione.

Nel corso di molti giorni, Dio avrebbe delineato 613 comandamenti per Mosè, ma dieci di essi avrebbe scritto con il proprio dito su tavolette di pietra. Esodo 20 delinea "I Dieci", come alcuni si riferiscono ad essi: 1. Non avrai altri dei davanti a Me, 2. Non farai idoli, 3. Non pronuncerai invano il nome del Signore tuo Dio, 4 Ricorda il giorno del sabato, per mantenerlo santo, 5. Onora tuo padre e tua madre, 6. Non uccidere, 7. Non commettere adulterio, 8. Non rubare. 9. Non darai falsa testimonianza contro il tuo vicino, 10. Non desiderare.

Questi sono i voti alla relazione. Non erano nuovi comandi, né sarebbero stati una sorpresa per questa futura sposa.

Lo studioso dell'Antico Testamento Walter Kaiser ("Exodus", in The Expositor's Bible Commentary, vol.2, ed. Frank E. Gaebelein, Grand Rapids, MI: Zondervan, 1990), 81–82) trova tutti e 10 i comandamenti in Genesi:

Innanzitutto, Genesi 35: 2: "Sbarazzati degli dei stranieri".

Secondo, Genesi 31:39: Labano a Giacobbe: "Ma perché hai rubato i miei dei?"

Terzo, Genesi 24: 3: "Voglio che tu giuri per il Signore".

Quarto, Genesi 2: 3: "Dio ha benedetto il settimo giorno e l'ha reso santo".

Quinto, Genesi 27:41: "I giorni del lutto di mio padre sono vicini".

In sesto luogo, Genesi 4: 9: "Dov'è tuo fratello Abele?"

Settimo, Genesi 39: 9: "Come potrei fare una cosa così malvagia e peccare contro Dio?"

Ottavo, Genesi 44: 4–7: "Perché hai rubato la mia coppa d'argento?"

Nono, Genesi 39:17: “[Joseph] è venuto da me per farmi sport. . . ma . . . egli corse. . . “.

E decimo, Genesi 12:18; 20: 3: “Sei buono come morto a causa della donna che hai preso; è una donna sposata. "

Dio stabilì lo standard dell'intimità con Lui attraverso l'alleanza biblica.

I primi quattro comandamenti parlano della nostra relazione con Dio e gli ultimi sei riguardano la nostra relazione con gli altri. I comandamenti non erano restrizioni ingiuste o violazioni delle loro libertà personali; erano decreti rivoluzionari e controculturali.

In Egitto il popolo era tentato dal dilagante paganesimo, dall'immoralità sessuale, dall'egoismo, dall'avidità e dalla brama di potere. Dio stava stabilendo un nuovo standard. La legge non dovrebbe essere vista come una mera condotta per vivere; era un mezzo per l'intimità con un Dio personale che desiderava abitare in mezzo al Suo popolo.

La loro ultima obbedienza ai comandi di Dio era per devozione, mai dovere. I comandamenti erano una bussola per la vita retta e una giusta relazione con Dio.

I credenti moderni potrebbero non essere a conoscenza dei parametri di un'alleanza biblica. È stato un contratto formale tra due parti che hanno accettato i termini e le condizioni stabilite. In molti modi, è simile, in modo semplificato, ai contratti che firmiamo per il servizio di TV via cavo o cellulare. Accettiamo i "termini e condizioni" nella stampa fine per mantenere la nostra parte dell'accordo.

Il matrimonio è un esempio di una relazione di alleanza tra uomo, donna e Dio.

Potremmo avere un approccio casuale per stipulare contratti oggi (alcuni di noi non leggono mai le parole), ma nel mondo antico gli obblighi contrattuali relativi alle alleanze non venivano presi alla leggera. Il matrimonio è un esempio di una relazione di alleanza tra un uomo, una donna e Dio. Professiamo l'amore per il nostro coniuge mentre alleanze con Dio.

In questo passaggio, alla nascita del popolo di Dio come nazione e come rappresentazione del regno di Dio sulla Terra, Mosè funziona come mediatore tra Dio e il popolo, se vuoi lo scontro.

Con le compresse in mano, Mosè si avvicinò alle persone che indossavano "abiti bianchi", un segno di purificazione e consacrazione per il matrimonio. Lesse il contratto di ketubah, i Dieci Comandamenti, come un invito a una relazione di alleanza. Il popolo risponde "con una sola voce, 'Faremo tutto ciò che il Signore ha comandato'” (Esodo 24: 3). Simile allo scambio di voti tra marito e moglie, la gente grida: "Facciamo!"

Dio non solo divenne il loro partner, ma il loro re.

Di conseguenza, la Torah (la Parola di Dio) rivela il carattere del re e le linee guida per una giusta relazione con Lui.

Dwight Pryor spiega: “All'interno di questo quadro di riferimento, la Torah è intesa come: 1. Un dono gentile - dato a un popolo redento e ricevuto in amore, 2. Un tesoro - che delizia, soddisfa e ripristina l'anima, 3. Scritto dal "dito di Dio", cioè dal fuoco e dalla potenza dello Spirito, e 4. Guida e istruzione - dati da un amorevole Padre ai Suoi figli, affinché possano vivere a lungo e prosperare nel luogo divinamente designato per loro ”. (Dwight Pryor, Unveiling the Kingdom, Dayton, OH: Center for Judaic Studies, 2008, 25).

Mentre Abramo accettò il giogo del regno quando Dio lo chiamò, la nazione di Israele accettò il giogo del regno nel Sinai. (Kaufmann Kohler, "Il regno di Dio", Jewish Encyclopedia, //www.jewishencyclopedia.com/articles/9328 -kingdom-of-god).

Da quel momento in poi è una relazione che pervaderà l'intera Scrittura.


Questo è un estratto da Here And Now: Thriving in the Kingdom of Heaven Today di Robby Gallaty (B&H, 2019). Usato con permesso. Ci è stato insegnato che la salvezza sta facendo uscire l'uomo dalla terra per vivere in cielo, ma la Bibbia insegna che Dio desidera portare il paradiso in terra attraverso l'uomo. Gesù ha parlato del Regno dei Cieli più di ogni altro argomento. Scopri come il Regno di Dio può invadere la tua vita oggi.

Robby Gallaty è pastore senior della chiesa battista di Long Hollow a Hendersonville, TN. Fu radicalmente salvato da una vita di tossicodipendenti il ​​12 novembre 2002. Nel 2008, ha iniziato i Replicati dei Ministeri per equipaggiare e formare uomini e donne come discepoli che fanno discepoli. È anche autore di numerosi libri. Lui e sua moglie Kandi hanno due figli.

Articoli Interessanti