Steven Delopoulos

'M e Died Blue' è il debutto eb + flo Records / Universal South di Steven Delopoulos, precedentemente noto come il cantante / chitarrista ritmico / cantautore per Burlap To Cashmere, il gruppo folkloristico internazionale Delopoulos fondato a New York durante la fine del ' anni 90. (L'album è un lavoro insolitamente compiuto che suggerisce Delopoulos come il forte erede della grande tradizione del cantautore nord-orientale, una successione letterata di musica emotiva che si estende da Harry Chapin e Paul Simon, a Billy Joel e Bruce Springsteen e oltre. )

Per Monroe Jones, l'etichetta di eb + flo, alla scoperta di Delopoulos e della sua musica, ha generato la creazione della sua etichetta di impronta con Universal South e i suoi partner senior Tim DuBois e Tony Brown. Jones, un produttore e cantautore con sede a Nashville con esperienza in una vasta gamma di stili, aveva preso in considerazione l'idea di iniziare un'etichetta con DuBois e Brown. A Jones mancava, tuttavia, la componente più essenziale di un'etichetta: un artista di livello mondiale. Per Jones, Delopoulous era esattamente questo. "Durante il nostro primo incontro", ricorda Jones, "Steven mi ha suonato 'Another Day', e quando ho sentito la canzone, mi sono ritrovato a cercare di mantenere la calma, più ci si metteva dentro, più mi ritrovavo a sporgermi in avanti nella mia sedia ".

La musica di Delopoulous, infatti, possiede una rara forma di dipendenza emotiva. Scrivendo di paesaggi personali segnati da parate a basso costo e sogni stranieri, amici malinconici e nuvole perdute, Delopoulos crea musica con un passato definito, un presente sorprendente e un futuro molto promettente. È impressionista e ancorato, entrambe le qualità replicate nel tenore allarmato di Delopoulos.

"La mia storia inizia con mio padre che si trasferisce dalla Grecia all'America", spiega Delopoulos, "e incontrare mia madre e avere me, questo bambino con un papà che fumava sigarette, lavorava in cucina, è tornato tutto grasso e ha lanciato musica greca. Mia mamma e mio papà adoravano ascoltare la musica, anche se mia madre era più una persona musicale, un'insegnante di pianoforte e un direttore di coro. Il mio lavoro ora deriva dalla musica popolare greca, che è ancora immensamente popolare lì, proprio come Paul Simon è ancora popolare in America."

La musica greca che ha ascoltato quando era abbastanza giovane continua a perseguitare Delopoulos, 27 anni. "Abbiamo fatto viaggi abbastanza consistenti in Grecia quando ero un bambino", dice. "Il posto era pieno di chitarre acustiche, vocalist femminili, questi tipi di cose da ragazza delle isole. Una delle canzoni che mia mamma adorava era una canzone il cui nome si traduce in inglese come" Red Rose ", una bellissima e bellissima canzone popolare tradizionale. Ho perso un po 'della musica greca, crescendo, andando nelle scuole pubbliche, ma molti di questi ritmi sono rimasti impressi in me. Molte delle mie canzoni hanno ritmi e tempi greci; "Me Died Blue" è fortemente influenzato dal greco canzone in questo modo. Quindi ci sono tocchi greci ovunque, accenni di musica greca, accenni di quell'eredità ". La spettacolare "Holy Sunlight", con la sua suggestiva architettura melodica e ritmi frenetici, modernizza abilmente questa parte delle fonti di Delopoulos; suggerisce la musica tradizionale greca come ripensata dagli U2.

Cresciuto nella contea di Monmouth, nel New Jersey, Delopoulos ha iniziato a incontrare musica oltre la sua famiglia greco-ortodossa. Non ha sperimentato alcuna infatuazione rock-n-roll standard. Non è mai stato "un ragazzo della band", ricorda Delopoulos, adorando all'altare del Led Zeppelin, come molti dei suoi compagni di scuola degli anni '80. "Più cantautori, meglio è", dice delle band che hanno attirato la sua attenzione. "Pensavo, ad esempio, che i Beatles fossero fantastici, perché erano cantautori melodici. Anche i Pink Floyd erano più melodici." Fiduciosamente, Delopoulos continuava a "sempre fare a modo mio", come dice lui, ascoltando il suo senso delle cose, le sue orecchie. "Non ero un ragazzo dei Rolling Stones", ride, "niente del genere."

Tuttavia, Delopoulos afferma che, come molti liceali attratti dalla formazione di gruppi musicali, gli impulsi creativi lo afferrarono. "Mi è piaciuto molto esprimere", ricorda. "Volevo esprimere." A tal fine, scoprì due mondi, la cui congiunzione personale si sarebbe rivelata essenziale per Steven Delopoulos. Quei mondi erano musica folk americana, che dice "ha cambiato la sua vita" e il teatro.

"Harry Chapin è stato il mio primo grande, enorme amore", afferma Delopoulos. "Ricordo di aver comprato tutti i suoi dischi, di aver appena letto, di aver letto la sua biografia: ero affascinato dalla vita di Chapin, da come gestiva il pubblico e da come creava le sue canzoni. Era un maestro scrittore e un narratore davvero bravo. Aveva persino ha vinto un premio cinematografico per un documentario che ha realizzato negli anni '70 sulla boxe. A questo punto suonavo la chitarra, provavo a copiare le sue canzoni. Prima di rendermene conto, avevo iniziato a provare a scrivere da solo. "

Da tutto ciò nacque Steven Delopoulos che, dopo essersi laureato in teatro al college, si trasferì a New York, suonò nelle caffetterie e alla fine fondò Burlap To Cashmere. La band, basandosi su un passaparola sempre più forte e sui fan che adoravano la musica di accento internazionale di Delopoulous, alla fine vendette quasi mezzo milione di copie del loro debutto in A&M. Hanno girato pesantemente, suonando concerti con Train, Hootie & the Blowfish e altri. Da tutto ciò, per non parlare dell'emergere di un lungo periodo di disordini personali, arriva il cantautore di debutto forte di "Me Died Blue".

Delopoulos conserva quello che chiama "un cuore del teatro". Spiega: "C'è qualcosa a proposito, diciamo, di una canzone di Cat Stevens: puoi quasi immaginare un uomo sul palco con un riflettore su di lui, cantando OEmoon Shadow. Penso che il teatro sia l'azione più nobile tra i tentativi di ottenere un pubblico. Ecco cosa si muove io: il teatro e l'espressione: la vera essenza dell'espressione è un atto umile e nobile e nessuno si fa male. Questa è la bellezza del teatro. La musica popolare è diventata molto politica e diretta. Il teatro è l'antidoto a questo.

Sta presentando una storia, che può portarti in un certo posto diverso. La combinazione è semplicemente fantastica. Ho un cuore da teatro. Sono una persona per natura, amico. Ma preferisco creare, come il songwriting, più di quanto mi piace seguire una sceneggiatura. Ecco perché scelgo di sedermi in studio e di farlo. "

In grande stile cantautorato, le dozzine di canzoni su Me Died Blue traggono grande profitto dalla particolare e personale spinta verso l'espressione di Delopoulos. Si va dalle ballate che mescolano armoniosamente come "Jungle Trail" e "Here I Go" - musica che riesce a combinare rigoglioso strumentalismo ed emozioni aspre - a cantanti più allegri come "12 West Front St." e "Me Died Blue", i cui testi di lavoro, così come "oh-oh-oh" e "la-la-la", nei loro energici agenti ritmici. Su "Acque mediterranee", Delopoulos lancia la sua visione in tutto il mondo, rilevando "diamanti italiani" e "bellezze francesi". C'è del buono, c'è del male, c'è la tragedia, c'è lo stupore e, in questa melodia completamente viva, c'è speranza per il futuro.

"Penso che molte di queste canzoni rappresentino il mio modo di dare un senso al fatto che sia OK essere ovunque tu sia, senza sensi di colpa", afferma Delopoulous. "Il punto centrale di questo album è la dignità: penso che la ragione per cui il mondo è in subbuglio è perché la gente sta attirando l'attenzione. Sto solo cercando di creare la mia teologia, per arrivare a un posto equivalente a quella parola, quella condizione: dignità. Questo è l'obiettivo, ricevere la benedizione di poter vedere te stesso nel suo insieme. "

Articoli Interessanti