Re: Worship

Sembra ... l'adorazione moderna con un tocco rock più aggressivo, come Sonicflood o Circadian Rhythm mescolato con Linkin Park o Def Leppard At a Glance ... Re: L'album di culto di Zound non è così innovativo o unico come pubblicizzato, ma hanno uno stretto e suono rock compiuto e un cuore genuino per il culto e il ministero

La band ora conosciuta come Re: Zound si è formata originariamente a Tempe, in Arizona, nel 1997 con il nome di Switch. Il loro suono rock pesante riflette la gamma di influenze dei sei membri della band, inclusi Creed, Linkin Park, Def Leppard, POD, Pearl Jam, Incubus e Skillet. Nel corso degli anni, il sestetto ha suonato come house band nei club locali per sviluppare la loro esibizione dal vivo e finanziare più registrazioni. Nel 1999, hanno incontrato il produttore Ken Mary (LaRue, Alice Cooper) e hanno registrato un album indipendente, che ha portato a un successo inaspettato. Il loro singolo, "Angel", ha ottenuto una trasmissione in onda su un certo numero di emittenti radiofoniche tradizionali e ha aiutato la band a guadagnare il titolo di "Artista non scoperto # 1 di MTV" nel 2001 via Internet. Una volta appreso che esisteva già una band chiamata Switch, nacque Re: Zound.

La parte interessante del successo di Re: Zound finora è che sono anche una popolare band di culto, che conduce 5.000 un fine settimana al mese a Mesa, in Arizona, Living Word Bible Church. Il loro impegno nel ministero è senza dubbio uno dei motivi per cui hanno rifiutato una serie di contratti discografici con etichette tradizionali. All'inizio del 2003, Re: Zound è stato invitato a viaggiare con i ministeri internazionali giubilari di Dick Bernal in India, esibendosi per 30.000 in una conferenza annuale. Questo impegno per lodare e adorare si riflette nel ministero della band (visitano regolarmente le chiese) e nel tema del loro nuovo album, Re: Worship .

Ri: Zound e i loro pubblicisti dovrebbero essere elogiati per aver fornito un kit di stampa molto completo (artisti indipendenti, prendi nota) che include materiale biografico, un CD-ROM con immagini, un DVD con riprese video promozionali, una copia finale (cioè completa) di l'album Re: Worship e una copia del loro EP Breathe di otto canzoni, che include la loro canzone di successo "Angel". Tutto ciò è stato molto utile per valutare l'evoluzione del suono del sestetto, che una volta mostrava alcune tendenze rock hardcore: il cantante Jason Anderson offriva alcuni ringhi sorprendentemente gutturali simili a Staind e 12 Stones. Anche se non sento personalmente il grosso problema di "Angel" (ha alcuni ganci interessanti, ma non è poi così memorabile), le canzoni di Re: Zound erano un tempo intrecciate con alcuni testi poetici e di ispirazione spirituale che ricordano Jars of Clay.

Tutto ciò è generalmente irrilevante per quanto riguarda Re: Zound's Re: Worship (diventa fastidioso re: alleato veloce, non è vero?). Il ronzio della band e il suono dei Breathe furono sufficienti per indurmi a credere che Re: Zound avesse sviluppato un'interessante miscela di culto moderno e rock hardcore per il loro ultimo album. Invece, la band ha notevolmente attenuato il suo bordo metallico e, mentre alcuni passi per essere creativi sono stati fatti in alcune accordature di chitarra alterate, Re: Zound suona fondamentalmente come Sonicflood o Circadian Rhythm se hanno favorito alcune chitarre elettriche occasionalmente più pesanti. Contrariamente a ciò che potresti sentire o leggere, non sembrano molto simili ai Linkin Park in questo album.

La cosa più deludente è il commercio di testi pensati della band per la retorica dell'adorazione standard. Jason, che è anche il paroliere principale di Re: Zound, afferma di voler creare un album di culto ispirato alla Bibbia perché non abbastanza canzoni moderne di culto incorporano la Parola. Sebbene ciò sia vero per alcune canzoni e album di culto, ci sono certamente numerosi esempi di nuove canzoni di culto che sollevano i loro testi direttamente dalle Scritture. Non è né unico, né si affeziona necessariamente a se stesso: molti degli inni più amati nel corso dei secoli hanno fatto affidamento su espressioni originali di fede piuttosto che su rifacimenti delle citazioni della Bibbia.

Quindi, mentre Re: Worship vuole essere qualcosa di stimolante e unico, i risultati finali sono solo nella media. Per un esempio di ciò, non guardare oltre il primo singolo, "Alleluia", incluso due volte nell'album con diversi mix. È una canzone di culto stranamente frustrante che è in qualche modo sia accattivante che dissonante, rimanendo bloccato nella mia testa molto tempo dopo la fine del CD — Non sono sicuro di volerlo lì perché parti della melodia sono così strane. I testi non offrono nulla che tu non abbia mai sentito prima nella musica di culto: "God of Refuge and Shield around around me / Prince of Peace and Lord God Onnipotente / E ogni giorno voglio passare con Te Signore". Al contrario, "Forever" ha un suono di culto moderno più accessibile e guida, ma la gamma della melodia non è congregazionalmente amichevole e il testo è ancora più semplicistico: "Signore, il tuo amore, il tuo amore è per sempre / Amore perdonatore e sempre immancabile / Tu sei, per sempre / Signore, la tua gioia, la tua gioia è dentro di me / Gioia eclatante, gioia che mi completa / Sei per sempre, per sempre, per sempre e sempre. "

L'unica copertina dell'album è una resa senza vita e faticosa della ballata di culto classica "I Exalt Thee". Ancora più noioso è il mal scritto "In This Place (Sanitaire)", che ti farà venire sete di una nuova idea dopo il primo versetto: "E alzerò la mia voce e ti adorerò / Da questo giorno in questo luogo, Signore, cercherò la tua faccia / In ginocchio, Signore, cadrò a te offrendo tutto / Da questo giorno, in questo posto / Signore, cercherò la tua faccia / Da questo giorno, in questo posto ". I testi continuano con variazioni ripetitive su "da questo giorno", "in questo luogo" e "Ti adorerò".

Dopo aver completamente digerito tutto il materiale della stampa, ho ancora avuto difficoltà ad apprezzare il tremendo ronzio che circonda Re: Zound. Questa band ha un suono stretto e suona bene, ma a parte la forte sezione ritmica (in particolare il batterista Terry Dillard), i musicisti non si distinguono. I chitarristi tendono a preferire un approccio wall-of-sound piuttosto che competenza. Per tutte le esibizioni dal vivo di alto profilo, Re: Zound dimostra una presenza sul palco molto ridotta. E un cantante capace come Jason — sembra Jason Wade (Lifehouse) incrociato con David Crowder e il leader del culto David Ruis — ci sono ancora momenti di intonazione, qualità tonale pizzicata e supporto del respiro improprio, anche ora dopo sei anni davanti alla band.

Questa è una band di culto con promessa, ma non ancora quella che farà fare a milioni di persone per acquistare album e adorare le risorse. Il che non vuol dire che Re: Worship non abbia i suoi momenti, specialmente su tracce come "Holy Ground", "Always" e l'inno più vicino "Healing Song". Né è difficile capire Re: Zound come una popolare band di culto, specialmente tra i gruppi di giovani. Sono davvero una band migliore della nuova formazione di Sonicflood. Questo è un grande esempio di una banda di adoratori in aumento, in cerca di opportunità per portare il loro ministero oltre le mura del santuario. Sono partiti abbastanza bene.

Ma non esageriamo e chiamiamo Re: Zound unico o rivoluzionario. Il suono è per lo più lì, ma il songwriting non lo è. Se Re: Zound si sente chiamato ad essere una band di culto moderna di alto profilo, ciò di cui hanno davvero bisogno (più che un suono) è un inno di culto che la chiesa abbraccerà ampiamente e vorrà cantare, come Delirious aveva fatto nei loro primi giorni con " Did You Feel the Mountains Tremble "e" Potrei cantare per sempre del tuo amore ". Pensaci, se MTV fosse così entusiasta di Re: Zound, quale sarebbe la loro reazione a Delirious?

Nota: all'ultimo minuto, la data di uscita di Re: Worship è stata rinviata al 19 agosto.

Articoli Interessanti