Che cos'è la redenzione? Il significato importante per i cristiani dalla Bibbia

Allora, come è andata oggi? Hai avuto paura di alzarti dal letto questa mattina? Eri irritato dal traffico mentre andavi al lavoro? Stai affrontando richieste irragionevoli da parte del tuo datore di lavoro? C'è tensione continua nel tuo matrimonio? Ritieni che i tuoi figli apprezzino sempre più ciò che fai per loro? Le notizie della sera ti hanno rallegrato alla fine della giornata? Sei semplicemente stanco della solita routine e desideri qualcosa di nuovo?

È probabile che ti senta gravato su uno o più problemi sopra. Di sicuro non sei da solo. In effetti, la Bibbia afferma: “Perché sappiamo che l'intera creazione ha gemito insieme ai dolori del travaglio fino ad ora. Non solo, ma noi stessi che abbiamo lo Spirito come i primi frutti - gemiamo anche dentro di noi, aspettando con impazienza l'adozione, la redenzione dei nostri corpi ”(Romani 8: 22-23). Tutti i gemiti della creazione, desiderando la redenzione.

La definizione di redenzione

Il dizionario definisce la redenzione come: 1. l'azione di salvare o essere salvati dal peccato, dall'errore o dal male . 2. l'azione di riguadagnare o ottenere il possesso di qualcosa in cambio di un pagamento o la compensazione di un debito .

Romani 5: 8-11 specifica,

“Ma Dio dimostra il suo amore per noi in questo: mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi. Dato che ora siamo stati giustificati dal suo sangue, quanto più dovremo essere salvati dall'ira di Dio attraverso di lui! Perché se, mentre eravamo nemici di Dio, ci siamo riconciliati con lui attraverso la morte di suo Figlio, quanto più, dopo essere stati riconciliati, saremmo salvati per tutta la sua vita! Non solo è così, ma ci vantiamo anche in Dio attraverso il nostro Signore Gesù Cristo, attraverso il quale ora abbiamo ricevuto la riconciliazione ”.

La redenzione è usata sia nell'Antico che nel Nuovo Testamento della Bibbia. L'Antico Testamento. Nell'Antico Testamento, il riscatto comporta la liberazione dalla schiavitù basata sul pagamento di un prezzo da parte di un redentore. Le parole della radice ebraica usate più spesso per il concetto di redenzione sono pada, gaal e kapar. Il verbo pada è un termine legale relativo alla sostituzione richiesta per la persona o l'animale consegnato. Il verbo gaal è un termine legale per la liberazione di una persona, proprietà o diritto a cui uno ha avuto un precedente reclamo attraverso la relazione o il possesso familiare. Il significato del terzo verbo, kapar, è quello di coprire.

Fondamentale per il messaggio del Nuovo Testamento è l'annuncio che Gesù di Nazareth è la realizzazione della speranza messianica di Israele e che, in lui, è arrivata la tanto attesa redenzione. La liberazione dell'umanità dal suo stato di alienazione da Dio è stata compiuta attraverso la morte e la risurrezione di Cristo (Rom 4:25; 2 Cor 5: 18-19). Nel Nuovo Testamento, la redenzione richiede il pagamento di un prezzo, ma la condizione che richiede un simile riscatto non è morale. L'umanità è trattenuta nella prigionia del peccato da cui solo la morte espiatoria di Gesù Cristo può liberare. ( "Voce per" Riscattare, redenzione "". "Dizionario evangelico di teologia")

La redenzione è necessaria

Quando la vita diventa dura, tendiamo a dire che abbiamo bisogno di una pausa. Ciò di cui abbiamo davvero bisogno, tuttavia, è la redenzione. Invece di ottenere una tregua momentanea dalla follia che ci circonda, la redenzione è la promessa di Dio di liberarci dal potere e dalla presenza del peccato.

Se questa promessa sembra troppo bella per essere vera, considera il fatto che il mondo lavorava in questo modo. Prima della loro ribellione, Adamo ed Eva avevano un'amicizia ininterrotta con Dio, un'intimità senza pari tra loro e un godimento indisturbato nel loro ambiente edenico. Non c'è mai stato un momento come il loro in cui gli umani esercitavano il dominio biblico sulla creazione, si completavano a vicenda in modo così pieno e gioioso vissuto ogni momento di ogni giorno sotto il dominio di Dio. Ma ci sarà.

La Bibbia prevede un giorno in cui queste relazioni interrotte saranno ripristinate per sempre. Il popolo di Dio erediterà una nuova terra che porta cibo abbondante a parte il sudore della fronte e senza la minaccia delle spine (Apocalisse 22: 2). Non sentiranno mai dolore né faranno soffrire gli altri di alcun tipo poiché le loro lacrime sono state eternamente asciugate (Apocalisse 21: 4). La morte non perseguiterà più i vivi poiché gli agnelli gentili riposeranno fianco a fianco con i lupi precedentemente carnivori (Isaia 11: 6). Soprattutto, Dio dimorerà con il suo popolo (Apocalisse 22: 3). Nulla di sporco sarà autorizzato a entrare nella nuova creazione. Non ci saranno alberi che ingannano o serpenti che tentano. Il culto, non la preoccupazione, caratterizzerà la famiglia di Dio in un mondo senza fine. In una parola, questo mondo caduto sarà redento.

Pertanto, la visione del mondo cristiana si basa su due realtà: il buon mondo di Dio viziato dal peccato umano (caduta) e gli esseri umani peccatori resi idonei a godersi Dio per sempre (redenzione). Nonostante la caduta, il mondo continua a funzionare - in un certo senso. Dopo la caduta, il figlio maggiore di Adamo ed Eva si dimostrò straordinariamente abile nel navigare attraverso la vita. Caino sposò una donna e amò il figlio (Genesi 4:17). Nonostante la maledizione del terreno, Caino divenne un contadino e poi un costruttore di città (Genesi 4: 3, 17). Perfino i discendenti di Caino erano noti per la loro abilità creativa, compresi i progressi nella pastorizia del bestiame, nel suonare strumenti musicali e nello sviluppare armamenti robusti (Genesi 4: 20-22). In parole povere, anche le persone cadute in un mondo caduto riescono in qualche modo a contribuire al progresso umano.

D'altra parte, anche le persone moralmente rette riescono a confermare la situazione umana. Noè è un tale uomo che, nel mezzo di una fogna morale, è riuscito a trovare favore agli occhi di Dio (Genesi 6: 8). La sua abilità artigianale è dimostrata dalla sua capacità di costruire un'arca che ha resistito alla tempesta più distruttiva di sempre. La sua attenzione ai dettagli ha risparmiato non solo la sua vita ma quella della sua famiglia e dell'intero regno animale (Genesi 6: 14-22). Tuttavia, nonostante la grazia di Dio nei suoi confronti, Noè in seguito si ubriacò e svenne nudo nella sua tenda (Genesi 9: 20-21). Quando si svegliò, imprecò contro le generazioni che dovevano ancora nascere (Genesi 9:24). Questo non è certo il comportamento che ci si aspetterebbe dall'uomo che Dio ha usato per salvare il mondo, ma la vita di Noè conferma che "non c'è nessuno giusto, nemmeno uno" (Romani 3:10).

La redenzione è già realizzata ma non ancora completa

Gli umani conservano ancora l'immagine di Dio, che spiega ogni parvenza di bontà e consente qualsiasi senso di progresso (Genesi 1: 26-27; 9: 6). Tuttavia, la vita non è come dovrebbe essere in questo mondo decaduto. I teologi hanno differito sui mezzi con cui il peccato di Adamo è stato tramandato ad ogni persona, ma la realtà della morte fornisce una conferma sufficiente che nessuno è esente (Romani 5:12). Sebbene Charles Manson e Billy Graham abbiano preso strade completamente diverse con le loro vite, entrambi sono soggetti alla condanna a morte come te e io. La Bibbia descrive così la nostra situazione comune: siamo "morti" nelle nostre "trasgressioni e peccati" e siamo "Per natura i bambini sotto l'ira" (Efesini 2: 1, 3).

La redenzione è l'inversione della caduta. In parte, questa inversione significa che coloro che erano spiritualmente morti sono resi vivi (Efesini 2: 4) e quelli che erano figli dell'ira sono ora figli di Dio (1 Giovanni 3: 1). Sebbene la Bibbia riconosca che le persone cadute possono dare un contributo positivo al mondo nel suo insieme, la Bibbia è abbastanza chiara che nessuno può contribuire in modo positivo alla propria redenzione (Romani 3: 23-28). L'unica persona qualificata per annullare gli effetti della caduta è Gesù Cristo che, come l'eterno Figlio di Dio incarnato attraverso la Vergine Maria, fu esentato dall'eredità del peccato di Adamo. Questo non vuol dire che non fu tentato mentre viveva in un mondo caduto e sperimentò autentiche lotte che tutti gli umani affrontano (Ebrei 2: 14-18). Tuttavia, la Bibbia afferma senza batter ciglio che Gesù non ha mai peccato (2 Corinzi 5:21; Ebrei 4:15; 1 Pietro 2:22) e si concentra quindi su di lui solo come colui che può adattare gli uomini peccatori per adorare un santo Dio (Atti 4, 12). Anche la morte di Gesù non fu il risultato di alcun peccato che commise, ma piuttosto il più gentile atto d'amore mai mostrato, in cui prese su di sé i peccati del mondo in modo che tutti coloro che credono in lui saranno salvati (Romani 5: 6 -11).

Il quadro generale della redenzione nella Bibbia

La dottrina della redenzione si estende anche oltre la questione della salvezza individuale. Durante la sua vita, Gesù ha fornito abbondanti prove della sua capacità di ripristinare completamente un mondo caduto. Dimostrò la sua signoria sul cielo quando calmò le tempeste sul mare (Marco 4: 35-41); dimostrò la sua signoria sull'inferno quando esorcizzò demoni da un uomo in difficoltà (Marco 5: 1-20); dimostrò la propria signoria sulla vita quando guarì una donna dalla sua malattia incurabile (Marco 5: 24-34); e dimostrò la sua signoria sulla morte quando risuscitò una ragazza dai morti (Marco 5: 35-43). Con questi e innumerevoli altri miracoli (Giovanni 20: 30-31; 21:25), Gesù ci ha fornito un'ampia ragione per concludere che questo mondo travagliato non è la nostra casa. Lui stesso renderà tutto nuovo (Apocalisse 21: 5).

Il libro finale della Bibbia è, quindi, una conclusione appropriata della storia della caduta con la sua dichiarazione trionfante di piena redenzione: “Poi mi mostrò il fiume di acqua viva, scintillante come cristallo, che scorre dal trono di Dio e di l'Agnello nel mezzo dell'ampia strada della città. L'albero della vita era su entrambi i lati del fiume, portando 12 tipi di frutti, producendo i suoi frutti ogni mese. Le foglie degli alberi servono a guarire le nazioni e non ci sarà più alcuna maledizione. Il trono di Dio e dell'Agnello saranno in città e i Suoi schiavi lo serviranno. Vedranno il suo volto e il suo nome sarà sulla fronte. La notte non esisterà più e le persone non avranno bisogno della luce della lampada o della luce del sole, perché il Signore Dio darà loro luce. E regneranno per sempre ”(Apocalisse 22: 1-5).

Vivere alla luce della redenzione

Vivere in un mondo decaduto come cristiani significa che sperimenteremo prove e tribolazioni e continueremo a lottare con le nostre stesse tentazioni. Siamo perdonati, ma Dio non ha ancora finito con noi (Filippesi 1: 6). Di conseguenza, desiderare un mondo migliore, anche un mondo perfetto, non è una forma di evasione. Piuttosto, è la legittima anticipazione del cristiano di una promessa fatta da Colui che ha giustamente pronunciato una maledizione su questo mondo e poi ha preso amorevolmente quella maledizione su di sé per redimere la gente per la sua gloria.

Quali sono alcuni passaggi pratici che puoi usare per condividere la storia della redenzione con gli altri?

Riconosci che siamo tutti prodotti della caduta e bisognosi di redenzione . È facile dimenticare che le persone che ci danno fastidio sono spesso persone proprio come noi. Siamo tutti colpiti e afflitti dalla caduta. Quando vediamo le persone attraverso l'obiettivo di essere cadute (invece di aspettarci che vivano come se fossero state completamente riscattate), possiamo essere più comprensivi. Pertanto, invece di provare rancore nei loro confronti, dovremmo riconoscere la necessità di indicarli al loro Redentore. Gesù lo affermò in questo modo: "'Ama il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua mente'. Questo è il primo e il più grande comandamento. E il secondo è simile: "Ama il tuo prossimo come te stesso". Tutta la Legge e i Profeti pendono da questi due comandamenti ”(Matteo 22: 35-40).

Renditi conto che le sofferenze di questo mondo sono temporanee . Questo non per diminuire il dolore che proviamo quando i nostri corpi falliscono o quando gli amici ci tradiscono. Il dolore è doloroso e lo sentiremo. Tuttavia, la promessa della redenzione è che il nostro dolore e la nostra sofferenza non sono definitivi. Abbiamo speranza perché Dio stesso ha promesso di riscattare tutta la creazione. Se vogliamo che gli altri condividano la nostra storia di redenzione, lo facciamo meglio quando viviamo alla luce della nostra redenzione futura. 1 Corinzi 2: 9 afferma: "Ma come è scritto, " Ciò che nessun occhio ha visto, nessun orecchio ha udito e nessun cuore umano ha concepito "- Dio ha preparato queste cose per coloro che lo amano."

Rispondi alla grazia di Dio nella tua vita offrendo grazia agli altri . Una delle gioie che sperimenteremo nei nuovi cieli e nella nuova terra è sapere che siamo lì perché qualcuno ha condiviso con noi la buona notizia del Vangelo. Quanto più la nostra gioia sarà sapere che qualcuno è stato redento perché abbiamo condiviso con loro la storia della redenzione! Possiamo farlo con dolcezza e gentilezza: “Ma nei tuoi cuori venerano Cristo come Signore. Siate sempre pronti a dare una risposta a tutti coloro che vi chiedono di dare il motivo della speranza che avete. Ma fallo con dolcezza e rispetto ”(1 Pietro 3:15).

Per saperne di più su ciò che dice la Bibbia sulla redenzione, dedica del tempo ai seguenti passaggi:

Genesi 3:15

Esodo 6: 6-7

Numeri 24:17

Salmi 22

Giobbe 15: 25-27

Isaia 53

Isaia 61

Luca 1: 30-32

Luca 1:68

Galati 3:13

Galati 4: 4-7

Tito 2: 11-14


Anthony L. Chute ( PhD , Trinity Evangelical Divinity School) è decano associato della School of Christian Ministries e professore di storia della Chiesa presso la California Baptist University di Riverside, California, dove ha prestato servizio dal 2003. Chute è stato co-editore e ha contribuito a Why We Belong: Evangelical Unity and Denominational Diversity (Crossway, 2013) e coautore di The Baptist Story: From English Sect to Global Movement (B&H Academic, 2015), ora un manuale standard nella storia battista. Lui e sua moglie Connie sono sposati da 27 anni e hanno due figli, Amos e Joelle.

Articoli Interessanti