Puoi perdere la tua salvezza?

È tempo di buttar fuori tutti i fantasiosi schmancy -ism - calvinismo, arminianesimo, dispensazionalismo - e affrontare la questione. Che cos'è esattamente un cristiano e come posso sapere con certezza se lo sono? È possibile perdere la tua salvezza? La buona notizia è che la risposta è no! La linea di fondo è che quando riponi la tua fede in Gesù, sei sicuro. Non puoi "perdere" accidentalmente o facilmente la tua salvezza, ma credo che ci siano prove che puoi rifiutarla ignorando continuamente Dio o rifiutando di obbedirgli.

Che cos'è la salvezza?

E la risposta troppo complicata a questa domanda è ... convinzione . Questo è tutto. Abbiamo cercato di farlo altre cose ... la preghiera del peccatore, andare in primo piano in chiesa, il battesimo. Ma la semplice verità è che solo la fede nel Messia cambia i nostri cuori, le nostre vite e le nostre eternità.

È interessante notare che le parole cruciali "credenza" e "fede" sono usate più di 550 volte nella Bibbia. Credi nel Signore Gesù e sarai salvato (Atti 16:31) e, ... se confessi con la bocca che Gesù è il Signore e credi nel tuo cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvato (Romani 10: 9). Ma qui sta la domanda ...

Che cos'è il credo?

Dalla parola greca Pisteuo, credere significa "pensare di essere veri, di cui essere convinti, accreditare, fidarsi". Per me, questa è la differenza tra falsificarla e picchettarla, cioè scommettere la tua vita su ciò che professi. Credere in qualcosa "nel tuo cuore" significa che il nucleo di te è avvolto da quella convinzione. La credenza è ciò che senti, pensi, dipende, e quindi, da ciò che fai, da chi sei e da cosa diventi.

Ci sono troppi "cristiani" che affermano di credere in Gesù come il loro Messia, ma ci sono poche prove significative dalle loro vite - decisioni, atteggiamenti, comportamenti, convinzioni, conversazioni, morale, valori, obiettivi, abitudini - che rispecchierebbero il loro labbro servizio. Se credi davvero che Gesù sia morto per te e ti abbia liberato dalla schiavitù del peccato e della morte spirituale, e se davvero credi che il Creatore dell'Universo vuole avere una relazione personale, quotidiana, intima ed eterna con te, la tua vita dovrebbe essere radicalmente, magnificamente, permanentemente, tangibilmente e costantemente cambiando nella vita di tutti i giorni.

Il Nuovo Testamento è pieno zeppo di versi che sottolineano la necessità delle nostre vite esteriori di riflettere la nostra convinzione interiore. È impossibile piacere a Dio senza fede (Ebrei 11: 6), Proprio come il corpo è morto senza spirito, così anche la fede è morta senza buone azioni (Giacomo 2:26), ... lavorare sodo per dimostrare che sei davvero tra quelli che Dio ha chiamato e scelto. In questo modo, non inciamperai o cadrai mai (2 Pietro 1:10), Smetti di amare questo mondo malvagio e tutto ciò che ti offre, perché quando ami il mondo, mostri che non hai l'amore del Padre in tu (1 Giovanni 2:15).

Quelli della storia che hanno dimostrato questa tangibile, esteriore fiducia nella loro vita quotidiana sono un faro splendente e un esempio per noi da seguire: armato solo con un bastone da pastore, Mosè condusse diversi milioni di persone sulle rive di un mare gigante mentre i carri nemici si abbattevano da dietro. Abramo sollevò il coltello per sacrificare il suo unico figlio e la sua unica speranza per l'adempimento della promessa di Dio di una grande nazione di discendenza da cui sarebbe venuto il Messia. Gideon, l'autoproclamatosi più debole in Israele, si diresse in una valle piena di guerrieri giganti per distruggerli con l'aiuto di soli trenta uomini. Esther osò avvicinarsi al potente re - non invitato - per chiedere un favore discutibile che incriminò il suo fidato consigliere. David si offrì di sfidare un gigante in un combattimento corpo a corpo, che persino il re aveva paura di affrontare. Dodici uomini rinunciarono a tutto per seguire un uomo in campagna che sarebbe morto morendo vergognosamente su una croce. Cosa significa questo per noi? Dobbiamo capire che i requisiti di fede per quelle persone non sono in realtà diversi dai requisiti per noi oggi.

Puoi perdere la tua salvezza?

Alcuni dicono: "Che differenza fa? Assicurati solo di essere lì." Bene, è tutto fantastico ... fino a quando non si tratta del sistema di credenze con cui cresco i miei figli. E se mi sbaglio? E se insegno loro in modo tale da mettere a repentaglio il luogo in cui trascorrono l'eternità? O se insegnassi loro in modo tale da paralizzare la loro visione del carattere di Dio?

Mi rendo conto che esiste un ampio spettro di opinioni su questo tema e non tutti saranno d'accordo con la mia interpretazione delle Scritture. E va bene. Ma spero che penseremo tutti a questo argomento in profondità e lo studieremo esaurientemente per noi stessi, fino a quando non sapremo dove ci troviamo. Ma baso la mia convinzione su questo nel mio studio approfondito dell'intera Bibbia e non solo di alcune Scritture isolate.

Prima di tutto, non credo che si possa "perdere" di per sé la propria salvezza. È vero che nessuno può "strapparmi dalla mano di mio padre". Credo anche che solo la grazia salvi. Non ho più il potere di salvarmi di quanto potessi nuotare attraverso il Pacifico. Il perdono dei miei peccati colmando il divario per favorire con Dio per l'eternità dipende solo dall'opera compiuta da Cristo sul Calvario attraverso il Suo sangue.

Ma qui ho una parte: la responsabilità di rispondere, quindi il primo passo della credenza salvavita. E oltre a ciò, ho la responsabilità di rimanere fedele fino alla fine, esercitando la mia libera volontà di amare Dio con tutto il mio cuore, mostrato dall'obbedienza (Giovanni 14:21), e di rimanere in comunione continua con Lui. L'equilibrio di grazia e opere sembra essere una santa tensione che non può essere separata. Mentre non mi lascerà né tornerà indietro alla Sua alleanza con me (se siamo senza fede, rimarrà fedele - 2 Timoteo 2:13), sembra che io possa scegliere di porre fine al mio accordo con Lui (se perseveriamo, noi regnerà anche con lui. Se lo rinneghiamo, anche lui rinnegherà noi - vs. 2:12).

Considera questi passaggi aggiuntivi delle Scritture:

Promesse condizionali: "Quindi devi rimanere fedele a ciò che ti è stato insegnato fin dall'inizio. Se lo fai, continuerai a vivere in comunione con il Figlio e con il Padre (1 Giovanni 2:24, enfatizza il mio)". E "Perché se siamo fedeli fino alla fine, confidando in Dio con fermezza come quando credevamo per la prima volta, condivideremo tutto ciò che appartiene a Cristo (Ebrei 3:14)".

Esaù commerciava il suo diritto di nascita: "Assicurati che nessuno sia immorale o senza Dio come Esaù. Ha scambiato il suo diritto di nascita come il figlio maggiore per un singolo pasto. E poi, quando voleva la benedizione di suo padre, è stato respinto. Era troppo tardi per pentimento, anche se piangeva lacrime amare ". Ebrei 12: 16-17

Il figlio lasciò la sua casa spirituale: "Dobbiamo festeggiare con una festa, perché questo mio figlio era morto e ora è tornato in vita. Era perso, ma ora viene trovato (Luca 15:24)". Questo famoso brano sul figliol prodigo ha alcune interessanti traduzioni in greco. La parola per figlio è Hulos, che può significare prole letterale e figlio di Abramo. E le parole per morto (Nekros) e perduto (Apollumi) portano la metafora di morti spiritualmente e condannati all'inferno. Questo figlio, non straniero o qualcuno fuori dalla famiglia, ha ribellemente lasciato la casa di suo padre e si è procurato una condizione di morte spirituale. Mentre questa metafora è stata parlata del figlio di Dio Israele nel quadro generale, è anche un avvertimento per gli individui.

Gli Israeliti persero la Terra Promessa: Dio fece una promessa a Israele, il Suo "figlio eletto", di portarli nella Terra Promessa, ma tutte le Sue promesse a loro erano subordinate alla loro fedeltà e obbedienza. La loro ostinata incredulità e ribellione mantennero un'intera generazione fuori dalla Terra Promessa, la loro eredità ordinata. Mentre guardiamo avanti alla nostra "Terra Promessa" di vita eterna, le implicazioni sembrano chiare.

Giuda vendette Gesù: Giuda era uno dei dodici scelti da Gesù. Era completamente uno dei membri della famiglia nella cerchia interna della fiducia. Camminava con Gesù, mangiava con Gesù, viaggiava con Gesù, viveva con Gesù, era stato scelto da Gesù. Come poteva Giuda non aver creduto in Gesù almeno una volta? Vide tutti i miracoli con i propri occhi. Eppure Giuda vendette Gesù per trenta pezzi d'argento e suggellò il suo destino.

Il servitore esiliato: "Chi è un servitore fedele e sensibile, a cui il padrone può dare la responsabilità di gestire la sua famiglia e di nutrire la sua famiglia? Se il padrone ritorna e scopre che il servo ha fatto un buon lavoro, ci sarà una ricompensa Ti assicuro che il padrone incaricherà il servitore di tutto ciò che possiede. Ma se il servo è malvagio e pensa: "Il mio padrone non tornerà per un po '" e inizia a opprimere gli altri servitori, festeggiando e ubriacarsi - beh, il maestro tornerà senza preavviso e inaspettato. Distruggerà il servo e lo bandirà con gli ipocriti. In quel luogo ci saranno pianti e digrignando i denti ... (Matteo 24: 45-51). "

Avvertimenti: avvertimenti solenni sulla caduta di pepe in tutta la Bibbia, a partire dalla legge (dalla Genesi al Deuteronomio), quindi dai profeti (da Isaia a Malachia) e infine dal Nuovo Testamento. Se non fosse un'opzione per allontanarsi da Dio, perché la Bibbia avrebbe bisogno di pubblicare avvertimenti? Gli avvisi indicano che c'è qualcosa di cui essere avvisati. "Attento, in modo da non perdere il premio per il quale abbiamo lavorato così duramente. Sii diligente in modo da ricevere la tua piena ricompensa. Perché se vai oltre l'insegnamento di Cristo, non avrai comunione con Dio ( 2 Giovanni 1: 8-9). "

Quindi ecco la linea di fondo. Se hai veramente creduto in Cristo per il perdono dei tuoi peccati per ricevere il dono gratuito della vita eterna, ora hai una responsabilità deliberata, dal punto di vista biblico. Non puoi "perdere" accidentalmente o facilmente la tua salvezza, ma credo che ci siano prove che puoi rifiutarla ignorando continuamente Dio o rifiutando di obbedirgli. Come Esaù, puoi commerciare nel tuo diritto di nascita come figlio di Dio. Non ti divorzierà, ma puoi divorziare da Lui. Non ti squalificherà, ma ti squalificherai con ribellione senza fede e incredulità dal collo rigido, come dimostrato dal modo in cui vivi la tua vita volontariamente e coerentemente.

Quindi, come possiamo sapere se siamo salvati di sicuro? "Ricorda che quelli che fanno il bene dimostrano di essere figli di Dio e quelli che fanno il male dimostrano di non conoscere Dio (1 Giovanni 3:11)." Tutto dipende da come esercitiamo il miracoloso mistero del nostro libero arbitrio. E questo libero arbitrio è una bella immagine dell'amore in azione. Posso scegliere di ricevere perché sono amato e desiderato. Posso scegliere di rispondere perché amo e desidero.

Julie Ferwerda è l'autore di The Perfect Fit: Piecing Together True Love , e ha scritto per pubblicazioni come Marriage Partnership , Focus on the Family e Discipleship Journal . Scopri di più: www.JulieFerwerda.com .

Articoli Interessanti