Cosa significa "Noel"? - Verbale di studio della Bibbia - 21 dicembre 2018

Cosa significa "Noel"?

Di Meg Bucher

Noel, un'altra parola per Natale, ci ricorda di fermarci e cantare la speranza che abbiamo in Gesù. Noël, la parola francese per Natale, deriva dal latino natalis, che significa "nascita". (Wikipedia)

“Oggi nella città di David è nato un Salvatore per te; è il Messia, il Signore. ”Luca 2:11

Un "Cactus di Natale" fiorisce solo durante il periodo natalizio. Ho dimenticato di annaffiarlo per la maggior parte dell'inverno, rinvasarlo in primavera e continuo a dimenticarmene. Ma la mia pianta continua a sopravvivere oltre la mia capacità di prendermene cura. Ogni anno, la prima settimana dell'Avvento (Natale), inizia a fiorire. È in una pentola di terra abbastanza asciutta ... sulla mia scrivania ... nel nord dell'Ohio ... ed è un cactus. Eppure Dio dice: "è ora".

Noel è un compleanno! Definiamo il tempo come un momento o un'ora nominati, fissi o consueti affinché qualcosa accada, inizi o finisca. (Merriam-Webster) Dietro ogni essere umano c'è un bambino in un grembo materno che ha iniziato a sussurrare Dio, "è tempo". Possiamo fidarci dell'autore della vita e la prova è Gesù. Nella città di David, Dio disse: "è il momento" e nacque il Salvatore del mondo. Gesù, nato per sostenerci, nutrirci e amarci; venne da noi come un bambino vulnerabile che doveva essere tenuto, nutrito e amato.

“È venuto nel mondo che ha creato, ma il mondo non lo ha riconosciuto. Venne dal suo stesso popolo e perfino loro lo respinsero. Ma a tutti coloro che lo credevano e lo accettavano, dava il diritto di diventare figli di Dio. Sono rinati, non con una nascita fisica derivante dalla passione o dal piano umano, ma una nascita che viene da Dio. ”Giovanni 1: 10-13

Ogni mattina pulisco fedelmente e preparo gli occhiali per la giornata con un panno e uno spray speciali. Ne vale la pena per me. Apprezzo il panorama. Indovina un po? Sono anche infrangibili. La mia visione è protetta.

Quando Zaccaria perse la sua capacità di vedere chiaramente Dio, Hisspeech se ne andò. Dubitava della visione che vedeva. Ha messo in discussione il messaggio. Alla nascita di suo figlio, il suo discorso è tornato. Gesù ha restaurato la nostra speranza con la Sua. Potrebbe qualcosa che in precedenza non eravamo consapevoli di bloccarlo dalla nostra visione?

Il lato b della nascita si trova oltre la creazione di Dio della nostra fisicità. Ha costruito la possibilità di speranza nel nostro DNA. Un dono di grazia concesso dal sacrificio del bambino nato nella città di David. L'opportunità di liberarsi e seguirlo a casa. Il potere dello scopo mentre i nostri piedi calpestano la terra di questa Terra. Quando Cristo è il nostro Salvatore personale, il silenzio viene sollevato e la nostra visione riallineata ... come ottenere un nuovo paio di occhiali infrangibili. In un nuovo abbraccio di amicizia definito, siamo nati ... di nuovo. Credere. Vedere…

"Noel, Noel, Noel, Noel ... nato è il re di Israele."

"Noel, Noel, Noel, Noel ... nato è il re di Israele."

-Il primo canto natalizio di Noel

Prenditi del tempo per cantare in festa! Gesù è nato per salvarci. Non è solo una festa di compleanno. Il Natale è l'amore del Padre e la pace del Figlio che trascende l'incapsulamento del tempo. La nascita è l'emergere di un nuovo individuo dal corpo del suo genitore (Merriam-Webster.) Dio disse: "è ora" e come il vento soffia quando dice e il mare si calma sulla sua mano, il Cielo venne sulla terra incarnato in Suo figlio. Non solo possiamo prendere parte a questa storia d'amore ... ne siamo al centro. Potete vederlo? Noel! È tempo.

Meg scrive della vita quotidiana nell'amore di Cristo sul suo blog, //sunnyand80.org. È una mamma casalinga, scrittrice freelance, blogger e autrice di "Friends with Everyone ... Friendship Within the Love of Christ". Risiede nel nord dell'Ohio con suo marito di undici anni, due figlie e la loro Golden- scarabocchio.

Articoli Interessanti