Ballare diventa un cambiamento di vita in "Mad Hot Ballroom

Data di uscita: 27 maggio 2005 (in alcune città)

Classificazione: PG (per lievi riferimenti alla violenza e alla sessualità)

Genere: documentario

Durata: 105 min.

Direttore: Marilyn Agrelo

In una palestra fatiscente a Brooklyn, New York, diverse decine di alunni della quinta elementare vengono messe alla prova. Non è il basket, la pallavolo o uno qualsiasi degli altri sport che tutti ricordiamo dalle lezioni di PE sudate. In questa palestra, è la sala da ballo - e quando vedi il modo in cui questi bambini oscillano, tango, rumba e meringa, potresti voler unirti al divertimento. So di averlo fatto.

Ogni anno, decine di scuole di New York City richiedono a circa 6.000 studenti di quinta elementare di imparare a ballare. Per un totale di dieci settimane, i bambini lavorano con insegnanti di danza, imparando una vasta gamma di mosse, insieme alla storia delle danze. Lavorano sodo ed è difficile dire se gli insegnanti o gli studenti sono più impegnati. Alla fine dei tempi, i migliori ballerini vengono selezionati dai loro insegnanti per una competizione in tutta la città, che si svolge per diverse settimane e alla fine si restringe fino alle finali - e una scuola, che porta a casa il primo premio (un trofeo più alto degli insegnanti). È un evento che cambia la vita che la regista Marilyn Agrelo copre con profonda perspicacia, ma che sicuramente lascerà un sorriso sul tuo viso. Io, ho dovuto asciugare qualche lacrima.

Con l'aiuto della giornalista Amy Sewell, che ha coperto la competizione e le settimane che precedono per un film su un piccolo giornale di New York, Agrelo si concentra su tre scuole: PS 115, situata nella classe bassa, pesantemente domenicana di Washington Heights, PS 150 a Tribeca e PS 112 a Bensonhurst, Brooklyn, un quartiere tradizionalmente italiano, ma che ora è per metà asiatico, a causa dell'immigrazione. Questi non sono bambini benestanti e passano tanto tempo a parlare del problema della droga quanto il loro desiderio di essere selezionati e vincere la competizione di danza. È bello guardare, tuttavia, mentre discutono del sesso opposto ("Ewwww!"), E com'è ballare con loro - specialmente i ragazzi che hanno problemi a condurre.

La cosa sorprendente è che i bambini non solo imparano a ballare come professionisti - e ragazzi, lo fanno - ma quanto le loro vite si trasformano nel processo. È stato spesso detto che l'ozio è una delle tante cause del crimine, specialmente nella città interna, e quando vedi i bambini che praticano le loro mosse (sì, in coppia!) Fuori dalla classe, è molto evidente che dare loro qualcosa da fare, nel loro tempo libero, così come qualcosa da sperare, è importante tanto quanto una buona istruzione e genitorialità. Sebbene alcuni bambini, come lamentano gli insegnanti, cadano ancora nel crimine, altri vivono un momento che cambia la vita. E questo, chiaramente, è ciò che desiderano questi istruttori dedicati. Mentre guardiamo, anche noi. Noi e i bambini abbiamo tutti bisogno delle arti.

Agrelo dedica un po 'troppo tempo alla telecamera per le chiacchiere dei bambini, il che rallenta il ritmo del documentario. Mi sarebbe piaciuto avere più notizie dai genitori, invece. Tuttavia, cattura momenti rivelatori di dialoghi molto rivelatori con gli insegnanti, come quello che desidera quel trofeo come nient'altro, e il preside che "non ama la competizione", ma che accetta comunque di consentire ai bambini di partecipare. Si spera che anche i genitori che si sentono come lei saranno incoraggiati a permettere ai propri figli di competere, anche se ciò significa fallimento, dopo aver ascoltato il direttore del concorso di danza. Mentre gli insegnanti hanno tutte le strategie su cosa fare per i bambini che hanno perso (quindi non si sentirebbero male), dice loro senza mezzi termini che la competizione è buona per i bambini - e che, l'orrore degli orrori, persino perdere può essere buono . "Stanno imparando lezioni di vita qui", dice. "E nella vita ci sono vincitori e perdenti." Un grande messaggio che tutti noi abbiamo bisogno di ascoltare in questa era di diritto.

Sì, carumba! Vuoi fare la rumba? Bene, prendi i bambini e fatti una palla.

PUBBLICO: Bambini, ragazzi e adulti

CONTENUTO SOGGETTABILE:

  • Droga / contenuto di alcol: nessuno, anche se i personaggi discutono del problema della droga nei loro quartieri, esprimendo frustrazione, delusione e rifiuto di non essere mai coinvolti.
  • Lingua / volgarità: nessuna.
  • Contenuto sessuale / Nudità: i bambini di quinta elementare parlano di chi "piacciono"; il ragazzo chiama una ragazza "calda".
  • Violenza: nessuna.

Articoli Interessanti