Gesù pianse (ma sai perché?) - Minuto di studio biblico - 31 ottobre 2018

Di Jon Bloom

Il versetto più breve della Bibbia è Giovanni 11:35 : "Gesù pianse". Ma nonostante tutta la sua semplicità grammaticale, è pieno di insondabile complessità. Gesù pianse dopo aver parlato con le sorelle in lutto di Lazzaro, Marta e Maria, e aver visto tutti i partecipanti al lutto. Sembra abbastanza naturale. Anche la maggior parte di noi avrebbe pianto. Solo che Gesù era venuto a Betania per risuscitare Lazzaro dai morti. Quindi si potrebbe pensare che Gesù sarebbe una calma sicura e gioiosa in quella tempesta di dolore. Ma era "molto turbato" ( Giovanni 11:33 ) e pianse. Perché? Ecco quattro possibili ragioni per cui Gesù piangeva e si turbava.

1. Gesù pianse per compassione

Uno dei motivi è semplicemente la profonda compassione che Gesù provava per coloro che soffrivano. È vero che non parlando di guarigione a distanza o con il suo ritardo nell'avvento ( Giovanni 11: 6 ) aveva lasciato morire Lazzaro. Anche se Gesù sceglie sempre ciò che alla fine porterà a suo Padre la maggior gloria ( Giovanni 11: 4 ) - e talvolta, come in questo caso, richiede afflizione e dolore - non si diletta nell'afflizione e nel dolore stesso. No, Gesù è comprensivo ( Ebrei 4:15 ) e si intravede come si sente il Padre per l'afflizione e il dolore che i suoi figli sperimentano.

2. Gesù pianse sul salario del peccato

Un'altra ragione per cui Gesù pianse fu la calamità del peccato. Come Dio Figlio che era venuto nel mondo per distruggere le opere del diavolo ( 1 Giovanni 3: 8 ), Gesù stava per consegnare alla morte il suo colpo di morte ( 1 Corinzi 15:26 ). Ma il peccato rattrista profondamente Dio e così anche il salario del peccato: la morte (Romani 6:23). E sin dalla caduta di Adamo ed Eva aveva sopportato l'orrenda distruzione del peccato. La morte aveva preso Lazzaro e ci sarebbe voluto di nuovo prima che finisse. Lacrime di rabbia e desiderio si mescolarono alle lacrime di dolore di Gesù.

3. Gesù pianse perché conosceva il sacrificio

Una terza ragione per piangere era il costo che stava per pagare per acquistare non solo la risurrezione a breve termine di Lazzaro, ma la sua vita eterna. La croce era a pochi giorni di distanza e nessuno conosceva veramente il disagio interiore ( Luca 12:50 ) che Gesù stava vivendo. Gesù, che non aveva mai conosciuto il peccato, stava per diventare il peccato di Lazzaro e il peccato di tutti coloro che avevano o avrebbero creduto in lui. Stava guardando alla gioia che gli era stata posta ( Ebrei 12: 2 ). Ma la realtà di ciò che si frapponeva pesava pesantemente.

4. Gesù pianse perché conosceva le accuse

Una quarta possibile ragione per le lacrime di Gesù era che sapeva che innalzare Lazzaro avrebbe effettivamente indotto i capi religiosi ad agire alla fine per farlo morire ( Giovanni 11: 45-53 ). Se Gesù avesse avuto difficoltà quel giorno non sarebbe stato se suo Padre avrebbe risposto, ma cosa sarebbe risultato quando suo Padre avesse risposto. Dare vita a Lazzaro significava sigillare la morte di Gesù.

Proprio queste poche ragioni per il pianto di Gesù sulla tomba di Lazzaro ci danno un'idea di come Dio vede la nostra sofferenza e morte. Le sue ragioni per non risparmiarci queste cose sono giuste e gloriose. Ma in essi è pieno di compassione ( Salmi 103: 13 ), odia la calamità che il peccato porta, e lui stesso ha sofferto più di quanto non sapremo mai per pagare l'intero costo della nostra eterna risurrezione.

Nota del redattore: questo contenuto è stato tratto dall'articolo originale: Jesus Wept: 2 parole semplici con profondità incredibile

Articoli Interessanti