6 cose che non sapevi di Paolo nella Bibbia

Pensavo di conoscere l'apostolo Paolo. Ho seguito il suo ministero. E nel corso degli anni, ho trascorso molto tempo a leggere i suoi scritti. Ma recentemente mi sono reso conto di non sapere molto sull'apostolo Paolo come pensavo. Mentre studiavo la vita di Paolo per il mio ultimo studio biblico, ho scoperto diverse cose "nuove" sull'apostolo della grazia. Ovviamente erano lì da sempre; Li avevo semplicemente trascurati. Forse alcuni saranno nuovi anche per te.

1. Paul non è entrato subito nel ministero a lungo termine.

(Galati 1: 13-18) Nella mia mente, Paolo incontrò Gesù su una strada polverosa, trascorse tre giorni a digiuno a Damasco, riacquistò la vista, poi saltò dritto nel ministero ai Gentili e non si voltò mai indietro. Ma un esame più attento della Scrittura racconta una storia un po 'diversa. Nella sua lettera ai Galati, Paolo scrisse che "andò immediatamente in Arabia" (Galati 1:17). In realtà, non è tornato a Gerusalemme per tre anni (Galati 1:18). Cosa fece Paolo durante tutto questo tempo in Arabia? Molti studiosi ritengono che questo potrebbe essere stato un ritiro spirituale per Paolo, un momento per riconciliare tutto ciò che sapeva dalle Scritture dell'Antico Testamento con la sua nuova realtà in Cristo. In Arabia, Paolo potrebbe immergersi nella realtà del suo Salvatore e concentrarsi sull'apprendimento e sulla crescita in preparazione al ministero.

2. Il nipote di Paolo gli ha salvato la vita.

(Atti 23: 12-35) Dopo l'arresto di Paolo da parte di un comandante romano a Gerusalemme, 40 uomini ebrei si impegnarono a giurare di non mangiare o bere nulla fino a quando non avessero ucciso Paolo. I leader ebrei accettarono di aiutarli facendo una petizione al comandante romano per portare Paolo davanti al sinedrio per essere interrogato. Gli assassini progettarono di attaccare Paul durante il trasferimento. Ma il figlio della sorella di Paul venne a sapere della trama e la riferì a Paul nella caserma romana. Quando Paolo disse a un centurione, il comandante romano ordinò un distacco di quasi 500 guardie per trasferirlo a Cesarea sotto la copertura della notte.

3. Il nome di Saul non fu cambiato in Paolo.

(Atti 13: 6-9) Durante il racconto biblico del primo viaggio missionario di Paolo, Luca scrive: “Allora Saulo, che era anche chiamato Paolo…” (Atti 13: 9). Da questo punto in poi, Luca si riferisce all'apostolo solo come "Paolo". Questo spostamento non riflette un cambio di nome, come è stato spesso detto, ma piuttosto una decisione consapevole da parte di Paolo di usare un nome che aveva già. Poiché Paolo era cittadino romano, gli sarebbero stati dati tre nomi alla nascita. Il terzo era il nome latino di Paolo, Paullo . Il nome latino di Paolo si adattava meglio all'ambiente prevalentemente romano. "Saul il fariseo" scelse di essere conosciuto come "Paolo, cittadino di Roma".

4. Dio ha dato a Paolo più di quanto potesse gestire.

(2 Corinti 1: 8-11) - Paolo e i suoi compagni subirono una pressione così estrema durante una particolare situazione in Asia che "disperarono persino della vita". Gli studiosi non sono sicuri dell'evento a cui si riferiva Paolo in questi versetti, ma era un situazione così terribile che Paul credeva che lui e i suoi compagni sarebbero potuti morire. Non vedeva via d'uscita dalla situazione pericolosa per la vita. E in effetti, senza l'intervento miracoloso di Dio, avrebbero avuto. Quando tutta la speranza umana fu persa, Dio le liberò per sua grazia attraverso le preghiere dei credenti (2 Corinzi 1:11).

5. Paolo visitò il paradiso prima della sua morte.

(2 Corinti 12: 1-10) Dio diede a Paolo un assaggio del cielo durante i suoi primi anni come credente, forse durante il suo periodo di ritiro spirituale in Arabia (Galati 1:17). Paul non sapeva se fosse stato trasportato fisicamente o se fosse presente nello spirito. Ma vide e udì “cose inesprimibili”. L'orgoglio sarebbe la naturale risposta peccaminosa a un'esperienza come questa, ma orgoglio e presunzione non avrebbero posto nel servitore di Dio. Pertanto, Dio ha permesso a qualcosa nella vita di Paolo di favorire l'umiltà - una "spina della carne".

6. Paolo si sentì abbandonato da tutti tranne Dio.

(2 Timoteo 4: 9-18) Durante tutto il ministero di Paolo subì prove e persecuzioni per amore di Cristo. Fu lapidato, picchiato, imprigionato, naufragato e tradito. Andava spesso senza cibo, sonno e riparo. Durante la sua prigionia romana, si sentì solo con nessun'altra persona per sostenerlo o difenderlo. Demas lo lasciò perché amava il mondo. Alexander gli ha fatto “un grande danno”. Eppure, nonostante tutto, il Signore stava con lui. Paolo fu confortato e rafforzato dalla potente presenza di Dio. Mi piacerebbe sedermi con Paul e ascoltare tutte le sue storie, scoprire tutte quelle cose non registrate nelle Scritture. Forse avrebbe raccontato tutte le vittorie del Vangelo e mi avrebbe raccontato di più sulla sofferenza che ha subito per il nome di Cristo. Il dolore e la lotta possono aver segnato la sua vita, ma la generosa grazia di Dio lo ha sostenuto in ogni momento. La vita di Paolo è una testimonianza della potenza e della grazia di Dio che lavorano nelle vite del Suo popolo per realizzare i Suoi scopi. Le ultime parole scritte dell'apostolo Paolo, nella sua seconda lettera a Timoteo, rivelano la realtà della forza di Dio resa perfetta nella nostra debolezza (2 Corinzi 12: 9): “Poiché io sono già stato versato come un'offerta di bevande, e il tempo per la mia partenza è vicina. Ho combattuto la buona battaglia, ho finito la gara, ho mantenuto la fede. Ora c'è in serbo per me la corona della giustizia, che il Signore, il giusto Giudice, mi assegnerà in quel giorno - e non solo a me, ma anche a tutti coloro che hanno desiderato ardentemente la sua apparizione. ” (2 Timoteo 4 : 6-8, NIV) Kathy Howard è autrice di 7 libri tra cui il nuovo studio biblico, Lavish Grace: Poured Out, Poured Through e Overflowing . Questo straordinario studio di 9 settimane delle esperienze e degli insegnamenti di Paolo sulla grazia ti aiuterà a riconoscere, riposare e condividere la gloriosa grazia di Dio. Data di pubblicazione: 15 luglio 2016

Questo articolo fa parte della nostra serie People from the Bible con i nomi e le figure storiche più noti della Scrittura. Abbiamo compilato questi articoli per aiutarti a studiare coloro che Dio ha scelto di metterci davanti come esempi nella Sua Parola. Possano le loro vite e le loro passeggiate con Dio rafforzare la tua fede e incoraggiare la tua anima.

Chi era Melchizedek e perché era così importante?

Jael nella Bibbia: 5 potenti lezioni della sua storia

4 cose che potresti non sapere di Abramo nella Bibbia

5 cose da sapere su Luca della Bibbia

20 fatti che potresti non conoscere Mosè dalla Bibbia

La storia biblica della regina Ester

La vita di Ruth - 5 lezioni di fede essenziale

6 cose che non sapevi di Paolo dalla Bibbia

Giovanni Battista: 6 potenti verità dalla sua vita

3 cose che non sapevi di Maria (madre di Gesù)

La storia della Bibbia di Giuseppe

Chi era Pietro nella Bibbia e perché era così importante?

I limiti di Satana in questo mondo

Storia di Noè: 10 verità teologiche

Chi erano i 12 discepoli di Gesù?

La storia biblica di Elia

La storia della Bibbia di Giobbe

Articoli Interessanti